Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale

Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale    Bologna -studio legale matrimonialista    Bologna –avvocati diritto di famiglia    Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza

ACHIAMA AFFIDATIAANSIA

Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale    Bologna -studio legale matrimonialista    Bologna –avvocati diritto di famiglia    Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza

Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale    Bologna -studio legale matrimonialista    Bologna –avvocati diritto di famiglia    Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza

Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale    Bologna -studio legale matrimonialista    Bologna –avvocati diritto di famiglia    Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza

separazione giudiziale
separazione consensuale 
separazione con addebito
separazione consensuale costi 
divorzio consensuale
separazione e divorzio 
costo separazione consensuale
divorzio congiunto 
separazione per colpa
separazione coniugale 
separazione legale
divorzio giudiziale 
  1. Bologna -studio legale matrimonialista
    separazione giudiziale separazione consensuale separazione con addebito separazione consensuale costi divorzio consensuale separazione e divorzio costo separazione consensuale divorzio congiunto separazione per colpa separazione coniugale separazione legale divorzio giudiziale
    separazione giudiziale separazione consensuale separazione con addebito separazione consensuale costi divorzio consensuale separazione e divorzio costo separazione consensuale divorzio congiunto separazione per colpa separazione coniugale separazione legale divorzio giudiziale
  2. Bologna –avvocati diritto di famiglia
  3. separazione consensuale a Bologna,separazione coniugi a Bologna, avvocato matrimonialista i miei consigli
    separazione consensuale a Bologna,separazione coniugi a Bologna, avvocato matrimonialista i miei consigli

    Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza

  4.  
  5.  
  6. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE
  7. SEZIONE I CIVILE
  8. Sentenza 20 marzo – 15 luglio 2014, n. 16172
  9. 
(Presidente Forte – Relatore Giancola)
  10. Svolgimento del processo
  11. Con sentenza n. 10/09 del 7.01.2009 il Tribunale di Vicenza dichiarava la separazione personale dei coniugi V.G.M. (ricorrente) e D.S.P., con addebito della separazione alla M., cui affidava i due figli minorenni della coppia, per il cui mantenimento imponeva al D.S. di versare alla moglie l’assegno di € 3.000,00.
  12. Contro la sentenza del Tribunale la M. proponeva appello principale con riguardo all’addebito a sé della separazione, contestando di avere violato l’obbligo di fedeltà coniugale e comunque la sussistenza del nesso di causalità tra la sua condotta e la compromissione del rapporto comiugale. A sua volta il D.S. proponeva appello incidentale relativamente all’assegno di mantenimento stabilito a favore dei figli, deducendo sia che con sentenza n. 630/08 del medimo Tribunale di Vicenza era stata accolta la sua azione di disconoscimento della paternità del figlio A., per modo che non aveva significato l’obbligo impostogli di mantenerlo, e sia l’eccessiva entità del contributo da lui dovuto per il mantenimento della figlia, tanto più considerando l’assenza di ogni dimostrazione circa il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio. In ogni caso chiedeva di potere versare direttamente alla figlia, ormai maggiorenne, l’assegno per il suo mantenimento. L’adita Corte di Appello di Venezia, con sentenza del 19.10.2009-10.03.2010, rigettava entrambi i gravami, compensando le spese dei grado.
  13.  
  14. Separazione e divorzio SEPARAZIONE CONSEGUENZE PATRIMONIALI
    Separazione e divorzio SEPARAZIONE CONSEGUENZE PATRIMONIALI
  15. La Corte territoriale osservava e riteneva che:
  16. – la pronuncia di addebito era corretta, potendo considerarsi dato pacifico il fatto che la M. avesse avuto una relazione sessuale con uomo diverso da suo marito, atteso l’esito della causa di disconoscimento di paternità del figlio, e comunque risultando la sua infedeltà dimostrata dalla deposizione resa dalla teste B., capace ed attendibile, valutata anche alla luce delle dichiarazioni rese dalla stessa M. e delle fotografie prodotte in giudizio, ritraenti l’attrice, l’altro uomo, marito della teste, ed il piccolo A. a cavallo, attestanti un’intensa ed armoniosa frequentazione tra i tre, indicativa di uno speciale rapporto tra loro;
  17. – pure l’appello incidentale doveva ritenersi infondato, essendo l’assegno di mantenimento per il minore comunque dovuto fino all’accertamento, con efficacia di giudicato, del nuovo status del minore stesso, ed essendo del tutto congrua l’entità dell’apporto stabilita dal primo giudice, anche proporzionata al patrimonio del D.S. ed al suo reddito, come già accertato nel pregresso grado di merito e non oggetto di gravame;
  18. – anche la richiesta dei D.S. di attribuire l’assegno direttamente alla figlia divenuta maggiorenne, andava disattesa, in quanto ella viveva con la madre che provvedeva al suo mantenimento.
  19. Avverso questa sentenza la M. ha proposto ricorso per cassazione affidato ad un motivo e notificato al PM presso il Tribunale di Vicenza ed al D.S., che ha resistito con controricorso e depositato memoria.
  20. Motivi della decisione
  21. A sostegno del ricorso la M. denunzia “Violazione e falsa applicazione, ex art. 360 n. 3 c.p.c., degli artt. 151 e 143 c.c. in comb. disp. art. 2697 c.c., nonché la omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione, in riferimento all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 5, su un punto decisivo della controversia, per avere la Corte di merito dato per provato il nesso tra la presunta relazione extraconiugale della sig.ra M. e la crisi del matrimonio sulla base del principio secondo cui l’infedeltà rappresenti ex se causa d’addebito, senza tuttavia alcuna indagine volta a verificare se tale relazione abbia avuto in concreto efficienza causale rispetto alla fine del rapporto.”.
  22. Si duole che le sia stato addossato l’onere della prova della non ricorrenza di una situazione coniugale già compromessa.
  23. Il motivo non merita favorevole apprezzamento (già) alla luce del condiviso principio di diritto affermato da questa Corte di legittimità (cfr cass. n. 2059 del 2012), secondo cui «Grava sulla parte che richieda, per l’inosservanza dell’obbligo di fedeltà, l’addebito della separazione all’altro coniuge l’onere di provare la relativa condotta e la sua efficacia causale nel rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza, mentre, è onere di chi eccepisce l’inefficacia dei fatti posti a fondamento della domanda, e quindi dell’infedeltà nella determinazione dell’intollerabilità della convivenza, provare le circostanze su cui l’eccezione si fonda, vale a dire l’anteriorità della crisi matrimoniale all’accertata infedeltà.».
  24. Conclusivamente il ricorso deve essere respinto, con condanna della M., soccombente, al pagamento delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come in dispositivo.
  25. P.Q.M.
  26. La Corte rigetta il ricorso e condanna la M. al pagamento, in favore del D.S., delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in € 3.500,00 per compenso ed in € 200,00 per esborsi, oltre agli accessori come per legge.
Ai sensi dell’art. 52, comma 5, del D.Lgs. n. 196 del 2003, in caso di diffusione della presente sentenza si devono omettere le generalità e gli altri dati identificativi delle parti.
  27. Bologna-avvocato per addebito separazione-casa coniugale
  28. Bologna -studio legale matrimonialista
  29. Bologna –avvocati diritto di famiglia
  30. Separazione, addebito, abbandono tetto coniugale, mantenimento, irrilevanza
  31.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *