RISOLVI !!!

impugnazione testamento
impugnazione testamento pubblico
impugnazione testamento lesione legittima
impugnazione testamento prescrizione
impugnare testamento olografo
invalidità del testamento
impugnazione testamento
testamento falso
causa eredità
come impugnare un testamento

AFOTOGRAFICA1 impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione

legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare

testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare

testamento entro quando, impugnare testamento significato

Avvocati matrimonialisti Bologna,avvocati separazione e divorzi Bologna, avvocati famigliaristi bologna avvocato lavoro Bologna. Avvocati provincia Bologna, avvocati incidete Bologna, avvocati danno Bologna, avvocati penale Bologna, avvocati cause lavoro Bologna, avvocati cause ereditarie Bologna, avvocati diritto civile bologna, avvocati consulenza Bologna, avvocati Malasanità Bologna, avvocati diritto immobiliare Bologna, avvocati impresa Bologna
Avvocati a Bologna, avvocato Sergio Armaroli

impugnazione testamento
impugnazione testamento pubblico
impugnazione testamento lesione legittima
impugnazione testamento prescrizione
impugnare testamento olografo
invalidità del testamento
impugnazione testamento
testamento falso
causa eredità
come impugnare un testamento
fotocattedrale

impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione

legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare

testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare

testamento entro quando, impugnare testamento significato

impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare testamento entro quando, impugnare testamento significato

impugnazione testamento impugnazione testamento pubblico impugnazione testamento lesione legittima impugnazione testamento prescrizione impugnare testamento olografo invalidità del testamento impugnazione testamento testamento falso causa eredità come impugnare un testamento
impugnazione testamento impugnazione testamento pubblico impugnazione testamento lesione legittima impugnazione testamento prescrizione impugnare testamento olografo invalidità del testamento impugnazione testamento testamento falso causa eredità come impugnare un testamento

impugnare testamento olografoimpugnazione testamento
impugnazione testamento pubblico
impugnazione testamento lesione legittima
impugnazione testamento prescrizione
impugnare testamento olografo
invalidità del testamento
impugnazione testamento
testamento falso
causa eredità
come impugnare un testamento

impugnare testamento alzheimer

impugnazione testamento blocco beni

impugnare testamento costi

impugnare testamento dopo accettazione

impugnare testamento entro quando

impugnare testamento falso

impugnazione testamento giudice competente

impugnazione testamento incapacità testatore

impugnare testamento lesione legittima

impugnare testamento motivi

impugnare testamento notaio

impugnare testamento pubblico

impugnare testamento quota legittima

impugnare testamento redatto da notaio

impugnare testamento significato

impugnare testamento termini

impugnare un testamento

impugnare testamento violazione legittima

impugnare testamento per lesione di legittima

impugnare testamento zio

impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione

legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare

testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare

testamento entro quando, impugnare testamento significato

l testamento olografo contiene le ultime volontà di una persona, scritto, datato e sottoscritto di mano del testatore. Il testamento olografo può essere però impugnato per vie legali.

Il testamento olografo può essere redatto da tutte le persone maggiorenni, con piena capacità di intendere e di volere.

 ARECPUERO

Cosa possono fare gli eredi non sono d’accordo con le ultime volontà del de cuius o pensano (e possono dimostrare) che siano state scritte in un momento in cui non era nel pieno delle sue facoltà?

AA11114CAUSE EREDITARIE 

 possono impugnare il testamento.

La normativa prevede l’impugnazione del testamento per vizi che ne determinano la nullità o l’annullabilità. Si tratta di un’azione che avviene per vie legali, è necessario, infatti, rivolgersi a un legale per capire con lui come procedere. L’impugnazione può essere fatta da chiunque soggetto abbia interesse, entro, però, il termine di cinque anni dal momento in cui sia stato scoperto il motivo d’invalidità.

Il testamento può essere impugnato e invalidato se nello scritto manca la firma o la data, o nel caso presenti altri gravi difetti di forma. Costituiscono vizi sostanziali che legittimano l’impugnazione del testamento per nullità: la contrarietà della disposizione a norme imperative, all’ordine pubblico o al buon costume o la condizione illecita o impossibile.

Avvocati matrimonialisti Bologna,avvocati separazione e divorzi Bologna, avvocati famigliaristi bologna avvocato lavoro Bologna. Avvocati provincia Bologna, avvocati incidete Bologna, avvocati danno Bologna, avvocati penale Bologna, avvocati cause lavoro Bologna, avvocati cause ereditarie Bologna, avvocati diritto civile bologna, avvocati consulenza Bologna, avvocati Malasanità Bologna, avvocati diritto immobiliare Bologna, avvocati impresa Bologna
Avvocati a Bologna, avvocato Sergio Armaroli
impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione

legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare

testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare

testamento entro quando, impugnare testamento significato

Conferma ed esecuzione volontaria di disposizioni testamentarie nulle.

La nullità della disposizione testamentaria, da qualunque causa dipenda, non può essere fatta valere da chi, conoscendo la causa della nullità, ha, dopo la morte del testatore, confermato la disposizione o dato ad essa volontaria esecuzione.

Capo II
Della capacità di disporre per testamentoimage

Art. 591.
Casi d’incapacità.

Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono stati dichiarati incapaci dalla legge.

Sono incapaci di testare:

1) coloro che non hanno compiuto la maggiore età;

2) gli interdetti per infermità di mente;

3) quelli che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere o di volere nel momento in cui fecero testamento.

Nei casi d’incapacità preveduti dal presente articolo il testamento può essere impugnato da chiunque vi ha interesse.

L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Capo III
Della capacità di ricevere per testamento

Art. 592.
Figli naturali riconosciuti o riconoscibili. (1)

Se vi sono discendenti legittimi, i figli naturali quando la filiazione è stata riconosciuta o dichiarata, non possono ricevere per testamento più di quanto avrebbero ricevuto se la successione si fosse devoluta in base alla legge.

I figli naturali riconoscibili, quando la filiazione risulta nei modi indicati dall’articolo 279, non possono ricevere più di quanto, secondo la disposizione del comma precedente, potrebbero conseguire se la filiazione fosse stata riconosciuta o dichiarata.

(1) La Corte costituzionale con sentenza 28 dicembre 1970, n. 205 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente articolo.

BOLOGNA AVVOCATI DIVORZISTI , BOLOGNA AVVOCATI MATRIMONIALISTI ,BOLOGNA AVVOCATI DIVORZIO BREVEArt. 593. (1)[Figli naturali non riconoscibili.

Quando il testatore lascia figli legittimi o loro discendenti, i figli naturali non riconoscibili, la cui filiazione risulta nei modi stabiliti dall’articolo 279, non possono singolarmente ricevere per testamento più della metà di quanto consegue nella successione il meno favorito dei figli legittimi. L’eccedenza è ripartita nelle stesse proporzioni tra i figli legittimi e i figli non riconoscibili. Questi non possono, in nessun caso, complessivamente ricevere più del terzo dell’eredità.

Se al testatore sopravvive il coniuge, i figli non riconoscibili non possono ricevere più del terzo dell’eredità. L’eccedenza è attribuita al coniuge.

I discendenti legittimi hanno facoltà di pagare in danaro o in beni immobili ereditari, a giusta stima, la porzione spettante ai figli non riconoscibili.

Le disposizioni precedenti si applicano anche ai figli non riconosciuti, dei quali sarebbe ammissibile il riconoscimento a norma degli articoli 251 e 252, terzo comma.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151.

Art. 594.
Assegno ai figli non riconoscibili. (1)

Gli eredi, i legatari e i donatari sono tenuti, in proporzione a quanto hanno ricevuto, a corrispondere ai figli di cui all’articolo 279 un assegno vitalizio nei limiti stabiliti dall’articolo 580, se il genitore non ha disposto per donazione o testamento in favore dei figli medesimi. Se il genitore ha disposto in loro favore, essi possono rinunziare alla disposizione e chiedere l’assegno. (2)

Art. 595. (1)[Coniuge del binubo.

Il coniuge del binubo non può ricevere da questo per testamento, sulla disponibile, più di quanto consegue, sulla disponibile stessa, il meno favorito dei figli di precedenti matrimoni. Per determinare la porzione del coniuge devono calcolarsi le donazioni da lui ricevute.

L’eccedenza di cui è stato disposto a favore del coniuge, anche per donazione, deve essere divisa in parti eguali tra il coniuge medesimo e tutti i figli del testatore.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151.

Art. 596.
Incapacità del tutore e del protutore.

Sono nulle le disposizioni testamentarie della persona sottoposta a tutela in favore del tutore, se fatte dopo la nomina di questo e prima che sia approvato il conto o sia estinta l’azione per il rendimento del conto medesimo, quantunque il testatore sia morto dopo l’approvazione. Questa norma si applica anche al protutore, se il testamento è fatto nel tempo in cui egli sostituiva il tutore.

Sono però valide le disposizioni fatte in favore del tutore o del protutore che è ascendente, discendente, fratello, sorella o coniuge del testatore.

Art. 597.
Incapacità del notaio, dei testimoni e dell’interprete.

Sono nulle le disposizioni a favore del notaio o di altro ufficiale che ha ricevuto il testamento pubblico, ovvero a favore di alcuno dei testimoni o dell’interprete intervenuti al testamento medesimo.

Art. 598.
Incapacità di chi ha scritto o ricevuto il testamento segreto.

Sono nulle le disposizioni a favore della persona che ha scritto il testamento segreto, salvo che siano approvate di mano dello stesso testatore o nell’atto della consegna. Sono pure nulle le disposizioni a favore del notaio a cui il testamento segreto è stato consegnato in plico non sigillato.

Art. 599.
Persone interposte.

Le disposizioni testamentarie a vantaggio delle persone incapaci indicate dagli articoli 592, 593, (1) 595, (2) 596, 597 e 598 sono nulle anche se fatte sotto nome d’interposta persona.

Sono reputate persone interposte il padre, la madre, i discendenti e il coniuge della persona incapace, anche se chiamati congiuntamente con l’incapace.

(1) La Corte costituzionale con sentenza 28 dicembre 1970, n. 205 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente articolo nella parte in cui si riferisce agli artt. 592 e 593.
(2) La Corte costituzionale con sentenza 20 dicembre 1979, n. 153 ha dichiarato la illegittimità costituzionale del presente articolo nella parte in cui richiama l’art. 595 c.c..

Art. 600. (1)[Enti non riconosciuti.

Le disposizioni a favore di un ente non riconosciuto non hanno efficacia, se entro un anno dal giorno in cui il testamento è

eseguibile non è fatta l’istanza per ottenere il riconoscimento.

Fino a quando l’ente non è costituito possono essere promossi gli opportuni provvedimenti conservativi.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 15 maggio 1997, n. 127.

Capo IV
Della forma dei testamenti (1)

Sezione I
Dei testamenti ordinari

Art. 601.
Forme.

Le forme ordinarie di testamento sono il testamento olografo e il testamento per atto di notaio.

Il testamento per atto di notaio è pubblico o segreto.

Art. 602.
Testamento olografo.

Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore.

La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore.

La data deve contenere l’indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento.

Art. 603.
Testamento pubblico.

Il testamento pubblico è ricevuto dal notaio in presenza di due testimoni.

Il testatore, in presenza dei testimoni, dichiara al notaio la sua volontà, la quale è ridotta in iscritto a cura del notaio stesso. Questi dà lettura del testamento al testatore in presenza dei testimoni. Di ciascuna di tali formalità è fatta menzione nel testamento.

Il testamento deve indicare il luogo, la data del ricevimento e l’ora della sottoscrizione, ed essere sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dal notaio. Se il testatore non può sottoscrivere, o può farlo solo con grave difficoltà, deve dichiararne la causa e il notaio deve menzionare questa dichiarazione prima della lettura dell’atto.

Per il testamento del muto o sordo (1) si osservano le norme stabilite dalla legge notarile per gli atti pubblici di queste persone. Qualora il testatore sia incapace anche di leggere, devono intervenire quattro testimoni.

Art. 604.
Testamento segreto.

Il testamento segreto può essere scritto dal testatore o da un terzo. Se è scritto dal testatore deve essere sottoscritto da lui alla fine delle disposizioni; se è scritto in tutto o in parte da altri, o se è scritto con mezzi meccanici, deve portare la sottoscrizione del testatore anche in ciascun mezzo foglio, unito o separato.

Il testatore che sa leggere ma non sa scrivere, o che non ha potuto apporre la sottoscrizione quando faceva scrivere le proprie disposizioni, deve altresì dichiarare al notaio, che riceve il testamento, di averlo letto ed aggiungere la causa che gli ha impedito di sottoscriverlo: di ciò si fa menzione nell’atto di ricevimento.

Chi non sa o non può leggere non può fare testamento segreto.

Art. 605.
Formalità del testamento segreto.

La carta su cui sono stese le disposizioni o quella che serve da involto deve essere sigillata con impronta, in guisa che il testamento non si possa aprire né estrarre senza rottura o alterazione.

Il testatore, in presenza di due testimoni, consegna personalmente al notaio la carta così sigillata, o la fa sigillare nel modo sopra indicato in presenza del notaio e dei testimoni, e dichiara che in questa carta è contenuto il suo testamento. Il testatore, se è muto o sordo, (1) deve scrivere tale dichiarazione in presenza dei testimoni e deve pure dichiarare per iscritto di aver letto il testamento, se questo è stato scritto da altri.

Sulla carta in cui dal testatore è scritto o involto il testamento, o su un ulteriore involto predisposto dal notaio e da lui debitamente sigillato, si scrive l’atto di ricevimento nel quale si indicano il fatto della consegna e la dichiarazione del testatore, il numero e l’impronta dei sigilli, e l’assistenza dei testimoni a tutte le formalità.

L’atto deve essere sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dal notaio.

Se il testatore non può, per qualunque impedimento, sottoscrivere l’atto della consegna, si osserva quel che è stabilito circa il testamento per atto pubblico. Tutto ciò deve essere fatto di seguito e senza passare ad altri atti.

Art. 606.
Nullità del testamento per difetto di forma.

Il testamento è nullo quando manca l’autografia o la sottoscrizione nel caso di testamento olografo, ovvere manca la redazione per iscritto, da parte del notaio, delle dichiarazioni del testatore o la sottoscrizione dell’uno o dell’altro, nel caso di testamento per atto di notaio.

Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato su istanza di chiunque vi ha interesse. L’azione di annullamento si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Art. 607.
Validità del testamento segreto come olografo.

Il testamento segreto, che manca di qualche requisito suo proprio, ha effetto come testamento olografo, qualora di questo abbia i requisiti.

Art. 608.
Ritiro di testamento segreto od olografo.

Il testamento segreto e il testamento olografo che è stato depositato possono dal testatore essere ritirati in ogni tempo dalle mani del notaio presso il quale si trovano.

A cura del notaio si redige verbale della restituzione; il verbale è sottoscritto dal testatore, da due testimoni e dal notaio; se il testatore non può sottoscrivere, se ne fa menzione.

Quando il testamento è depositato in un pubblico archivio, il verbale è redatto dall’archivista e sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dall’archivista medesimo.

Della restituzione del testamento si prende nota in margine o in calce all’atto di consegna o di deposito.

Sezione II
Dei testamenti speciali

Art. 609.
Malattie contagiose, calamità pubbliche o infortuni.

Quando il testatore non può valersi delle forme ordinarie, perché si trova in luogo dove domina una malattia reputata contagiosa, o per causa di pubblica calamità o d’infortunio, il testamento è valido se ricevuto da un notaio, [dal pretore o] (1) dal giudice di pace del luogo, dal sindaco o da chi ne fa le veci, o da un ministro di culto, in presenza di due testimoni di età non inferiore a sedici anni.

Il testamento è redatto e sottoscritto da chi lo riceve; è sottoscritto anche dal testatore e dai testimoni. Se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, se ne indica la causa.

Art. 610.
Termine di efficacia.

Il testamento ricevuto nel modo indicato dall’articolo precedente perde la sua efficacia tre mesi dopo la cessazione della causa che ha impedito al testatore di valersi delle forme ordinarie.

Se il testatore muore nell’intervallo, il testamento deve essere depositato, appena è possibile, nell’archivio notarile del luogo in cui è stato ricevuto.

Art. 611.
Testamento a bordo di nave.

Durante il viaggio per mare il testamento può essere ricevuto a bordo della nave dal comandante di essa.

Il testamento del comandante può essere ricevuto da colui che lo segue immediatamente in ordine di servizio.

Art. 612.
Forme.

Il testamento indicato dall’articolo precedente è redatto in doppio originale alla presenza di due testimoni e deve essere sottoscritto dal testatore, dalla persona che lo ha ricevuto e dai testimoni; se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, si deve indicare il motivo che ha impedito la sottoscrizione.

Il testamento è conservato tra i documenti di bordo ed è annotato sul giornale di bordo ovvero sul giornale nautico e sul ruolo d’equipaggio.

Art. 613.
Consegna.

Se la nave approda a un porto estero in cui vi sia un’autorità consolare, il comandante è tenuto a consegnare all’autorità medesima uno degli originali del testamento e una copia dell’annotazione fatta sul giornale di bordo ovvero sul giornale nautico e sul ruolo di equipaggio.

Al ritorno della nave nella Repubblica (1) i due originali del testamento o quello non depositato durante il viaggio, devono essere consegnati all’autorità marittima locale insieme con la copia della predetta annotazione.

Della consegna si rilascia dichiarazione, di cui si fa cenno in margine all’annotazione sopraindicata.

Art. 614.
Verbale di consegna.

L’autorità marittima o consolare locale deve redigere verbale della consegna del testamento e trasmettere il verbale e gli atti ricevuti al Ministero della difesa o al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (1) secondo che il testamento sia stato ricevuto a bordo di una nave della marina militare o di una nave della marina mercantile. Il Ministero ordina il deposito di uno degli originali nel suo archivio, e trasmette l’altro all’archivio notarile del luogo del domicilio o dell’ultima residenza del testatore.

Art. 615.
Termine di efficacia.

Il testamento fatto durante il viaggio per mare, nella forma stabilita dagli articoli 611 e seguenti, perde la sua efficacia

tre mesi dopo lo sbarco del testatore in un luogo dove è possibile fare testamento nelle forme ordinarie.

Art. 616.
Testamento a bordo di aeromobile.

Al testamento fatto a bordo di un aeromobile durante il viaggio si applicano le disposizioni degli articoli 611 a 615.

Il testamento è ricevuto dal comandante, in presenza di uno o, quando è possibile, di due testimoni.

Le attribuzioni delle autorità marittime a norma degli articoli 613 e 614 spettano alle autorità aeronautiche.

Il testamento è annotato sul giornale di rotta. (1)

(1) Il giornale di rotta è stato denominato giornale di bordo dalla L. 13 maggio 1983, n. 213.

Art. 617.
Testamento dei militari e assimilati.

Il testamento dei militari e delle persone al seguito delle forze armate dello Stato può essere ricevuto da un ufficiale o da un cappellano militare o da un ufficiale della Croce rossa, in presenza di due testimoni; esso deve essere sottoscritto dal testatore, dalla persona che lo ha ricevuto e dai testimoni. Se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, si deve indicare il motivo che ha impedito la sottoscrizione.

Il testamento deve essere al più presto trasmesso al quartiere generale e da questo al Ministero competente, che ne ordina il deposito nell’archivio notarile del luogo del domicilio o dell’ultima residenza del testatore.

Art. 618.
Casi e termini d’efficacia.

Nella forma speciale stabilita dall’articolo precedente possono testare soltanto coloro i quali, appartenendo a corpi o servizi mobilitati o comunque impegnati in guerra, si trovano in zona di operazioni belliche o sono prigionieri presso il nemico, e coloro che sono acquartierati o di presidio fuori della Repubblica (1) o in luoghi dove siano interrotte le comunicazioni.

Il testamento perde la sua efficacia tre mesi dopo il ritorno del testatore in un luogo dove è possibile far testamento nelle forme ordinarie.

Art. 619.
Nullità.

I testamenti previsti in questa sezione sono nulli quando manca la redazione in iscritto della dichiarazione del testatore ovvero la sottoscrizione della persona autorizzata a riceverla o del testatore.

Per gli altri difetti di forma si osserva il disposto del secondo comma dell’articolo 606.

Sezione III
Della pubblicazione dei testamenti olografi e dei testamenti segreti

Art. 620.
Pubblicazione del testamento olografo.

Chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo a un notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore.

Chiunque crede di avervi interesse può chiedere, con ricorso al tribunale del circondario (1)in cui si è aperta la successione, che sia fissato un termine per la presentazione.

Il notaio procede alla pubblicazione del testamento in presenza di due testimoni, redigendo nella forma degli atti pubblici un verbale nel quale descrive lo stato del testamento, ne riproduce il contenuto e fa menzione della sua apertura, se è stato presentato chiuso con sigillo. Il verbale è sottoscritto dalla persona che presenta il testamento, dai testimoni e dal notaio. Ad esso sono uniti la carta in cui è scritto il testamento, vidimata in ciascun mezzo foglio dal notaio e dai testimoni, e l’estratto dell’atto di morte del testatore o copia del provvedimento che ordina l’apertura degli atti di ultima volontà dell’assente o della sentenza che dichiara la morte presunta.

Nel caso in cui il testamento è stato depositato dal testatore presso un notaio, la pubblicazione è eseguita dal notaio depositario.

Avvenuta la pubblicazione, il testamento olografo ha esecuzione.

Per giustificati motivi, su istanza di chiunque vi ha interesse, il tribunale (2) può disporre che periodi o frasi di carattere non patrimoniale siano cancellati dal testamento e omessi nelle copie che fossero richieste, salvo che l’autorità giudiziaria ordini il rilascio di copia integrale.

Art. 621.
Pubblicazione del testamento segreto.

Il testamento segreto deve essere aperto e pubblicato dal notaio appena gli perviene la notizia della morte del testatore. Chiunque crede di avervi interesse può chiedere, con ricorso al tribunale del circondario (1) in cui si è aperta la successione, che sia fissato un termine per l’apertura e la pubblicazione.

Si applicano le disposizioni del terzo comma dell’articolo 620.

Art. 622.
Comunicazione dei testamenti alla pretura. (1)

Il notaio deve trasmettere alla cancelleria del tribunale, (2) nella cui giurisdizione si è aperta la successione, copia in carta libera dei verbali previsti dagli articoli 620 e 621 e del testamento pubblico.

Art. 623.
Comunicazioni agli eredi e legatari.

Il notaio che ha ricevuto un testamento pubblico, appena gli è nota la morte del testatore, o, nel caso di testamento olografo o segreto, dopo la pubblicazione, comunica l’esistenza del testamento agli eredi e legatari di cui conosce il domicilio o la residenza.

Capo V

testamento erede universale
testamento a erede universale
testamento erede condizione
testamento erede deceduto
testamento eredità esempio
testamento eredità fratelli
impugnare testamento erede universale
testamento erede legittimo
testamento erede morto
testamento eredità nipoti
testamento erede o legatario
testamento erede premorto
eredità testamento quota disponibile
testamento rinuncia eredità
testamento eredita senza figli
testo testamento erede universale
testamento per erede universale

perche un testamento sia valido

perchè il testamento di tito

perchè il testamento biologico

perchè pubblicare testamento

perchè il testamento è un negozio giuridico

perche impugnare un testamento

perchè pubblicare un testamento

perchè pubblicare un testamento olografo

come testamento olografo

testamento come funziona

testamento come fare

testamento come farlo

testamento come si fa

testamento come negozio giuridico

testamento come scriverlo

testamento come si fa per sapere se esiste

testamento come si scrive

testamento come impugnare

come fare testamento olografo

come impugnare testamento olografo

come pubblicare testamento olografo

come conservare testamento olografo

come trovare testamento olografo

come annullare testamento olografo

come impugnare testamento olografo falso

come impostare testamento olografo

come registrare testamento olografo

testamento olografo come funziona

testamento pubblico come funziona

apertura testamento come funziona

eredità senza testamento come funziona

testamento dal notaio come funziona

testamento olografo come fare

testamento biologico come fare

impugnazione testamento come fare

successione senza testamento come fare

come fare testamento senza notaio

come fare testamento e dove conservarlo

come fare testamento valido

come fare testamento esempio

come fare testamento ereditario

testamento olografo come farlo

testamento biologico come farlo

testamento olografo come farlo valere

testamento biologico come si fa

pubblicazione testamento come si fa

come si fa un testamento

come si fa un testamento olografo

come si fa un testamento valido

come si fa un testamento segreto

come si fa un testamento dal notaio

come si fa un testamento privato

testamento olografo come scriverlo

testamento olografo come si scrive

come si scrive un testamento segreto

come si scrive un testamento esempio

come si scrive un testamento biologico

come si scrive un testamento pubblico

come si scrive il testamento biologico

come si scrive un testamento di morte

come impugnare testamento pubblico

testamento quando si apre

testamento quando è valido

testamento quando viene aperto

testamento quando può essere impugnato

testamento quando si può impugnare

testamento quando non è valido

testamento quando è nullo

testamento quando non ci sono figli

testamento quando farlo

quando un testamento è nullo

testamento pubblico quando si apre

quando si apre il testamento olografo

quando si apre un testamento olografo

quando si apre un testamento pubblico

testamento olografo quando è valido

testamento olografo quando non è valido

testamento olografo quando puo essere impugnato

quando un testamento olografo può essere impugnato

quando si può impugnare un testamento pubblico

quando non si puo impugnare un testamento

testamento olografo quando è nullo

quando è nullo un testamento olografo

quando un testamento pubblico è nullo

quando un testamento olografo è nullo

testamento dove viene pubblicato

testamento dove si deposita

testamento dove si pubblica

testamento dove si registra

testamento dove farlo

testamento dove si fa

dove trovare testamento

dove leggere testamento pubblicato

dove pubblicare testamento

dove pubblicare testamento olografo

l’eredità perche frizziperchè pedro eredità

perchè rinunciare all’eredità

l eredità perchè frizzi

come eredita lo stato

eredità come partecipare

eredità come funziona

eredità come si divide

eredità come partecipare 2013

eredita come viene suddivisa

eredità come si calcola la quota disponibile

eredita come fare

eredità come iscriversi

eredità come si divide tra coniugi senza figli

eredità rai uno come partecipare

l’eredità come partecipare al gioco

eredità rai come partecipare

l’eredità come partecipare 2012

eredità trasmissione come partecipare

l’eredità partecipare come pubblico

rinuncia eredità come funziona

l’eredità come funziona

eredità senza testamento come funziona

rinuncia all eredità come funziona

come si divide l eredità tra moglie e figli

come si divide l’eredità senza testamento

come si divide l’eredità tra coniuge e figli

come si divide l’eredità tra fratelli

come si divide l’eredità tra cugini

come si divide un’eredità senza testamento

l’eredità partecipare come concorrente 2013

rinuncia eredità come fare

accettazione eredità come fare

l’eredità come iscriversi

quando eredita lo stato

quando eredita la moglie

quando eredita il nipote

quando eredita un fratello

quando eredita il coniuge

quando eredita la moglie e i figli

quando eredità giacente

eredità quando non ci sono figli

eredità quando muore un coniuge

eredita quando muore un genitore

quando il coniuge non eredita

quando l’eredità è giacente

eredità quando muore un coniuge senza figli

quando un genitore muore chi eredita

eredita dove si trova

dove accettare eredità

dove investire eredità

accettazione eredità dove si fa

dove girano l’eredità

rinuncia eredità dove farla

dove registrano l’eredità

rinuncia eredità dove si fa

dove fare rinuncia eredità

rinuncia eredità dove

impugnare testamento olografo, impugnare testamento violazione 

legittima, impugnazione testamento giudice competente, impugnare 

testamento dopo accettazione, impugnare testamento pubblico, impugnare 

testamento entro quando, impugnare testamento significato

Cassazione n. 22977/13: Valido il contratto di divisione ereditaria stipulato solo da alcuni coeredi.

L’autonomia contrattuale riconosciuta dall’ordinamento ai singoli consente di procedere in via negoziale, in alternativa alla via giudiziale, alla regolazione dei rapporti della comunione tra i coeredi,ivi compreso lo scioglimento della comunione limitatamente ad uno solo dei coeredi; sicché se le parti ritengono di regolare contrattualmente lo scioglimento della comunione nei confronti di uno solo dei coeredi, non è necessario che al contratto partecipino tutti i coeredi, dal momento che ciò che è necessario ove si proceda in via giudiziale, non lo è laddove le parti procedano in via negoziale.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 28 luglio 1987, B.N. V. adiva il Tribunale di Genova per ottenere lo scioglimento della comunione ereditaria sui beni dell’asse ereditario del padre, B.P., ancora in vigore tra lui e i coeredi superstiti. A tal fine, citava in giudizio i fratelli M.R., N. e R.A.. Considerato che all’interno della comunione ricadevano non solo i beni originariamente facenti parte dell’asse del padre, B.P., ma anche quelli successivamente acquistati dagli eredi e quelli ad essi pervenuti dall’eredità dei fratelli deceduti B.E. e C., l’attore B.N.V. citava in giudizio altresì P. E., B.M., B.P. e B. A., in qualità di eredi di Bi.Ma., per sentire dichiarare la prescrizione del diritto del fu Bi.Ma. di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e C..

In particolare, B.N. formulava le seguenti conclusioni:

“nei confronti di B.M.R. fu P. e per essa deceduta dei suoi eredi L.F., L.S. vedova B., e L.M., nonchè nei confronti di B. M. fu P. e per esso deceduto dei di lui eredi P. E., Bi.Pi., B.A. e B.R. dichiararsi prescritto il loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.E. fu P. (deceduto l'(OMISSIS)), in particolare delle quote a Lui intestate di 3/6 dei beni partita 585 N.C.E.U. Comune di Mignanego, di 4/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego e 1/4 dei beni a partita III catasto terreni Comune Serra Ricco, nonchè di accettare l’eredità di B.C. fu P., nata a (OMISSIS) ed ivi deceduta il (OMISSIS) ed in particolare della quota a lei intestata di 1/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego; nei confronti di B.N. e B.A.R. A. fu P. procedersi con l’istante B.N. V., alla divisione per quota di 1/3 per ciascuno degli immobili tutti censiti a N.C.E.U. Comune di Mignanego alle partite 585 e 262 e a catasto terreni Comune di Serra Ricco partita III”.

Nelle more del giudizio decedevano gli eredi di B.P. rimasti in vita e parti del giudizio.

In data (OMISSIS) decedeva B.N., istituendo quali eredi C.E., Bo.An.Ma., R.N. e Bo.Ed..

In data (OMISSIS) decedeva B.R.A., istituendo quale unico erede il fratello N.V..

In data (OMISSIS) decedeva B.N.V., istituendo quali eredi i nipoti (figli della di lui sorella B. M.) L.P., L.A., L.C., L.M. e L.I.S..

Il giudizio proseguiva tra gli eredi.

Gli eredi di B.N. e di B.N.V. addivenivano ad una soluzione stragiudiziale della controversia sulla divisione dell’asse ereditario, come modificato ed ampliato nel tempo a causa delle continue successioni.

Gli eredi Bi.Ma. chiedevano in via riconvenzionale: a) accertarsi e dichiararsi il loro diritto, nella qualità di eredi di Bi.Ma., di partecipare alla divisione giudiziale dell’eredità di B.P., chiesta da B.N. V. con atto di citazione del 28 luglio 1987, per l’inefficacia della scrittura privata datata 28 gennaio 1944 che avrebbe determinato la fuoriuscita del loro dante causa dalla comunione ereditaria de quo; e ciò sul rilievo che il detto atto doveva ritenersi invalido in quanto non sottoscritto da uno dei comunisti (segnatamente, il coerede B.E., la cui quota era stata già liquidata all’epoca della sottoscrizione della scrittura privata in esame); b) accertarsi e dichiararsi il diritto delle parti sull’asse ereditario di B.E. e su quello di B. C., attesa l’infondatezza della domanda attorea volta a far dichiarare la prescrizione del diritto di Bi.Ma. di accettare l’eredità dei di lui fratelli; c) accertarsi e dichiararsi l’invalidità dei testamenti pubblici di B.R.A. e di B.N.V..

Il Tribunale di Genova, con sentenza n. 4343 del 2002, dichiarava cessata la materia del contendere riguardo alla domanda di scioglimento della comunione ereditaria tra gli eredi testamentari dell’originario attore, B.N.V., già costituitosi anche quale erede universale della sorella B. A., deceduta in corso di causa, L.P., L. M., L.A., L.C. e B.M. R., nella qualità di procuratore generale di L.I. S., e tra gli eredi di B.N., deceduto in corso di causa, C.E., Bo.An.Ma., R.N. ed B.E..

Con la medesima sentenza, il Tribunale rigettava le domande riconvenzionali spiegate P.E. o El., B. P., B.A. e B.M. – i quali, convenuti in giudizio nella qualità di eredi di Bi.Ma.

per sentir dichiarare l’intervenuta prescrizione, ai sensi dell’art. 480 c.c., comma 1, del loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.C. e da B.E. – avevano fatto valere il loro diritto a partecipare alla divisione, oggetto di causa, del patrimonio relitto da B.P., deceduto il (OMISSIS), padre del loro dante causa Ma.

B., e avevano altresì fatto valere pretese in ordine alle eredità dei fratelli premorti di Bi.Ma., C. ed E., nonchè avevano contestato la validità del testamento pubblico di B.A., con il quale era stato designato erede universale il fratello B.N.V., e il testamento pubblico di quest’ultimo.

In particolare, il Tribunale escludeva la perdurante sussistenza della comunione relativa all’eredità di B.P., affermando la validità e l’efficacia della scrittura in data 28 gennaio 1944, sottoscritta da Bi.Ma., con la quale era stata liquidata la di lui quota dell’eredità paterna, tramite l’assegnazione dei beni immobili ivi indicati e la rinuncia del medesimo Bi.Ma. a vantare ulteriori diritti in ordine ai beni residuati in comunione agli altri quattro fratelli; riteneva che vi fosse carenza di precisi riferimenti temporali quanto alle istanze istruttorie formulate in ordine alla asserita non intervenuta prescrizione del diritto di accettare le eredità e che non sussistessero sufficienti motivi per dubitare della validità dei testamenti pubblici di B.R.A. e B.N. V., nei confronti dei quali testamenti, peraltro, non era stata proposta querela di falso.

I soccombenti P.E., B.P., B. A. e B.M. interponevano tempestivo appello avverso detta sentenza innanzi alla Corte d’appello di Genova, chiedendo, previa ammissione delle istanze istruttorie formulate in primo grado e di quelle richieste nel giudizio di appello, in totale riforma della sentenza impugnata: di respingere le domande attoree relative alla esclusione degli appellanti dalla divisione dei beni oggetto di causa; di procedere nei modi e nelle forme di legge alla valutazione di detti beni, detratte le passività e computate le attività, con ordine agli attori di esibire il rendiconto su quanto prelevato dalla eredità de quo e di procedere alla divisione dei beni in comunione ereditaria; con vittoria di spese.

Si costituivano tutti gli appellati, chiedendo il rigetto del gravame.

La Corte d’appello di Genova, con la sentenza n. 632 del 2006, rigettava la domanda degli appellanti, confermando integralmente la sentenza n. 4343 del 2002 del Tribunale di Genova. In applicazione del principio della soccombenza, gli appellanti, totalmente soccombenti, venivano condannati, tra loro in solido, alla rifusione delle spese del giudizio di appello agli appellati.

Per la cassazione di detta sentenza hanno proposto ricorso, sulla base di tre motivi, P.E., B.P., B.A. e B.M..

Hanno resistito, con separati controricorsi, i sigg.ri C.E., B.A.M., R.N. e Bo.Ed.; la sig.ra B.M.R., in qualità di procuratrice di L.I. S.; il sig. L.P., in proprio e nella qualità di erede di L.G., tutti chiedendo il rigetto del ricorso.

Non hanno svolto attività difensiva gli intimati L.M. e Br.Ma..

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo di ricorso ha ad oggetto la validità (dichiarata dal Tribunale di Genova e confermata dalla Corte d’appello) della scrittura privata datata 18 gennaio 1944, con la quale il coerede Bi.Ma. abbandonava la comunione ereditaria formatasi al decesso del padre, B.P..

1.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti deducono violazione o falsa applicazione degli artt. 1419, 1420, 1111, 1116, 757 e 758 c.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte d’appello erroneamente applicato le disposizioni in materia di contratti plurilaterali, scioglimento della comunione e divisione ereditaria.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 ibis c.p.c.: “Dica la Corte se non sia incorsa in violazione di legge la Corte d’appello genovese allorchè non ha ritenuto che lo scioglimento della partecipazione alla comunione ereditaria di un solo partecipante non richieda la partecipazione essenziale di tutti gli altri partecipanti alla comunione e ciò con riferimento all’art. 1420 c.c., ultima parte, artt. 1419, 1111, 1116, e 757 c.c. e ss.”.

1.2. I ricorrenti denunciano poi difetto di motivazione, o quantomeno insufficiente motivazione, su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, per una asserita carenza motivazionale della sentenza sulla non essenzialità della sottoscrizione della scrittura privata de quo da parte di tutti i coeredi. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa in vizio di insufficiente motivazione allorchè, nel deliberare se doveva ritenersi necessaria o meno la partecipazione di tutti i partecipanti alla comunione ereditaria al negozio con cui era prevista l’esclusione del coerede Bi.Ma., si è limitata ad affermare la diversità tra la fattispecie “divisione ereditaria” e la fattispecie “scioglimento della comunione limitatamente ad un solo partecipante”, affermando non essere emerso alcun elemento che, dal punto di vista soggettivo, potesse far inferire che i fratelli rimasti in comunione costituissero un’unica parte complessa e non ha affrontato, senza motivare, il tema delle conseguenze della mancata partecipazione al negozio di alcuni eredi”.

1.3. I ricorrenti denunciano altresì difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, dolendosi del fatto che la Corte d’appello abbia ritenuto pacifica, ma in modo apodittico, l’avvenuta esecuzione della scrittura privata. In conclusione, si chiede alla Corte di Cassazione “se la motivazione della Corte d’appello genovese non sia viziata da difetto o insufficiente motivazione nel punto in cui ha affermato pacifico, senza alcuna ulteriore spiegazione, che la scrittura del 28/01/1944 avrebbe avuto pacifica esecuzione tra i coeredi”.

1.4. Ulteriormente, i ricorrenti lamentano difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia, per avere la Corte d’appello affermato che il trascorrere del tempo avrebbe consolidato, per effetto di intervenuta usucapione, gli assetti proprietari sui beni parte dell’eredità de quo. In conclusione, si chiede di accertare “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè ha affermato consolidato l’assetto proprietario dei beni caduti nell’asse ereditario di B. P., in mancanza di domande specifiche delle parti sull’intervenuta usucapione”.

1.5. Ed ancora, i ricorrenti deducono il vizio di contraddittorietà della motivazione su un punto essenziale della controversia, relativamente alle affermazioni circa l’interpretazione del ruolo dei coeredi quali parti del contratto di liquidazione della quota ereditaria spettante a Bi.Ma. (la scrittura privata 18 gennaio 1944). In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato di contraddittorietà della motivazione allorchè, da un lato, afferma che la volontà comune delle parti era diretta al conseguimento dello scopo di liquidare la quota di Bi.Ma. escludendolo dalla comunione e, dall’altro lato, afferma non risultare la volontà delle parti di considerarsi un’unica parte complessa cosicchè l’esecuzione del negozio presupponesse la partecipazione unitaria e globale di tutti i fratelli”.

2. Il primo motivo di ricorso, che può essere esaminato complessivamente stante la unitarietà delle questioni proposte, non è fondato.

2.1. La Corte d’appello è giunta a confermare la validità e l’efficacia della scrittura privata del 28 gennaio 1944, sulla base di un ragionamento coerente e corretto, tanto da un punto di vista logico, quanto da un punto di vista giuridico.

La Corte d’appello ha, invero, ritenuto che l’autonomia contrattuale riconosciuta dall’ordinamento ai singoli consente di procedere in via negoziale, in alternativa alla via giudiziale, alla regolazione dei rapporti della comunione tra i coeredi, ivi compreso lo scioglimento della comunione limitatamente ad uno solo dei coeredi; sicchè, se le parti ritengano di regolare contrattualmente lo scioglimento della comunione nei confronti di uno solo dei coeredi, non è necessario che al contratto partecipino tutti i coeredi, dal momento che ciò che è necessario ove si proceda in via giudiziale, non lo è laddove le parti procedano in via negoziale. Del resto, l’unica parte a potersi, eventualmente, dolere della mancata sottoscrizione del contratto di scioglimento è proprio il coerede che non abbia sottoscritto, più che colui a beneficio del quale è stato convenuto lo scioglimento della divisione.

In tal modo, la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio affermato da questa Corte, secondo cui “nel caso di comproprietà di beni su cui gravi un diritto di usufrutto (nella specie, comunione ereditaria con quota di usufrutto ex lege in favore del coniuge superstite, in base alla disciplina previgente alla riforma del diritto di famiglia), la partecipazione del titolare di detto usufrutto si rende necessaria nell’ipotesi di divisione giudiziale, spettando al medesimo la qualità di litisconsorte, non anche in quella di divisione contrattuale, dovendo ritenersi consentito ai comproprietari, nell’esercizio della loro autonomia negoziale, di pattuire fra di essi lo scioglimento, salva restando l’inopponibilità del relativo contratto all’usufruttuario, ove implichi una lesione delle sue ragioni” (Cass. n. 1337 del 1987).

La Corte d’appello ha poi chiarito che la scrittura privata del 28 gennaio 1944 rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma., ferma restando la situazione di comunione tra gli altri eredi del comune dante causa B. P.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

La differenza principale che intercorre tra i contratti plurilaterali e i contratti di scambio, infatti, è l’assenza del sinallagma nei primi, a differenza dei secondi. Se nei contratti plurilaterali “la prestazione di ciascuna delle parti è diretta al perseguimento di uno scopo comune, per modo che il contratto realizza la costituzione e l’organizzazione di un comune interesse”, nei contratti di scambio a prestazioni corrispettive “la prestazione di ciascuna parte è rivolta soltanto al soddisfacimento dell’interesse dell’altra” (Cass., S.U., 2830 del 1966; Cass. n. 4715 del 1978).

La Corte d’appello ha chiarito che la scrittura privata de quo rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

E trattandosi di contratto plurilaterale non era necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, giacchè lo scopo comune perseguito dai sottoscrittori era lo scioglimento della comunione solo rispetto ad uno dei coeredi, mantenendo la comunione in vita rispetto agli eredi rimanenti.

Appare, quindi, inconferente il richiamo svolto da parte ricorrente alle disposizioni in materia di divisione ereditaria e di scioglimento della comunione in generale, considerato che a seguito della scrittura privata de quo, la comunione ereditaria è rimasta attiva ed è stata poi sciolta solo col giudizio di divisione instaurato nel 1987.

Trattasi di affermazioni che trovano conforto nel principio, affermato da questa Corte e condiviso dal Collegio, secondo cui “il contratto con cui alcuni degli eredi fissano le modalità di ripartizione del patrimonio ereditario fra tutti i partecipanti alla comunione ereditaria (quomodo dividendum sit) ed assegnano a ciascuno la porzione spettantegli, vincolandosi all’osservanza del concordato assetto d’interessi, è valido in quanto, non determinando direttamente lo scioglimento della comunione, non configura una vera e propria divisione ereditaria, per la cui validità soltanto è richiesta la partecipazione di tutti i coeredi alla sua conclusione.

In tale ipotesi si ha un contratto perfetto in tutti i suoi elementi essenziali, immediatamente vincolante ed efficace fra le parti contraenti e destinato a conseguire il suo effetto definitivo, consistente nello scioglimento della comunione ereditaria, mediante la successiva adesione dei coeredi assenti, senza che occorra alcun ulteriore accordo o un provvedimento giudiziale sostitutivo, perchè l’attribuzione dei beni ereditari abbia luogo in conformità delle pattuizioni negoziali. Siffatta adesione – ove i contraenti non abbiano diversamente disposto – può essere utilmente manifestata fino a quando il vincolo obbligatorio derivante dal contratto non sia stato sciolto per effetto di un contrario comune accordo dei contraenti o non sia intervenuto un provvedimento giudiziale di divisione che, essendo incompatibile con la ripartizione consensuale dei beni in esso prevista, ne renda impossibile l’estensione agli altri soggetti della comunione ereditaria” (Cass. n. 3529 del 1982).

Pertanto, esclusa la invalidità e la inefficacia della scrittura del 1944, deve solo rilevarsi che nel controricorso di B.M. R. si è evidenziato che gli eredi di Bi.Ma. avevano impostato la propria linea difensiva proprio sulla esistenza ed efficacia della citata scrittura, formulando anche una richiesta di prova testimoniale sul punto; e tale deduzione è rimasta priva di controdeduzioni da parte dei ricorrenti.

2.2. Anche le censure rivolte alla motivazione della sentenza impugnata appaiono prive di fondamento.

I ricorrenti eccepiscono la insufficienza della motivazione, con riguardo alla decisione della Corte di non ritenere essenziale la partecipazione di B.E. alla sottoscrizione della scrittura privata, ai fini di una eventuale declaratoria di nullità, ai sensi dell’art. 1420 c.c..

La non essenzialità della partecipazione di B.E. deriva dal fatto che la Corte ha ritenuto la scrittura in esame un contratto plurilaterale rivolto allo scioglimento della comunione rispetto ad uno dei coeredi, e non un contratto di divisione ereditaria. Il punto è stato sufficientemente argomentato dalla Corte territoriale e con il motivo di ricorso sub 1.2. i ricorrenti non aggiungono profili ulteriori rispetto alle censure contenute nel motivo di cui al punto 1.1., di cui si è detto.

Le censure di cui ai punti 1.3. e 1.4. vanno rigettate perchè la motivazione della sentenza impugnata è logica e coerente.

Invero, con il motivo di cui al punto 1.3., si imputa alla Corte d’appello di avere ritenuto circostanza pacifica quella che la scrittura avesse avuto esecuzione; ma la Corte correttamente ha inferito tale conseguenza dalla interpretazione della scrittura privata de quo. Trattasi di un fatto rilevante, verso il quale non è mai stata mossa alcuna obiezione, come eccepito, sul punto, nel controricorso B.M.R..

Con il motivo di cui al punto 1.4., i ricorrenti censurano la ritenuta stabilizzazione degli assetti proprietari per usucapione, atteso il trascorrere di molti anni dalla scrittura privata in esame.

La censura è infondata perchè non riguarda un fatto controverso, ma si riferisce ad un argomento richiamato utilizzato dalla Corte territoriale nel contesto di una motivazione logica e coerente.

L’ultima censura di cui si compone il primo motivo di ricorso è quella di cui al punto 1.5. I ricorrenti censurano la sentenza impugnata per contraddittorietà della motivazione, nella parte in cui la Corte territoriale, da un lato, ha affermato che lo scopo dei coeredi era quello di liquidare la quota di Bi.Ma. e, dall’altro, ha affermato che i coeredi non dovessero esser considerati “un’unica parte complessa”, di modo che l’esecuzione del negozio implicasse la partecipazione unitaria di tutti i coeredi.

Il motivo è infondato. Affermare, come ha fatto la Corte territoriale, che lo scopo comune degli eredi B.P. era quello di sciogliere la comunione limitatamente al coerede Bi.

M. non è in contraddizione con l’affermazione secondo la quale i coeredi non costituivano “un’unica parte complessa”. E’ perfettamente logico ritenere che i coeredi rimasti in comunione abbiano agito nella loro individualità di comproprietari, per lo scopo comune di liquidare la quota del fratello Bi.Ma. e che per l’esecuzione di tale contratto non fosse necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, perchè, secondo le osservazioni ampiamente sviluppate in precedenza, essendo il contratto de quo un contratto plurilaterale, la partecipazione di B.E. non era essenziale, sicchè la sua mancata sottoscrizione del detto accordo non poteva invalidare l’intero schema contrattuale, ai sensi dell’art. 1420 c.c..

3. Il secondo motivo di ricorso riguarda il capo della sentenza impugnata relativo alla accertata prescrizione del diritto di Bi.Ma., e per esso dei suoi eredi, di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e B.C..

I ricorrenti denunziano la omessa motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello omesso di considerare la deduzione di apposito capitolo di prova sulla attività svolta da Bi.Ma. per addivenire alla divisione delle eredità dei fratelli; attività, questa, a dire dei ricorrenti, sicuramente indicativa della volontà di accettare.

3.1 Il motivo di ricorso non è fondato.

Occorre premettere che la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio per cui “l’accettazione tacita di eredità può desumersi soltanto dall’esplicazione di un’attività personale del chiamato tale da integrare gli estremi dell’atto gestorio incompatibile con la volontà di rinunziare, e non altrimenti giustificabile se non in relazione alla qualità di erede, con la conseguenza che non possono essere ritenuti atti di accettazione tacita quelli di natura meramente conservativa che il chiamato può compiere anche prima dell’accettazione, ex art. 460 c.c.. L’indagine relativa alla esistenza o meno di un comportamento qualificabile in termini di accettazione tacita, risolvendosi in un’accertamento di fatto, va condotta dal giudice di merito caso per caso (in considerazione delle peculiarità di ogni singola fattispecie, e tenendo conto di molteplici fattori, tra cui quelli della natura e dell’importanza, oltrechè della finalità, degli atti di gestione), e non è censurabile in sede di legittimità, purchè la relativa motivazione risulti immune da vizi logici o da errori di diritto” (Cass. n. 12753 del 1999). In particolare, si è affermato, “l’immissione nel possesso dei beni ereditari è atto non univoco, che, di per sè considerato, non equivale necessariamente ad accettazione tacita dell’eredità, poichè non presuppone necessariamente, in chi lo compie, la volontà di accettare e la qualità di erede, potendo anche dipendere da un mero intento conservativo del chiamato o da tolleranza da parte degli altri chiamati” (Cass. n. 12753 del 1999, cit.; Cass. n. 20868 del 2005).

Tanto premesso, i ricorrenti deducono che i giudici del gravame non avrebbero motivato la mancata ammissione di un capitolo di prova decisivo per l’accertamento della avvenuta accettazione tacita delle eredità morendo dismesse da B.C., deceduta il (OMISSIS) e da B.E., deceduto l'(OMISSIS), da parte del loro dante causa, Bi.Ma..

I ricorrenti, nonostante si mostrino edotti del fatto che nel giudizio di legittimità l’unico spazio che residua, per la censura delle statuizioni del giudice di merito sulle istanze e sulle risultanze probatorie, sia quello del vizio consistente nella omessa o arbitraria e/o illogica motivazione sulle decisioni assunte, svolgono, tuttavia, delle riflessioni dalle quali traspare l’intenzione di sollecitare una nuova valutazione degli elementi che quei capitoli di prova intendevano provare.

Invero, dopo aver illustrato la rubrica del motivo di ricorso, censurando, come detto, l’omessa motivazione sulla ammissibilità di un capitolo di prova, parte ricorrente svolge delle riflessioni sull’errore in cui sarebbe incorsa la Corte territoriale, allorchè ha confermato la decisione del Tribunale genovese nel senso di riconoscere l’intervenuta prescrizione del diritto di Bi.

M. di accettare le eredità morendo dismesse dai fratelli.

In realtà, il denunciato vizio non sussiste, atteso che nella sentenza impugnata, a pag. 25, dopo che nelle precedenti pagine sono stati illustrati gli approdi della giurisprudenza di legittimità in materia di accettazione tacita dell’eredità, e si sono evidenziate le condotte che, secondo gli appellanti, avrebbero dovuto indurre a ritenere che il loro dante causa Bi.Ma. aveva tacitamente accettato le eredità di B.C. ed E., si afferma che “difettano totalmente atti incompatibili con la volontà di rinunciare o concludenti e significativi della volontà di accettare le eredità in questione e che le circostanze offerte a prova per testi, quand’anche dimostrate, non varrebbero a fondare l’instata riforma della gravata decisione”.

Ed è noto che “il vizio di motivazione per omessa ammissione della prova testimoniale ovvero per omesso esame di un documento può essere denunciato per cassazione solo nel caso in cui determini l’omissione di motivazione su un punto decisivo della controversia e, quindi, quando la prova non ammessa ovvero non esaminata sia in concreto idonea a dimostrare circostanze tali da invalidare, con un giudizio di certezza e non di mera probabilità, l’efficacia delle altre risultanze istruttorie che hanno determinato il convincimento del giudice di merito, di modo che la ratio decidendi venga a trovarsi priva di fondamento” (Cass. n. 3075 del 2006; Cass. n. 11457 del 2007; Cass. n. 5377 del 2011).

Nel caso in esame, dalla sentenza impugnata risulta chiaramente quale sia stato l’iter seguito dalla Corte territoriale per giustificare il rigetto del gravame degli appellanti in ordine alla ritenuta prescrizione del diritto di accettare l’eredità da parte del loro dante causa. Nel ragionamento della Corte territoriale non risultano omissioni o aporie tali da determinare la cassazione della sentenza sul punto denunziato dagli odierni ricorrenti. Si può solo aggiungere che, come rilevato dalla controricorrente B.M. R. (pag. 19), già nella sentenza di primo grado si era affermato che il capitolo di prova per testi, la cui mancata ammissione non sarebbe stata adeguatamente motivata dalla Corte d’appello, non era stato ammesso perchè generico e privo di precisi riferimenti di tempo, e perciò non utile a superare l’eccezione formulata ex art. 480 c.c..

4. Il terzo motivo di ricorso riguarda la validità dei testamenti pubblici di B.N.V. e B.E. e si articola in varie censure.

4.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti denunciano omessa o insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello affermato che i ricorrenti non avrebbero contestato i testamenti de guibus con la querela di falso nonostante questi fossero stati prodotti in giudizio, poichè in giudizio sarebbero state prodotte solo delle trascrizioni e non delle copie dei testamenti. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè non ha motivato il perchè ha ritenuto prodotti in giudizio i testamenti integrali di B.E. e N.V. benchè nella realtà risultassero prodotte solo copie non portanti le firme”.

4.2. Sotto altro profilo, i ricorrenti lamentano violazione degli artt. 2699, 2700, 2702 e 2715 c.c., in relazione agli artt. 215 e 221 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte territoriale ritenuto non contestati i testamenti de quibus, nonostante non fosse stata prodotta in giudizio copia degli stessi tale da consentire, agli odierni ricorrenti, adeguata contestazione.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di violazione degli articoli di legge denunciati allorchè ha ritenuto non contestate le scritture testamentarie prodotte – e, quindi, legalmente riconosciute – ed ha dichiarato non proposta tempestivamente la querela di falso malgrado che nel giudizio non fossero mai stati prodotti i documenti contenenti le firme dei testatori”.

4.3. Da ultimo, i ricorrenti denunciano il vizio di omessa motivazione su un punto essenziale della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, perchè la Corte territoriale non avrebbe svolto alcuna motivazione in ordine al testamento di B.N. V.. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di omessa motivazione, allorchè non si è pronunciata sull’istanza di parte appellante perchè venisse ordinata in giudizio l’esibizione della scheda testamentaria originale di B.N.V.”.

5. Il motivo è in parte inammissibile e in parte infondato.

5.1. E’ innanzitutto inammissibile nella parte in cui le censure vengono svolte anche con riferimento al testamento di B. E..

Invero, nel corso dei giudizi di merito sono stati contestati dagli odierni ricorrenti i testamenti pubblici dei coeredi B.R. A. e B.N.V..

Con il presente ricorso, gli odierni ricorrenti, nel mentre nulla eccepiscono in merito alle statuizioni della Corte d’appello sulla validità del testamento pubblico di B.R.A., sulle quali, ai sensi dell’art. 329 c.p.c., si è, quindi, formato giudicato, svolgono le proprie censure con riferimento sia al testamento di B.N.V., sia a quello di B. E., impugnando taluni passi della sentenza della Corte genovese che si riferiscono al testamento di quest’ultimo.

Deve rilevarsi che i punti in cui la sentenza impugnata disquisisce sul testamento di B.E. sono affetti da errore materiale, in quanto chiaramente i giudici del gravame intendevano argomentare sul testamento di B.N.V., come dimostrano il contenuto di quelle proposizioni, chiaramente riferito al testamento di quest’ultimo; gli altri passi della sentenza, riferiti a B. N.V.; l’atto di appello che aveva investito la Corte genovese delle domande concernenti la validità dei testamenti di B.R.A. e B.N.V.. Parte ricorrente dimostra di non essersi avveduta di questo manifesto errore materiale e svolge le proprie censure come se realmente la Corte territoriale avesse inteso pronunziare sul testamento di B.E..

Orbene, il motivo di ricorso in esame, nella parte in cui si riferisce al testamento di B.E., è inammissibile perchè assolutamente inconferente con il reale contenuto delle statuizioni della sentenza impugnata riferite, per errore materiale, ad altro soggetto rispetto a quello inteso da parte ricorrente. In ogni caso, si deve rilevare che la censura sarebbe stata parimenti inammissibile laddove si fosse trattato non di errore materiale, ma di effettiva ultrapetizione, poichè, secondo l’orientamento di questa Corte sia la omessa pronunzia su una domanda o un’eccezione, che la pronunzia su questione non devoluta mediante domanda proposta dalle parti (come la pronunzia sul testamento di un erede, il cui accertamento non era mai stato oggetto di domande, nè eccezioni) cagionano la nullità del procedimento impugnabile ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4; censura questa non proposta nè desumibile dal contenuto del motivo.

5.2. Cosi dovendosi interpretare il contenuto della sentenza impugnata risulta all’evidenza infondata la censura di vizio di motivazione concernente i rilievi relativi al testamento di B. N.V., atteso che le considerazioni svolte dalla Corte d’appello in riferimento al testamento di B.E., del quale mai si è discusso nei precedenti gradi di giudizio e che certamente non aveva formato oggetto dei motivi di gravame, devono in realtà essere riferite al testamento di B.N.V..

5.3. Per la parte in cui il motivo non è inammissibile, e cioè nella parte in cui viene censurata la sentenza impugnata relativamente alle statuizioni adottate con riferimento alle questioni concernenti il testamento di B.N.V., il terzo motivo di ricorso è infondato.

Si deve innanzitutto rilevare che il testamento per cui si discute, quello di B.N.V., era stato redatto nella forma dell’atto pubblico. Dunque, ai sensi dell’art. 2700 c.c., esso fa piena prova fino a querela di falso. La querela di falso costituisce “lo strumento imprescindibile per neutralizzare il valore probatorio del documento prodotto” e il relativo onere incombe sulla parte che intenda “contestare la piena efficacia probatoria, circa quanto avvenuto o compiuto alla presenza o con l’intervento del pubblico ufficiale rogante, di un atto pubblico o di una copia dello stesso prodotta dall’avversario” (Cass. n. 5411 del 1984).

In conformità alla lettera degli artt. 2699 e 2700 c.c., la querela di falso costituisce, quindi, l’unico mezzo che l’ordinamento offre alla parte che intenda contrastare la fede privilegiata degli atti pubblici.

Ciò premesso, il Tribunale prima e la Corte d’appello poi hanno correttamente posto a carico degli odierni ricorrenti le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela poichè, effettivamente, i ricorrenti non l’hanno proposta e, quindi, vi è stata, da parte della Corte territoriale, una corretta e lineare applicazione degli artt. 2699 e 2700 c.c..

La asserita impossibilità di proporre la querela di falso fonda su un assunto non desumibile dalla sentenza impugnata nè dagli atti del presente giudizio di legittimità.

Parte ricorrente si duole perchè in giudizio non sarebbe stato prodotto nè l’originale, nè una copia idonea per la proposizione della querela ai sensi dell’art. 2715 c.c., sicchè le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela sarebbero state arbitrariamente ed illegittimamente poste a loro carico dalla Corte territoriale.

Premessa l’indefettibile necessità della querela per contrastare la pubblica fede del testamento de quo, l’assunto di partenza dei ricorrenti muove da una premessa non risultante – ed anzi smentita – dalla sentenza impugnata, nella quale si afferma che il testamento in esame era stato prodotto in causa, seppure in copia (v. pag. 29 della sentenza impugnata: “i testamenti pubblici in questione sono stati prodotti in copia autentica nel grado pregresso da B.M. R.”).

5.3. I ricorrenti si dolgono perchè la copia prodotta sarebbe stata priva di sottoscrizione e quindi inidonea a produrre gli effetti che le copie, ai sensi dell’art. 2715 c.c., sono destinate a produrre.

Tra tutti, quello di consentire, alla parte avversaria, di proporre querela di falso.

Il motivo è infondato. In disparte il rilievo che nella sentenza impugnata si da atto – come già rilevato dell’avvenuta produzione nel grado pregresso in copia autentica dei testamenti pubblici in questione – e quindi anche di quello di B.V. -, da parte di B.M.R., i ricorrenti omettono di considerare che, nel caso di specie, si trattava di testamenti pubblici, e cioè di documenti redatti da notaio, rispetto ai quali l’unico rimedio esperibile era la querela di falso, a prescindere dalla produzione dell’originale in giudizio, essendo a tal fine sufficiente la produzione della copia, non tempestivamente disconosciuta, come nel caso di specie.

6. In conclusione, il ricorso deve essere rigettato, con conseguente condanna dei ricorrenti, in solido tra loro, in applicazione del principio della soccombenza, alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo, in favore di ciascuna parte controricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida, per ciascuna parte controricorrente, in complessivi Euro 5.000,00 per compensi, oltre ad Euro 200,00 per esborsi e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 15 marzo 2013.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2013

DIVISIONE EREDITARIA ,AVVOCATO PER DIVISIONE EREDITARIA, ASSISTENZA LEGALE EREDI

  1. La divisione ereditaria annovera tre modalità: contrattuale, giudiziale o per testamento.
  2. Nel caso di divisione contrattuale, essa consegue all’accordo dei coeredi.
  3. Per tale accordo quando abbia ad oggetto beni immobili è prevista la forma scritta ad substantiam (articolo 1350, n. 11 del codice civile)
  4. 4.      e la trascrizione nei registri immobiliari (articolo 2646 del codice civile)

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II

SENTENZA 4 LUGLIO 2014, N. 15396 

 

Ritenuto in fatto

Con citazione notificata in data 27.10.1978 C.M.G., CO.Pr. , C.D.C. ed C.E. , evocavano in giudizio il loro fratello C.P. , chiedendo l’assegnazione congiunta dei beni ereditari loro pervenuti, salvo conguaglio in favore di quest’ultimo, di un piccolo complesso immobiliare relitto ab intestato dalla madre G.M.
C.P. , nel costituirsi instava per la divisione pro quota dei beni ereditari e, nel caso di ritenuta indivisibilità di essi, chiedeva l’assegnazione dell’intero immobile in natura, salvo conguaglio a favore degli altri coeredi e la condanna delle attrici al rimborso di somme utilizzate per estinguere debiti materni e di spese anticipate per lavori.
L’adito tribunale di Brescia, con sentenza del 18 luglio 2003, riteneva che le quote di proprietà del bene dovevano determinarsi per 2/5 intestate a C.M.G., per 1/5 ad C.E. , per 2/5 a C.P. . Dichiarava l’immobile non comodamente divisibile ed aderendo alla richiesta di assegnazione congiunta del compendio proposta dalle sorelle, titolari insieme di una quota ideale maggiore di quella del fratello Pierino, assegnava alle medesime l’immobile in discorso, e le condannava in solido al pagamento in favore del fratello, di un conguaglio in denaro pari ad Euro 28.921,59, con interessi legali dalla sentenza.
La sentenza veniva appellata da C.P. sulla base di 2 motivi, contestando il giudizio di non comoda divisibilità del bene ereditario espresso dal primo giudice e rilevando che il tribunale aveva assegnato l’intero alla sorelle, trascurando che egli aveva sempre abitato in quell’immobile fin dalla nascita, per cui il migliore interesse sarebbe stato per le sorelle conseguire il prezzo e per esso appellante rimanere nella casa in questione.
L’adita Corte d’Appello di Brescia n. 686/06 depositata in data 20.7.2006, rigettava l’impugnazione, confermando la sentenza impugnata, rivalutando il credito da conguaglio in Euro 32945,69. La corte distrettuale confermava la non comoda divisibilità del bene in quanto, attese le caratteristiche del cespite, la sua divisione avrebbe comportato una perdita più che proporzionale rispetto al suo valore economico. Rilevava altresì che il giudice, per disattendere la domanda dell’erede che deteneva la quota maggiore di un bene divisibile, doveva trovarsi di fronte ad un grave motivo connesso ad un interesse comune a tutti i condividenti e non – come nella fattispecie – all’interesse di uno solo di essi (C.P. ).
Avverso tale sentenza, C.S. e M.L. nonché V.I. quali eredi di C.P. nelle more deceduto, hanno proposto ricorso per cassazione articolato su 2 mezzi, Resistono con controricorso To.Gu. e G. quali eredi di C.M.G. ed C.E. .
Con ordinanza pronunciata all’udienza del 26 ott.2009, la Corte ha disposto il rinnovo della notifica del ricorso a Co.Pr. .
Gli altri intimati non hanno svolto difese.

Motivi della decisione

1 – In ordine alla questione della tardività del ricorso per cassazione di cui alla relazione del Consigliere delegato ex art. 380 bis c.p.c., rileva i Collegio che la stessa non appare fondata, tenuto conto che nella fattispecie – in conseguenza della morte di C.P avvenuta in data (…) e quindi oltre 6 mesi dalla data di pubblicazione della sentenza in data 20.07.2006) – trova applicazione l’art. 328, 3 comma c.p.c. che ha prorogato di mesi 6 il termine di cui all’art. 327 c.p.c., termine che è stato rispettato ai fini dell’impugnazione, (tenuto conto della sospensione feriale) in quanto il ricorso è stato notificato in data 10.1.2008.

Circa la prova del rapporto di successione, può ritenersi sufficiente la documentazione prodotta costituita dall’atto notorio notaio G. Cirillo n. 21304 del 18.1.2008 in cui si attestava la qualità di eredi dei ricorrenti del defunto C.P. ed il certificato di morte di quest’ultimo (Cass. n. 10022 del 14.10.1997; Cass. n. 26893 del 5.12.2006). Peraltro va sottolineato che la qualità di eredi degli esponenti non era stato oggetto di contestazione alcuna dalle controparti.

2 – Passando all’esame del ricorso, con il 1 motivo gli esponenti denunciano il vizio di motivazione e la violazione e falsa applicazione dell’art. 720 c.c. in ordine al concetto di comoda divisibilità del bene ereditario e in specie, sulla scelta del giudice di merito di attribuire l’immobile alle sorelle di C.P. . Gli esponenti lamentano che la sentenza si sia discostata dal giudizio di divisibilità espresso dal c.t.u. e censura adeguatezza della motivazione sulla non comoda divisibilità.

il motivo è infondato. La motivazione della sentenza su tale specifico punto del concetto di ‘non comoda divisibilità’ dell’immobile deve ritenersi congrua e logica (v. pag. 5 – 6), ciò che esclude la violazione dell’art. 720 c.c.; d’altra parte le contestazioni al riguardo sono alquanto generiche e prive di rilevo, risolvendosi in mere inammissibili censure alle valutazione del giudice delle emergenze istruttorie.

3 – Con il 2 motivo gli esponenti denunciano la violazione e falsa applicazione dell’art. 720 c.c. circa la scelta della corte di attribuire l’intero immobile alle sorelle e non a lui che vi abitava. Denuncia che la sentenza impugnata non si sia discostata dal criterio di attribuzione dell’intero bene ai titolari della maggioranza delle quote che ne avevano fatto richiesta congiunta, nonostante egli abitasse da anni nell’immobile mentre le sue sorelle fruivano di una diversa abitazione.

Il motivo è infondato.

Giova sottolineare che la giurisprudenza non è sempre univoca nello stabilire la natura dell’interesse dei condividenti che può determinare individuazione dell’assegnatario del bene indiviso. Secondo alcune decisioni, nella divisione, devono essere preferibilmente seguiti dal giudice i criteri di attribuzione fissati dall’art 720 c.c. salvo deroga solo per gravi motivi che riguardano l’interesse comune dei condividenti. ‘In tema di divisione di cose comuni, per il caso in cui in presenza di un immobile indivisibile o non comodamente divisibile vi sia una pluralità di richieste di assegnazione, i criteri di attribuzione fissati dall’art. 720 c.c. in base ai quali l’immobile medesimo deve essere compreso per intero (con l’addebito dell’eccedenza nella porzione del condividente avente la quota maggiore, ovvero nella porzione di più condividenti ove questi ne chiedano congiuntamente l’attribuzione), devono essere preferibilmente seguiti, nel senso che il giudice se ne può discostare solo per motivi gravi ed attinenti all’interesse comune dei condividenti (Cass. Sez. 2, n. 7588 del 11/07/1995).

Secondo l’altro contrario, ma prevalente indirizzo (che sembra senz’altro condivisibile), il giudice ha il potere discrezionale di derogare dal criterio, indicato nell’art. 720 c.c., della preferenziale assegnazione al condividente titolare della quota maggiore, purché assolva all’obbligo di fornire adeguata e logica motivazione della diversa valutazione di opportunità adottata, che si risolve in un tipico accertamento di fatto, sottratto come tale al sindacato di legittimità ove adeguatamente motivato (Cass. n.11641 del 13.05.2010; Cass. n. 22857 del 28/10/2009; Cass. n. 21319 del 15/10/2010; Cass. n. 24053 del 25/09/2008: in tal caso la Corte ha confermato la sentenza del giudice di secondo grado con riguardo all’attribuzione dell’immobile non divisibile assumendo come criterio discriminante quello dell’interesse personale prevalente dell’assegnatario, privo di un’unità immobiliare da destinare a casa familiare, rispetto al titolare della quota maggiore che disponeva di altra abitazione).

Ciò posto, nel caso in esame la motivazione delle scelta dei condividenti appare in ogni caso adeguata e logica tenuto conto dell’ampio potere discrezionale attribuito al giudicante; ma va osservato che il convenuto C.P. è venuto a mancare, per cui non potrebbe sopravvivergli l’interesse all’assegnazione dalla sua risalente abitazione nell’immobile in esame.

Conclusivamente il ricorso dev’essere rigettato; per il principio della soccombenza le spese processuali sono poste a carico dei ricorrenti.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 3.700,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

       1. Anzola dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

2. Argelato  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

3. Baricella  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

4. Bentivoglio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

5. BOLOGNA  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

6. Borgo Tossignano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

7. Budrio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

8. Calderara di Reno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

9. Camugnano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

10. Casalecchio di Reno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

11. Casalfiumanese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

12. Castel d’Aiano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

13. Castel del Rio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

14. Castel di Casio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

15. Castel Guelfo di B.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

16. Castel Maggiore  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

17. Castel San Pietro Terme  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

18. Castello d’Argile  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

19. Castenaso  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

20. Castiglione dei Pepoli  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

21. Crevalcore  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

22. Dozza  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

23. Fontanelice  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

24. Gaggio Montano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

25. Galliera  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

26. Granaglione  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

27. Granarolo dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

28. Grizzana Morandi  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

29. Imola  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

30. Lizzano in Belvedere  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

31. Loiano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

32. Malalbergo  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

33. Marzabotto  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

34. Medicina  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

35. Minerbio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

36. Molinella  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

37. Monghidoro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

38. Monte San Pietro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

39. Monterenzio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

40. Monzuno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

41. Mordano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

42. Ozzano dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

43. Pianoro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

44. Pieve di Cento  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

45. Porretta Terme  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

46. Sala Bolognese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

47. San Benedetto Val di S.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

48. San Giorgio di Piano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

49. San Giovanni in P.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

50. San Lazzaro di Savena  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

51. San Pietro in Casale  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

52. Sant’Agata Bolognese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

53. Sasso Marconi  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

54. Valsamoggia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

55. Vergato  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

56. Zola Predosa  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

 

 

 

Codice civile – Delle successioni

 

Titolo IV: Della divisione
Capo I: Disposizioni generali

Art. 713 Facoltà di domandare la divisione
I coeredi possono sempre domandare la divisione (715 e seguenti, 1111 e seguenti, 2646; Cod. Proc. Civ. 784 e seguenti).
Quando però tutti gli eredi istituiti o alcuni di essi sono minori di età, il testatore può disporre che la divisione non abbia luogo prima che sia trascorso un anno dalla maggiore età dell’ultimo nato. Egli può anche disporre che la divisione dell’eredità o di alcuni beni di essa non abbia luogo prima che sia trascorso dalla sua morte un termine non eccedente il quinquennio.
Tuttavia in ambedue i casi l’autorità giudiziaria, qualora gravi circostanze lo richiedano, può, su istanza di uno o più coeredi, consentire che la divisione si effettui senza indugio o dopo un termine minore di quello stabilito dal testatore.

Art. 714 Godimento separato di parte dei beni
Può domandarsi la divisione anche quando uno o più coeredi hanno goduto separatamente parte dei beni ereditari, salvo che si sia verificata l’usucapione per effetto di possesso esclusivo (1102, 1158 e seguenti).

Art. 715 Casi d’impedimento alla divisione
Se tra i chiamati alla successione vi è un concepito (462), la divisione non può aver luogo prima della nascita del medesimo. Parimenti la divisione non può aver luogo durante la pendenza di un giudizio sulla legittimità (244 e seguenti) o sulla filiazione naturale (263 e seguenti) di colui che, in caso di esito favorevole del giudizio, sarebbe chiamato a succedere, né può aver luogo durante lo svolgimento della procedura amministrativa per l’ammissione del riconoscimento previsto dal quarto comma dell’Art. 252 o per il riconoscimento dell’ente istituito erede (600).
L’autorità giudiziaria può tuttavia autorizzare la divisione, fissando le opportune cautele.
La disposizione del comma precedente si applica anche se tra i chiamati alla successione vi sono nascituri non concepiti (462).
Se i nascituri non concepiti sono istituiti senza determinazione di quote, l’autorità giudiziaria può attribuire agli altri coeredi tutti i beni ereditari o parte di essi, secondo le circostanze, disponendo le opportune cautele nell’interesse dei nascituri.

Art. 716 (abrogato)

Art. 717 Sospensione della divisione per ordine del giudice
L’autorità giudiziaria, su istanza di uno dei coeredi, può sospendere, per un periodo di tempo non eccedente i cinque anni, la divisione dell’eredità o di alcuni beni, qualora l’immediata sua esecuzione possa recare notevole pregiudizio al patrimonio ereditario

Art. 718 Diritto ai beni in natura
Ciascun coerede può chiedere la sua parte in natura dei beni mobili e immobili dell’eredità, salve le disposizioni degli articoli seguenti (1114).

Art. 719 Vendita dei beni per il pagamento dei debiti ereditari
Se i coeredi aventi diritto a più della metà dell’asse concordano nella necessità della vendita per il pagamento dei debiti e pesi ereditari (752 e seguenti), si procede (Cod. Proc. Civ. 747 e seguenti) alla vendita all’incanto dei beni mobili e, se occorre, di quei beni immobili la cui alienazione rechi minor pregiudizio agli interessi dei condividenti (2646).
Quando occorre il consenso di tutte le parti, la vendita può seguire tra i soli condividenti e senza pubblicità, salvo che vi sia opposizione dei legatari o dei creditori (721, 723).

Art. 720 Immobili non divisibili
Se nell’eredità vi sono immobili non comodamente divisibili, o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia o dell’igiene, e la divisione dell’intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell’eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l’attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all’incanto (2646; Cod. Proc. Civ. 748).

Art. 721 Vendita degli immobili
I patti e le condizioni della vendita degli immobili, qualora non siano concordati dai condividenti, sono stabiliti dall’autorità giudiziaria.

Art. 722 Beni indivisibili nell’interesse della produzione nazionale
In quanto non sia diversamente disposto dalle leggi speciali, le disposizioni dei due articoli precedenti si applicano anche nel caso in cui nell’eredità vi sono beni che la legge dichiara indivisibili nell’interesse della produzione nazionale (846 e seguenti).

Art. 723 Resa dei conti
Dopo la vendita, se ha avuto luogo, dei mobili e degli immobili si procede ai conti che i condividenti si devono rendere, alla formazione dello stato attivo e passivo dell’eredità e alla determinazione delle porzioni ereditarie e dei conguagli o rimborsi che si devono tra loro i condividenti.

Art. 724 Collazione e imputazione
I coeredi tenuti a collazione, a norma del Capo II di questo Titolo (737 e seguenti), conferiscono tutto ciò che è stato loro donato.
Ciascun erede deve imputare alla sua quota le somme di cui era debitore verso il defunto e quelle di cui è debitore verso i coeredi in dipendenza dei rapporti di comunione.

Art. 725 Prelevamenti
Se i beni donati non sono conferiti in natura (746, 750), o se vi sono debiti da imputare alla quota di un erede a norma del secondo comma dell’articolo precedente, gli altri eredi prelevano dalla massa ereditaria beni in proporzione delle loro rispettive quote (1113).
I prelevamenti, per quanto è possibile, si formano con oggetti della stessa natura e qualità di quelli che non sono stati conferiti in natura.

Art. 726 Stima e formazione delle parti
Fatti i prelevamenti, si provvede alla stima di ciò che rimane nella massa, secondo il valore venale dei singoli oggetti.
Eseguita la stima, si procede alla formazione di tante porzioni quanti sono gli eredi o le stirpi condividenti in proporzione delle quote.

Art. 727 Norme per la formazione delle porzioni
Salvo quanto è disposto dagli artt. 720 e 722, le porzioni devono essere formate, previa stima dei beni, comprendendo una quantità di mobili, immobili e crediti di eguale natura e qualità, in proporzione dell’entità di ciascuna quota (1114).
Si deve tuttavia evitare per quanto è possibile, il frazionamento delle biblioteche, gallerie e collezioni che hanno un’importanza storica, scientifica o artistica.

Art. 728 Conguagli in danaro
L’ineguaglianza in natura nelle quote ereditarie si compensa con un equivalente in danaro (2817, n. 2).

Art. 729 Assegnazione o attribuzione delle porzioni
L’assegnazione delle porzioni eguali e fatta mediante estrazione a sorte. Per le porzioni diseguali si procede mediante attribuzione. Tuttavia, rispetto a beni costituenti frazioni eguali di quote diseguali, si può procedere per estrazione a sorte (2646, 2685).

Art. 730 Deferimento delle operazioni a un notaio
Le operazioni indicate negli articoli precedenti possono essere, col consenso di tutti i coeredi, deferite a un notaio. La nomina di questo, in mancanza di accordo, è fatta con decreto dal pretore del luogo dell’aperta successione (456).
Qualora sorgano contestazioni nel corso delle operazioni, esse sono riservate e rimesse tutte insieme alla cognizione dell’autorità giudiziaria competente, che provvede con unica sentenza.

Art. 731 Suddivisione tra stirpi
Le norme sulla divisione dell’intero asse si osservano anche nelle suddivisioni tra i componenti di ciascuna stirpe.

Art. 732 Diritto di prelazione
Il coerede, che vuole alienare (1542 e seguenti) a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine (2964) di due mesi dall’ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall’acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria (1502).
Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.

Art. 733 Norme date dal testatore per la divisione
Quando il testatore ha stabilito particolari norme per formare le porzioni, queste norme sono vincolanti per gli eredi, salvo che l’effettivo valore dei beni non corrisponda alle quote stabilite dal testatore.
Il testatore può disporre che la divisione si effettui secondo la stima di persona da lui designata che non sia erede o legatario (706): la divisione proposta da questa persona non vincola gli eredi, se l’autorità giudiziaria, su istanza di taluno di essi, la riconosce contraria alla volontà del testatore o manifestamente iniqua.

Art. 734 Divisione fatta dal testatore
Il testatore può dividere i suoi beni tra gli eredi comprendendo nella divisione anche la parte non disponibile (536 e seguenti).
Se nella divisione fatta dal testatore non sono compresi tutti i beni lasciati al tempo della morte, i beni in essa non compresi sono attribuiti conformemente alla legge (566 e seguenti), se non risulta una diversa volontà del testatore.

Art. 735 Preterizione di eredi e lesione di legittima
La divisione nella quale il testatore non abbia compreso qualcuno dei legittimari (536) o degli eredi istituiti è nulla.
Il coerede che è stato leso nella quota di riserva può esercitare l’azione di riduzione contro gli altri coeredi (553 e seguenti).

Art. 736 Consegna dei documenti
Compiuta la divisione, si devono rimettere a ciascuno dei condividenti i documenti relativi ai beni e diritti particolarmente loro assegnati.
I documenti di una proprietà che è stata divisa rimangono a quello che ne ha la parte maggiore, con l’obbligo di comunicarli agli altri condividenti che vi hanno interesse, ogni qualvolta se ne faccia richiesta. Gli stessi documenti, se la proprietà è divisa in parti eguali, e quelli comuni all’intera eredità si consegnano alla persona scelta a tal fine da tutti gli interessati, la quale ha obbligo di comunicarli a ciascuno di essi, a ogni loro domanda. Se vi è contrasto nella scelta, la persona è determinata con decreto dal pretore del luogo dell’aperta successione (456), su ricorso di alcuno degli interessati, sentiti gli altri.

Capo II: Della collazione

Art. 737 Soggetti tenuti alla collazione
I figli legittimi e naturali e i loro discendenti legittimi e naturali ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati.
La dispensa da collazione non produce effetto se non nei limiti della quota disponibile (556).

Art. 738 Limiti della collazione per il coniuge
Non sono soggetti a collazione le donazioni di modico valore fatte al coniuge.

Art. 739 Donazioni ai discendenti o al coniuge dell’erede. Donazioni a coniugi
L’erede non è tenuto a conferire le donazioni fatte ai suoi discendenti o al coniuge, ancorché succedendo a costoro ne abbia conseguito il vantaggio.
Se le donazioni sono state fatte congiuntamente a coniugi di cui uno è discendente del donante, la sola porzione a questo donata è soggetta a collazione.

Art. 740 Donazioni fatte all’ascendente dell’erede
Il discendente che succede per rappresentazione (467) deve conferire ciò che è stato donato all’ascendente anche nel caso in cui abbia rinunziato all’eredità di questo.

Art. 741 Collazione di assegnazioni varie
E’ soggetto a collazione ciò che il defunto ha speso a favore dei suoi discendenti per assegnazioni fatte a causa di matrimonio, per avviarli all’esercizio di un’attività produttiva o professionale, per soddisfare premi relativi a contratti di assicurazione sulla vita a loro favore o per pagare i loro debiti.

Art. 742 Spese non soggette a collazione
Non sono soggette a collazione le spese di mantenimento e di educazione e quelle sostenute per malattia, ne quelle ordinarie fatte per abbigliamento o per nozze.
Le spese per il corredo nuziale e quelle per l’istruzione artistica o professionale sono soggette a collazione solo per quanto eccedono notevolmente la misura ordinaria, tenuto conto delle condizioni economiche del defunto (809).
Non sono soggette a collazione le liberalità previste dal secondo comma dell’Art. 770.

Art. 743 Società contratta con l’erede
Non è dovuta collazione di ciò che si è conseguito per effetto di società contratta senza frode tra il defunto e alcuno dei suoi eredi, se le condizioni sono state regolate con atto di data certa (2704).

Art. 744 Perimento della cosa donata
Non è soggetta a collazione la cosa perita per causa non imputabile al donatario (1256).

Art. 745 Frutti e interessi
I frutti (820) delle cose e gli interessi sulle somme soggette a collazione non sono dovuti che dal giorno in cui si è aperta la successione (456).

Art. 746 Collazione d’immobili
La collazione di un bene immobile si fa o col rendere il bene in natura o con l’imputarne il valore alla propria porzione, a scelta di chi conferisce.
Se l’immobile è stato alienato o ipotecato, la collazione si fa soltanto con l’imputazione.

Art. 747 Collazione per l’imputazione
La collazione per imputazione si fa avuto riguardo al valore dell’immobile al tempo dell’aperta successione (456).

Art. 748 Miglioramenti, spese e deterioramenti
In tutti i casi, si deve dedurre a favore del donatario il valore delle migliorie apportate al fondo nei limiti del loro valore al tempo dell’aperta successione (456, 1150).
Devono anche computarsi a favore del donatario le spese straordinarie da lui sostenute per la conservazione della cosa, non cagionate da sua colpa.
Il donatario dal suo canto è obbligato per i deterioramenti che, per sua colpa, hanno diminuito il valore dell’immobile.
Il coerede che conferisce un immobile in natura può ritenerne il possesso sino all’effettivo rimborso delle somme che gli sono dovute per spese e miglioramenti (1152).

Art. 749 Miglioramenti e deterioramenti dell’immobile alienato
Nel caso in cui l’immobile è stato alienato dal donatario, i miglioramenti e i deterioramenti fatti dall’acquirente devono essere computati a norma dell’articolo precedente.

Art. 750 Collazione di mobili
La collazione dei mobili si fa soltanto per imputazione, sulla base del valore che essi avevano al tempo dell’aperta successione (456, att. 1353).
Se si tratta di cose delle quali non si può far uso senza consumarle, e il donatario le ha già consumate, si determina il valore che avrebbero avuto secondo il prezzo corrente (1474) al tempo dell’aperta successione.
Se si tratta di cose che con l’uso si deteriorano, il loro valore al tempo dell’aperta successione è stabilito con riguardo allo stato in cui si trovano.
La determinazione del valore dei titoli dello Stato, degli altri titoli di credito quotati in borsa e delle derrate e delle merci il cui prezzo corrente è stabilito dalle mercuriali, si fa in base ai listini di borsa e alle mercuriali del tempo dell’aperta successione.

Art. 751 Collazione del danaro
La collazione del danaro donato (1923) si fa prendendo una minore quantità del danaro che si trova nell’eredità, secondo il valore legale della specie donata o di quella ad essa legalmente sostituita all’epoca dell’aperta successione (1277 e seguenti).
Quando tale danaro non basta e il donatario non vuole conferire altro danaro o titoli dello Stato, sono prelevati mobili o immobili ereditari, in proporzione delle rispettive quote.

Capo III: Del pagamento dei debiti

Art. 752 Ripartizione dei debiti ereditari tra gli eredi
I coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie, salvo che il testatore abbia altrimenti disposto (1295, 1315).

Art. 753 Immobili gravati da rendita redimibile
Ogni coerede, quando i beni immobili dell’eredità sono gravati con ipoteca da una prestazione di rendita redimibile (1865 e seguenti), può chiedere che gli immobili ne siano affrancati e resi liberi prima che si proceda alla formazione delle quote ereditarie. Se uno dei coeredi si oppone, decide l’autorità giudiziaria.
Se i coeredi dividono l’eredità nello stato in cui si trova, l’immobile gravato deve stimarsi con gli stessi criteri con cui si stimano gli altri beni immobili, detratto dal valore di esso il capitale corrispondente alla prestazione, secondo le norme relative al riscatto della rendita (1866), salvo che esista un patto speciale intorno al capitale da corrispondersi per l’affrancazione.
Alla prestazione della rendita è tenuto solo l’erede, nella cui quota cade detto immobile, con l’obbligo di garantire (1119) i coeredi.

Art. 754 Pagamento dei debiti e rivalsa
Gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti e pesi ereditari personalmente in proporzione della loro quota ereditaria (1295, 1315 e seguenti) e ipotecariamente per l’intero (2809). Il coerede che ha pagato oltre la parte a lui incombente può ripetere dagli altri coeredi soltanto la parte per cui essi devono contribuire a norma dell’Art. 752, quantunque si sia fatto surrogare nei diritti dei creditori (1201 e seguenti).
Il coerede conserva la facoltà di chiedere il pagamento del credito a lui personale e garantito da ipoteca, non diversamente da ogni altro creditore, detratta la parte che deve sopportare come coerede.

Art. 755 Quota di debito ipotecario non pagata da un coerede
In caso d’insolvenza di un coerede, la sua quota di debito ipotecario è ripartita in proporzione tra tutti gli altri coeredi.

Art. 756 Esenzione del legatario dal pagamento dei debiti
Il legatario non è tenuto a pagare i debiti ereditari, salvo ai creditori l’azione ipotecaria sul fondo legato (2858 e seguenti) e l’esercizio del diritto di separazione (512 e seguenti); ma il legatario che ha estinto il debito di cui era gravato il fondo legato subentra nelle ragioni del creditore contro gli eredi (1203, 2866).

Capo IV: Degli effetti della divisione e della garanzia delle quote

Art. 757 Diritto dell’erede sulla propria quota
Ogni coerede è reputato solo e immediato successore in tutti i beni componenti la sua quota o a lui pervenuti dalla successione, anche per acquisto all’incanto (719, 720), e si considera come se non avesse mai avuto la proprietà degli altri beni ereditari (2646, 2825).

Art. 758 Garanzie tra coeredi
I coeredi si devono vicendevole garanzia per le sole molestie ed evizioni derivanti da causa anteriore alla divisione (1483 e seguenti).
La garanzia non ha luogo, se è stata esclusa con clausola espressa nell’atto di divisione, o se il coerede soffre l’evizione per propria colpa.

Art. 759 Evizione subita da un coerede
Se alcuno dei coeredi subisce evizione (1483), il valore del bene evitto, calcolato al momento dell’evizione, deve essere ripartito tra tutti i coeredi ai fini della garanzia stabilita dall’articolo precedente, in proporzione del valore che i beni attribuiti a ciascuno di essi hanno al tempo dell’evizione e tenuto conto dello stato in cui si trovano al tempo della divisione (att. 140).
Se uno dei coeredi è insolvente, la parte per cui è obbligato deve essere egualmente ripartita tra l’erede che ha sofferto l’evizione e tutti gli eredi solventi.

Art. 760 Inesigibilità di crediti
Non è dovuta garanzia per l’insolvenza del debitore di un credito assegnato a uno dei coeredi, se l’insolvenza è sopravvenuta soltanto dopo che è stata fatta la divisione (1267).
La garanzia della solvenza del debitore di una rendita (1864) è dovuta per i cinque anni successivi alla divisione.

Capo V: Dell’annullamento e della rescissione in materia di divisione

Art. 761 Annullamento per violenza o dolo
La divisione può essere annullata quando è l’effetto di violenza o di dolo (1434 e seguenti). L’azione si prescrive (2941 e seguente) in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o in cui il dolo è stato scoperto (1442).

Art. 762 Omissione di beni ereditari
L’omissione di uno o più beni dell’eredità non dà luogo a nullità della divisione, ma soltanto a un supplemento della divisione stessa.

Art. 763 Rescissione per lesione
La divisione può essere rescissa quando taluno dei coeredi prova di essere stato leso oltre il quarto (1448 e seguenti).
La rescissione è ammessa anche nel caso di divisione fatta dal testatore (734 e seguente), quando il valore dei beni assegnati ad alcuno dei coeredi è inferiore di oltre un quarto all’entità della quota ad esso spettante.
L’azione si prescrive (2941 e seguente) in due anni dalla divisione.

Art. 764 Atti diversi dalla divisione
L’azione di rescissione è anche ammessa contro ogni altro atto che abbia per effetto di far cessare tra i coeredi la comunione dei beni ereditari.
L’azione non è ammessa contro la transazione (1965 e seguenti) con la quale si è posto fine alle questioni insorte a causa della divisione o dell’atto fatto in luogo della medesima, ancorché non fosse al riguardo incominciata alcuna lite.

Art. 765 Vendita del diritto ereditario fatta al coerede
L’azione di rescissione non è ammessa contro la vendita del diritto ereditario (477, 1542 e seguenti) fatta senza frode a uno dei coeredi, a suo rischio e pericolo, da parte degli altri coeredi o di uno di essi (14484).

Art. 766 Stima dei beni
Per conoscere se vi è lesione si procede alla stima dei beni secondo il loro stato e valore al tempo della divisione.

Art. 767 Facoltà del coerede di dare il supplemento
Il coerede contro il quale è promossa l’azione di rescissione può troncarne il corso e impedire una nuova divisione, dando il supplemento della porzione ereditaria, in danaro o in natura, all’attore e agli altri coeredi che si sono a lui associati (1450).

Art. 768 Alienazione della porzione ereditaria
Il coerede che ha alienato la sua porzione o una parte di essa non è più ammesso a impugnare la divisione per dolo o violenza, se l’alienazione è seguita quando il dolo era stato scoperto o la violenza cessata.
Il coerede non perde il diritto di proporre l’impugnazione, se la vendita è limitata a oggetti di facile deterioramento o di valore minimo in rapporto alla quota.

divisione ereditaria Bologna quote

divisione ereditaria Bologna  giudiziale

divisione ereditaria citazione

scrittura privata divisione ereditaria

divisione ereditaria Bologna consensuale

mediazione divisione ereditaria

 

 

 

divisione ereditaria atto di citazione, divisione ereditaria per testamento, divisione ereditaria per legge, divisione ereditaria vendita, divisione ereditaria vendita immobile, divisione ereditaria somme di denaro, divisione ereditaria spese a carico della massa, divisione ereditaria per scrittura privata, divisione ereditaria valore catastale, divisione ereditaria per stirpi, divisione ereditaria per legge, divisione ereditaria stima immobili, divisione ereditaria stragiudiziale, divisione ereditaria quote diseguali, divisione ereditaria richiesta assegnazione, divisione ereditaria tra cugini,divisione ereditaria tra fratelli, divisione ereditaria testamentaria, divisione ereditaria lesione di legittima, divisione ereditaria come si fa, divisione ereditaria accordo, divisione ereditaria amichevole forma,divisione ereditaria somme ,divisione ereditaria conti correnti, divisione ereditaria di un immobile, divisione ereditaria giudiziale, quote eredi nipoti, quote eredi successione di morte, quote eredi successione di morte, tabella quote eredi legittimi, quote eredi legittimi senza testamento, quote eredi moglie e tre figli, quote eredi successione di morte, quote degli eredi legittimi,eredi e quota, quote eredi in successione, quote eredi moglie e figli, polizza vita eredi legittimi quote, quote eredi legittimi tabella quote eredi legittimi

cause civili eredi
cause di lavoro eredi
cause tra eredi

 

divisione ereditaria Bologna quote

divisione ereditaria Bologna  giudiziale

divisione ereditaria citazione

scrittura privata divisione ereditaria

divisione ereditaria Bologna consensuale

mediazione divisione ereditaria

 

 

 

 

 

 

impugnare testamento olografo
impugnare testamento alzheimer
impugnazione testamento blocco beni
impugnare testamento costi
impugnare testamento dopo accettazione
impugnare testamento entro quando
impugnare testamento falso
impugnazione testamento giudice competente
impugnazione testamento incapacità testatore
impugnare testamento lesione legittima
impugnare testamento motivi
impugnare testamento notaio
impugnare testamento pubblico
impugnare testamento quota legittima
impugnare testamento redatto da notaio
impugnare testamento significato
impugnare testamento termini
impugnare un testamento
impugnare testamento violazione legittima
impugnare testamento per lesione di legittima
impugnare testamento zio

 

l testamento olografo contiene le ultime volontà di una persona, scritto, datato e sottoscritto di mano del testatore. Il testamento olografo può essere però impugnato per vie legali.

Il testamento olografo può essere redatto da tutte le persone maggiorenni, con piena capacità di intendere e di volere.

 

Cosa possono fare gli eredi non sono d’accordo con le ultime volontà del de cuius o pensano (e possono dimostrare) che siano state scritte in un momento in cui non era nel pieno delle sue facoltà?

 

 possono impugnare il testamento.

La normativa prevede l’impugnazione del testamento per vizi che ne determinano la nullità o l’annullabilità. Si tratta di un’azione che avviene per vie legali, è necessario, infatti, rivolgersi a un legale per capire con lui come procedere. L’impugnazione può essere fatta da chiunque soggetto abbia interesse, entro, però, il termine di cinque anni dal momento in cui sia stato scoperto il motivo d’invalidità.

Il testamento può essere impugnato e invalidato se nello scritto manca la firma o la data, o nel caso presenti altri gravi difetti di forma. Costituiscono vizi sostanziali che legittimano l’impugnazione del testamento per nullità: la contrarietà della disposizione a norme imperative, all’ordine pubblico o al buon costume o la condizione illecita o impossibile.

 

 

Conferma ed esecuzione volontaria di disposizioni testamentarie nulle.

La nullità della disposizione testamentaria, da qualunque causa dipenda, non può essere fatta valere da chi, conoscendo la causa della nullità, ha, dopo la morte del testatore, confermato la disposizione o dato ad essa volontaria esecuzione.

Capo II
Della capacità di disporre per testamento

Art. 591.
Casi d’incapacità.

Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono stati dichiarati incapaci dalla legge.

Sono incapaci di testare:

1) coloro che non hanno compiuto la maggiore età;

2) gli interdetti per infermità di mente;

3) quelli che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere o di volere nel momento in cui fecero testamento.

Nei casi d’incapacità preveduti dal presente articolo il testamento può essere impugnato da chiunque vi ha interesse.

L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Capo III
Della capacità di ricevere per testamento

Art. 592.
Figli naturali riconosciuti o riconoscibili. (1)

Se vi sono discendenti legittimi, i figli naturali quando la filiazione è stata riconosciuta o dichiarata, non possono ricevere per testamento più di quanto avrebbero ricevuto se la successione si fosse devoluta in base alla legge.

I figli naturali riconoscibili, quando la filiazione risulta nei modi indicati dall’articolo 279, non possono ricevere più di quanto, secondo la disposizione del comma precedente, potrebbero conseguire se la filiazione fosse stata riconosciuta o dichiarata.

 

(1) La Corte costituzionale con sentenza 28 dicembre 1970, n. 205 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente articolo.

Art. 593. (1)[Figli naturali non riconoscibili.

Quando il testatore lascia figli legittimi o loro discendenti, i figli naturali non riconoscibili, la cui filiazione risulta nei modi stabiliti dall’articolo 279, non possono singolarmente ricevere per testamento più della metà di quanto consegue nella successione il meno favorito dei figli legittimi. L’eccedenza è ripartita nelle stesse proporzioni tra i figli legittimi e i figli non riconoscibili. Questi non possono, in nessun caso, complessivamente ricevere più del terzo dell’eredità.

Se al testatore sopravvive il coniuge, i figli non riconoscibili non possono ricevere più del terzo dell’eredità. L’eccedenza è attribuita al coniuge.

I discendenti legittimi hanno facoltà di pagare in danaro o in beni immobili ereditari, a giusta stima, la porzione spettante ai figli non riconoscibili.

Le disposizioni precedenti si applicano anche ai figli non riconosciuti, dei quali sarebbe ammissibile il riconoscimento a norma degli articoli 251 e 252, terzo comma.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151.

Art. 594.
Assegno ai figli non riconoscibili. (1)

Gli eredi, i legatari e i donatari sono tenuti, in proporzione a quanto hanno ricevuto, a corrispondere ai figli di cui all’articolo 279 un assegno vitalizio nei limiti stabiliti dall’articolo 580, se il genitore non ha disposto per donazione o testamento in favore dei figli medesimi. Se il genitore ha disposto in loro favore, essi possono rinunziare alla disposizione e chiedere l’assegno. (2)

Art. 595. (1)[Coniuge del binubo.

Il coniuge del binubo non può ricevere da questo per testamento, sulla disponibile, più di quanto consegue, sulla disponibile stessa, il meno favorito dei figli di precedenti matrimoni. Per determinare la porzione del coniuge devono calcolarsi le donazioni da lui ricevute.

L’eccedenza di cui è stato disposto a favore del coniuge, anche per donazione, deve essere divisa in parti eguali tra il coniuge medesimo e tutti i figli del testatore.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151.

Art. 596.
Incapacità del tutore e del protutore.

Sono nulle le disposizioni testamentarie della persona sottoposta a tutela in favore del tutore, se fatte dopo la nomina di questo e prima che sia approvato il conto o sia estinta l’azione per il rendimento del conto medesimo, quantunque il testatore sia morto dopo l’approvazione. Questa norma si applica anche al protutore, se il testamento è fatto nel tempo in cui egli sostituiva il tutore.

Sono però valide le disposizioni fatte in favore del tutore o del protutore che è ascendente, discendente, fratello, sorella o coniuge del testatore.

Art. 597.
Incapacità del notaio, dei testimoni e dell’interprete.

Sono nulle le disposizioni a favore del notaio o di altro ufficiale che ha ricevuto il testamento pubblico, ovvero a favore di alcuno dei testimoni o dell’interprete intervenuti al testamento medesimo.

Art. 598.
Incapacità di chi ha scritto o ricevuto il testamento segreto.

Sono nulle le disposizioni a favore della persona che ha scritto il testamento segreto, salvo che siano approvate di mano dello stesso testatore o nell’atto della consegna. Sono pure nulle le disposizioni a favore del notaio a cui il testamento segreto è stato consegnato in plico non sigillato.

Art. 599.
Persone interposte.

Le disposizioni testamentarie a vantaggio delle persone incapaci indicate dagli articoli 592, 593, (1) 595, (2) 596, 597 e 598 sono nulle anche se fatte sotto nome d’interposta persona.

Sono reputate persone interposte il padre, la madre, i discendenti e il coniuge della persona incapace, anche se chiamati congiuntamente con l’incapace.

(1) La Corte costituzionale con sentenza 28 dicembre 1970, n. 205 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale del presente articolo nella parte in cui si riferisce agli artt. 592 e 593.
(2) La Corte costituzionale con sentenza 20 dicembre 1979, n. 153 ha dichiarato la illegittimità costituzionale del presente articolo nella parte in cui richiama l’art. 595 c.c..

Art. 600. (1)[Enti non riconosciuti.

Le disposizioni a favore di un ente non riconosciuto non hanno efficacia, se entro un anno dal giorno in cui il testamento è

eseguibile non è fatta l’istanza per ottenere il riconoscimento.

Fino a quando l’ente non è costituito possono essere promossi gli opportuni provvedimenti conservativi.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 15 maggio 1997, n. 127.

Capo IV
Della forma dei testamenti (1)

Sezione I
Dei testamenti ordinari

Art. 601.
Forme.

Le forme ordinarie di testamento sono il testamento olografo e il testamento per atto di notaio.

Il testamento per atto di notaio è pubblico o segreto.

Art. 602.
Testamento olografo.

Il testamento olografo deve essere scritto per intero, datato e sottoscritto di mano del testatore.

La sottoscrizione deve essere posta alla fine delle disposizioni. Se anche non è fatta indicando nome e cognome, è tuttavia valida quando designa con certezza la persona del testatore.

La data deve contenere l’indicazione del giorno, mese e anno. La prova della non verità della data è ammessa soltanto quando si tratta di giudicare della capacità del testatore, della priorità di data tra più testamenti o di altra questione da decidersi in base al tempo del testamento.

Art. 603.
Testamento pubblico.

Il testamento pubblico è ricevuto dal notaio in presenza di due testimoni.

Il testatore, in presenza dei testimoni, dichiara al notaio la sua volontà, la quale è ridotta in iscritto a cura del notaio stesso. Questi dà lettura del testamento al testatore in presenza dei testimoni. Di ciascuna di tali formalità è fatta menzione nel testamento.

Il testamento deve indicare il luogo, la data del ricevimento e l’ora della sottoscrizione, ed essere sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dal notaio. Se il testatore non può sottoscrivere, o può farlo solo con grave difficoltà, deve dichiararne la causa e il notaio deve menzionare questa dichiarazione prima della lettura dell’atto.

Per il testamento del muto o sordo (1) si osservano le norme stabilite dalla legge notarile per gli atti pubblici di queste persone. Qualora il testatore sia incapace anche di leggere, devono intervenire quattro testimoni.

 

Art. 604.
Testamento segreto.

Il testamento segreto può essere scritto dal testatore o da un terzo. Se è scritto dal testatore deve essere sottoscritto da lui alla fine delle disposizioni; se è scritto in tutto o in parte da altri, o se è scritto con mezzi meccanici, deve portare la sottoscrizione del testatore anche in ciascun mezzo foglio, unito o separato.

Il testatore che sa leggere ma non sa scrivere, o che non ha potuto apporre la sottoscrizione quando faceva scrivere le proprie disposizioni, deve altresì dichiarare al notaio, che riceve il testamento, di averlo letto ed aggiungere la causa che gli ha impedito di sottoscriverlo: di ciò si fa menzione nell’atto di ricevimento.

Chi non sa o non può leggere non può fare testamento segreto.

Art. 605.
Formalità del testamento segreto.

La carta su cui sono stese le disposizioni o quella che serve da involto deve essere sigillata con impronta, in guisa che il testamento non si possa aprire né estrarre senza rottura o alterazione.

Il testatore, in presenza di due testimoni, consegna personalmente al notaio la carta così sigillata, o la fa sigillare nel modo sopra indicato in presenza del notaio e dei testimoni, e dichiara che in questa carta è contenuto il suo testamento. Il testatore, se è muto o sordo, (1) deve scrivere tale dichiarazione in presenza dei testimoni e deve pure dichiarare per iscritto di aver letto il testamento, se questo è stato scritto da altri.

Sulla carta in cui dal testatore è scritto o involto il testamento, o su un ulteriore involto predisposto dal notaio e da lui debitamente sigillato, si scrive l’atto di ricevimento nel quale si indicano il fatto della consegna e la dichiarazione del testatore, il numero e l’impronta dei sigilli, e l’assistenza dei testimoni a tutte le formalità.

L’atto deve essere sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dal notaio.

Se il testatore non può, per qualunque impedimento, sottoscrivere l’atto della consegna, si osserva quel che è stabilito circa il testamento per atto pubblico. Tutto ciò deve essere fatto di seguito e senza passare ad altri atti.

 

Art. 606.
Nullità del testamento per difetto di forma.

Il testamento è nullo quando manca l’autografia o la sottoscrizione nel caso di testamento olografo, ovvere manca la redazione per iscritto, da parte del notaio, delle dichiarazioni del testatore o la sottoscrizione dell’uno o dell’altro, nel caso di testamento per atto di notaio.

Per ogni altro difetto di forma il testamento può essere annullato su istanza di chiunque vi ha interesse. L’azione di annullamento si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie.

Art. 607.
Validità del testamento segreto come olografo.

Il testamento segreto, che manca di qualche requisito suo proprio, ha effetto come testamento olografo, qualora di questo abbia i requisiti.

Art. 608.
Ritiro di testamento segreto od olografo.

Il testamento segreto e il testamento olografo che è stato depositato possono dal testatore essere ritirati in ogni tempo dalle mani del notaio presso il quale si trovano.

A cura del notaio si redige verbale della restituzione; il verbale è sottoscritto dal testatore, da due testimoni e dal notaio; se il testatore non può sottoscrivere, se ne fa menzione.

Quando il testamento è depositato in un pubblico archivio, il verbale è redatto dall’archivista e sottoscritto dal testatore, dai testimoni e dall’archivista medesimo.

Della restituzione del testamento si prende nota in margine o in calce all’atto di consegna o di deposito.

Sezione II
Dei testamenti speciali

Art. 609.
Malattie contagiose, calamità pubbliche o infortuni.

Quando il testatore non può valersi delle forme ordinarie, perché si trova in luogo dove domina una malattia reputata contagiosa, o per causa di pubblica calamità o d’infortunio, il testamento è valido se ricevuto da un notaio, [dal pretore o] (1) dal giudice di pace del luogo, dal sindaco o da chi ne fa le veci, o da un ministro di culto, in presenza di due testimoni di età non inferiore a sedici anni.

Il testamento è redatto e sottoscritto da chi lo riceve; è sottoscritto anche dal testatore e dai testimoni. Se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, se ne indica la causa.

Art. 610.
Termine di efficacia.

Il testamento ricevuto nel modo indicato dall’articolo precedente perde la sua efficacia tre mesi dopo la cessazione della causa che ha impedito al testatore di valersi delle forme ordinarie.

Se il testatore muore nell’intervallo, il testamento deve essere depositato, appena è possibile, nell’archivio notarile del luogo in cui è stato ricevuto.

Art. 611.
Testamento a bordo di nave.

Durante il viaggio per mare il testamento può essere ricevuto a bordo della nave dal comandante di essa.

Il testamento del comandante può essere ricevuto da colui che lo segue immediatamente in ordine di servizio.

Art. 612.
Forme.

Il testamento indicato dall’articolo precedente è redatto in doppio originale alla presenza di due testimoni e deve essere sottoscritto dal testatore, dalla persona che lo ha ricevuto e dai testimoni; se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, si deve indicare il motivo che ha impedito la sottoscrizione.

Il testamento è conservato tra i documenti di bordo ed è annotato sul giornale di bordo ovvero sul giornale nautico e sul ruolo d’equipaggio.

Art. 613.
Consegna.

Se la nave approda a un porto estero in cui vi sia un’autorità consolare, il comandante è tenuto a consegnare all’autorità medesima uno degli originali del testamento e una copia dell’annotazione fatta sul giornale di bordo ovvero sul giornale nautico e sul ruolo di equipaggio.

Al ritorno della nave nella Repubblica (1) i due originali del testamento o quello non depositato durante il viaggio, devono essere consegnati all’autorità marittima locale insieme con la copia della predetta annotazione.

Della consegna si rilascia dichiarazione, di cui si fa cenno in margine all’annotazione sopraindicata.

Art. 614.
Verbale di consegna.

L’autorità marittima o consolare locale deve redigere verbale della consegna del testamento e trasmettere il verbale e gli atti ricevuti al Ministero della difesa o al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (1) secondo che il testamento sia stato ricevuto a bordo di una nave della marina militare o di una nave della marina mercantile. Il Ministero ordina il deposito di uno degli originali nel suo archivio, e trasmette l’altro all’archivio notarile del luogo del domicilio o dell’ultima residenza del testatore.

 

Art. 615.
Termine di efficacia.

Il testamento fatto durante il viaggio per mare, nella forma stabilita dagli articoli 611 e seguenti, perde la sua efficacia

tre mesi dopo lo sbarco del testatore in un luogo dove è possibile fare testamento nelle forme ordinarie.

Art. 616.
Testamento a bordo di aeromobile.

Al testamento fatto a bordo di un aeromobile durante il viaggio si applicano le disposizioni degli articoli 611 a 615.

Il testamento è ricevuto dal comandante, in presenza di uno o, quando è possibile, di due testimoni.

Le attribuzioni delle autorità marittime a norma degli articoli 613 e 614 spettano alle autorità aeronautiche.

Il testamento è annotato sul giornale di rotta. (1)

 

(1) Il giornale di rotta è stato denominato giornale di bordo dalla L. 13 maggio 1983, n. 213.

Art. 617.
Testamento dei militari e assimilati.

Il testamento dei militari e delle persone al seguito delle forze armate dello Stato può essere ricevuto da un ufficiale o da un cappellano militare o da un ufficiale della Croce rossa, in presenza di due testimoni; esso deve essere sottoscritto dal testatore, dalla persona che lo ha ricevuto e dai testimoni. Se il testatore o i testimoni non possono sottoscrivere, si deve indicare il motivo che ha impedito la sottoscrizione.

Il testamento deve essere al più presto trasmesso al quartiere generale e da questo al Ministero competente, che ne ordina il deposito nell’archivio notarile del luogo del domicilio o dell’ultima residenza del testatore.

Art. 618.
Casi e termini d’efficacia.

Nella forma speciale stabilita dall’articolo precedente possono testare soltanto coloro i quali, appartenendo a corpi o servizi mobilitati o comunque impegnati in guerra, si trovano in zona di operazioni belliche o sono prigionieri presso il nemico, e coloro che sono acquartierati o di presidio fuori della Repubblica (1) o in luoghi dove siano interrotte le comunicazioni.

Il testamento perde la sua efficacia tre mesi dopo il ritorno del testatore in un luogo dove è possibile far testamento nelle forme ordinarie.

 

Art. 619.
Nullità.

I testamenti previsti in questa sezione sono nulli quando manca la redazione in iscritto della dichiarazione del testatore ovvero la sottoscrizione della persona autorizzata a riceverla o del testatore.

Per gli altri difetti di forma si osserva il disposto del secondo comma dell’articolo 606.

Sezione III
Della pubblicazione dei testamenti olografi e dei testamenti segreti

Art. 620.
Pubblicazione del testamento olografo.

Chiunque è in possesso di un testamento olografo deve presentarlo a un notaio per la pubblicazione, appena ha notizia della morte del testatore.

Chiunque crede di avervi interesse può chiedere, con ricorso al tribunale del circondario (1)in cui si è aperta la successione, che sia fissato un termine per la presentazione.

Il notaio procede alla pubblicazione del testamento in presenza di due testimoni, redigendo nella forma degli atti pubblici un verbale nel quale descrive lo stato del testamento, ne riproduce il contenuto e fa menzione della sua apertura, se è stato presentato chiuso con sigillo. Il verbale è sottoscritto dalla persona che presenta il testamento, dai testimoni e dal notaio. Ad esso sono uniti la carta in cui è scritto il testamento, vidimata in ciascun mezzo foglio dal notaio e dai testimoni, e l’estratto dell’atto di morte del testatore o copia del provvedimento che ordina l’apertura degli atti di ultima volontà dell’assente o della sentenza che dichiara la morte presunta.

Nel caso in cui il testamento è stato depositato dal testatore presso un notaio, la pubblicazione è eseguita dal notaio depositario.

Avvenuta la pubblicazione, il testamento olografo ha esecuzione.

Per giustificati motivi, su istanza di chiunque vi ha interesse, il tribunale (2) può disporre che periodi o frasi di carattere non patrimoniale siano cancellati dal testamento e omessi nelle copie che fossero richieste, salvo che l’autorità giudiziaria ordini il rilascio di copia integrale.

 

Art. 621.
Pubblicazione del testamento segreto.

Il testamento segreto deve essere aperto e pubblicato dal notaio appena gli perviene la notizia della morte del testatore. Chiunque crede di avervi interesse può chiedere, con ricorso al tribunale del circondario (1) in cui si è aperta la successione, che sia fissato un termine per l’apertura e la pubblicazione.

Si applicano le disposizioni del terzo comma dell’articolo 620.

Art. 622.
Comunicazione dei testamenti alla pretura. (1)

Il notaio deve trasmettere alla cancelleria del tribunale, (2) nella cui giurisdizione si è aperta la successione, copia in carta libera dei verbali previsti dagli articoli 620 e 621 e del testamento pubblico.

Art. 623.
Comunicazioni agli eredi e legatari.

Il notaio che ha ricevuto un testamento pubblico, appena gli è nota la morte del testatore, o, nel caso di testamento olografo o segreto, dopo la pubblicazione, comunica l’esistenza del testamento agli eredi e legatari di cui conosce il domicilio o la residenza.

Capo V

 

 

 

 

 

 

testamento erede universale
testamento a erede universale
testamento erede condizione
testamento erede deceduto
testamento eredità esempio
testamento eredità fratelli
impugnare testamento erede universale
testamento erede legittimo
testamento erede morto
testamento eredità nipoti
testamento erede o legatario
testamento erede premorto
eredità testamento quota disponibile
testamento rinuncia eredità
testamento eredita senza figli
testo testamento erede universale
testamento per erede universale

 

 

perche un testamento sia valido

 

perchè il testamento di tito

 

perchè il testamento biologico

 

perchè pubblicare testamento

 

perchè il testamento è un negozio giuridico

 

perche impugnare un testamento

 

perchè pubblicare un testamento

 

perchè pubblicare un testamento olografo

 

come testamento olografo

 

testamento come funziona

 

testamento come fare

 

testamento come farlo

 

testamento come si fa

 

testamento come negozio giuridico

 

testamento come scriverlo

 

testamento come si fa per sapere se esiste

 

testamento come si scrive

 

testamento come impugnare

 

come fare testamento olografo

 

come impugnare testamento olografo

 

come pubblicare testamento olografo

 

come conservare testamento olografo

 

come trovare testamento olografo

 

come annullare testamento olografo

 

come impugnare testamento olografo falso

 

come impostare testamento olografo

 

come registrare testamento olografo

 

testamento olografo come funziona

 

testamento pubblico come funziona

 

apertura testamento come funziona

 

eredità senza testamento come funziona

 

testamento dal notaio come funziona

 

testamento olografo come fare

 

testamento biologico come fare

 

impugnazione testamento come fare

 

successione senza testamento come fare

 

come fare testamento senza notaio

 

come fare testamento e dove conservarlo

 

come fare testamento valido

 

come fare testamento esempio

 

come fare testamento ereditario

 

testamento olografo come farlo

 

testamento biologico come farlo

 

testamento olografo come farlo valere

 

testamento biologico come si fa

 

pubblicazione testamento come si fa

 

come si fa un testamento

 

come si fa un testamento olografo

 

come si fa un testamento valido

 

come si fa un testamento segreto

 

come si fa un testamento dal notaio

 

come si fa un testamento privato

 

testamento olografo come scriverlo

 

testamento olografo come si scrive

 

come si scrive un testamento segreto

 

come si scrive un testamento esempio

 

come si scrive un testamento biologico

 

come si scrive un testamento pubblico

 

come si scrive il testamento biologico

 

come si scrive un testamento di morte

 

come impugnare testamento pubblico

 

testamento quando si apre

 

testamento quando è valido

 

testamento quando viene aperto

 

testamento quando può essere impugnato

 

testamento quando si può impugnare

 

testamento quando non è valido

 

testamento quando è nullo

 

testamento quando non ci sono figli

 

testamento quando farlo

 

quando un testamento è nullo

 

testamento pubblico quando si apre

 

quando si apre il testamento olografo

 

quando si apre un testamento olografo

 

quando si apre un testamento pubblico

 

testamento olografo quando è valido

 

testamento olografo quando non è valido

 

testamento olografo quando puo essere impugnato

 

quando un testamento olografo può essere impugnato

 

quando si può impugnare un testamento pubblico

 

quando non si puo impugnare un testamento

 

testamento olografo quando è nullo

 

quando è nullo un testamento olografo

 

quando un testamento pubblico è nullo

 

quando un testamento olografo è nullo

 

testamento dove viene pubblicato

 

testamento dove si deposita

 

testamento dove si pubblica

 

testamento dove si registra

 

testamento dove farlo

 

testamento dove si fa

 

dove trovare testamento

 

dove leggere testamento pubblicato

 

dove pubblicare testamento

 

dove pubblicare testamento olografo

l’eredità perche frizziperchè pedro eredità

 

perchè rinunciare all’eredità

 

l eredità perchè frizzi

 

come eredita lo stato

 

eredità come partecipare

 

eredità come funziona

 

eredità come si divide

 

eredità come partecipare 2013

 

eredita come viene suddivisa

 

eredità come si calcola la quota disponibile

 

eredita come fare

 

eredità come iscriversi

 

eredità come si divide tra coniugi senza figli

 

 

eredità rai uno come partecipare

 

l’eredità come partecipare al gioco

 

eredità rai come partecipare

 

l’eredità come partecipare 2012

 

eredità trasmissione come partecipare

 

l’eredità partecipare come pubblico

 

rinuncia eredità come funziona

 

l’eredità come funziona

 

eredità senza testamento come funziona

 

rinuncia all eredità come funziona

 

come si divide l eredità tra moglie e figli

 

come si divide l’eredità senza testamento

 

come si divide l’eredità tra coniuge e figli

 

come si divide l’eredità tra fratelli

 

come si divide l’eredità tra cugini

 

come si divide un’eredità senza testamento

 

l’eredità partecipare come concorrente 2013

 

rinuncia eredità come fare

 

accettazione eredità come fare

 

l’eredità come iscriversi

 

quando eredita lo stato

 

quando eredita la moglie

 

quando eredita il nipote

 

quando eredita un fratello

 

quando eredita il coniuge

 

quando eredita la moglie e i figli

 

quando eredità giacente

 

eredità quando non ci sono figli

 

eredità quando muore un coniuge

 

eredita quando muore un genitore

 

quando il coniuge non eredita

 

quando l’eredità è giacente

 

eredità quando muore un coniuge senza figli

 

quando un genitore muore chi eredita

 

eredita dove si trova

 

dove accettare eredità

 

dove investire eredità

 

accettazione eredità dove si fa

 

dove girano l’eredità

 

rinuncia eredità dove farla

 

dove registrano l’eredità

 

rinuncia eredità dove si fa

 

dove fare rinuncia eredità

 

rinuncia eredità dove

 

Cassazione n. 22977/13: Valido il contratto di divisione ereditaria stipulato solo da alcuni coeredi.

L’autonomia contrattuale riconosciuta dall’ordinamento ai singoli consente di procedere in via negoziale, in alternativa alla via giudiziale, alla regolazione dei rapporti della comunione tra i coeredi,ivi compreso lo scioglimento della comunione limitatamente ad uno solo dei coeredi; sicché se le parti ritengono di regolare contrattualmente lo scioglimento della comunione nei confronti di uno solo dei coeredi, non è necessario che al contratto partecipino tutti i coeredi, dal momento che ciò che è necessario ove si proceda in via giudiziale, non lo è laddove le parti procedano in via negoziale.

 

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con atto di citazione notificato il 28 luglio 1987, B.N. V. adiva il Tribunale di Genova per ottenere lo scioglimento della comunione ereditaria sui beni dell’asse ereditario del padre, B.P., ancora in vigore tra lui e i coeredi superstiti. A tal fine, citava in giudizio i fratelli M.R., N. e R.A.. Considerato che all’interno della comunione ricadevano non solo i beni originariamente facenti parte dell’asse del padre, B.P., ma anche quelli successivamente acquistati dagli eredi e quelli ad essi pervenuti dall’eredità dei fratelli deceduti B.E. e C., l’attore B.N.V. citava in giudizio altresì P. E., B.M., B.P. e B. A., in qualità di eredi di Bi.Ma., per sentire dichiarare la prescrizione del diritto del fu Bi.Ma. di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e C..

In particolare, B.N. formulava le seguenti conclusioni:

“nei confronti di B.M.R. fu P. e per essa deceduta dei suoi eredi L.F., L.S. vedova B., e L.M., nonchè nei confronti di B. M. fu P. e per esso deceduto dei di lui eredi P. E., Bi.Pi., B.A. e B.R. dichiararsi prescritto il loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.E. fu P. (deceduto l'(OMISSIS)), in particolare delle quote a Lui intestate di 3/6 dei beni partita 585 N.C.E.U. Comune di Mignanego, di 4/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego e 1/4 dei beni a partita III catasto terreni Comune Serra Ricco, nonchè di accettare l’eredità di B.C. fu P., nata a (OMISSIS) ed ivi deceduta il (OMISSIS) ed in particolare della quota a lei intestata di 1/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego; nei confronti di B.N. e B.A.R. A. fu P. procedersi con l’istante B.N. V., alla divisione per quota di 1/3 per ciascuno degli immobili tutti censiti a N.C.E.U. Comune di Mignanego alle partite 585 e 262 e a catasto terreni Comune di Serra Ricco partita III”.

Nelle more del giudizio decedevano gli eredi di B.P. rimasti in vita e parti del giudizio.

In data (OMISSIS) decedeva B.N., istituendo quali eredi C.E., Bo.An.Ma., R.N. e Bo.Ed..

In data (OMISSIS) decedeva B.R.A., istituendo quale unico erede il fratello N.V..

In data (OMISSIS) decedeva B.N.V., istituendo quali eredi i nipoti (figli della di lui sorella B. M.) L.P., L.A., L.C., L.M. e L.I.S..

Il giudizio proseguiva tra gli eredi.

Gli eredi di B.N. e di B.N.V. addivenivano ad una soluzione stragiudiziale della controversia sulla divisione dell’asse ereditario, come modificato ed ampliato nel tempo a causa delle continue successioni.

Gli eredi Bi.Ma. chiedevano in via riconvenzionale: a) accertarsi e dichiararsi il loro diritto, nella qualità di eredi di Bi.Ma., di partecipare alla divisione giudiziale dell’eredità di B.P., chiesta da B.N. V. con atto di citazione del 28 luglio 1987, per l’inefficacia della scrittura privata datata 28 gennaio 1944 che avrebbe determinato la fuoriuscita del loro dante causa dalla comunione ereditaria de quo; e ciò sul rilievo che il detto atto doveva ritenersi invalido in quanto non sottoscritto da uno dei comunisti (segnatamente, il coerede B.E., la cui quota era stata già liquidata all’epoca della sottoscrizione della scrittura privata in esame); b) accertarsi e dichiararsi il diritto delle parti sull’asse ereditario di B.E. e su quello di B. C., attesa l’infondatezza della domanda attorea volta a far dichiarare la prescrizione del diritto di Bi.Ma. di accettare l’eredità dei di lui fratelli; c) accertarsi e dichiararsi l’invalidità dei testamenti pubblici di B.R.A. e di B.N.V..

Il Tribunale di Genova, con sentenza n. 4343 del 2002, dichiarava cessata la materia del contendere riguardo alla domanda di scioglimento della comunione ereditaria tra gli eredi testamentari dell’originario attore, B.N.V., già costituitosi anche quale erede universale della sorella B. A., deceduta in corso di causa, L.P., L. M., L.A., L.C. e B.M. R., nella qualità di procuratore generale di L.I. S., e tra gli eredi di B.N., deceduto in corso di causa, C.E., Bo.An.Ma., R.N. ed B.E..

Con la medesima sentenza, il Tribunale rigettava le domande riconvenzionali spiegate P.E. o El., B. P., B.A. e B.M. – i quali, convenuti in giudizio nella qualità di eredi di Bi.Ma.

per sentir dichiarare l’intervenuta prescrizione, ai sensi dell’art. 480 c.c., comma 1, del loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.C. e da B.E. – avevano fatto valere il loro diritto a partecipare alla divisione, oggetto di causa, del patrimonio relitto da B.P., deceduto il (OMISSIS), padre del loro dante causa Ma.

B., e avevano altresì fatto valere pretese in ordine alle eredità dei fratelli premorti di Bi.Ma., C. ed E., nonchè avevano contestato la validità del testamento pubblico di B.A., con il quale era stato designato erede universale il fratello B.N.V., e il testamento pubblico di quest’ultimo.

In particolare, il Tribunale escludeva la perdurante sussistenza della comunione relativa all’eredità di B.P., affermando la validità e l’efficacia della scrittura in data 28 gennaio 1944, sottoscritta da Bi.Ma., con la quale era stata liquidata la di lui quota dell’eredità paterna, tramite l’assegnazione dei beni immobili ivi indicati e la rinuncia del medesimo Bi.Ma. a vantare ulteriori diritti in ordine ai beni residuati in comunione agli altri quattro fratelli; riteneva che vi fosse carenza di precisi riferimenti temporali quanto alle istanze istruttorie formulate in ordine alla asserita non intervenuta prescrizione del diritto di accettare le eredità e che non sussistessero sufficienti motivi per dubitare della validità dei testamenti pubblici di B.R.A. e B.N. V., nei confronti dei quali testamenti, peraltro, non era stata proposta querela di falso.

I soccombenti P.E., B.P., B. A. e B.M. interponevano tempestivo appello avverso detta sentenza innanzi alla Corte d’appello di Genova, chiedendo, previa ammissione delle istanze istruttorie formulate in primo grado e di quelle richieste nel giudizio di appello, in totale riforma della sentenza impugnata: di respingere le domande attoree relative alla esclusione degli appellanti dalla divisione dei beni oggetto di causa; di procedere nei modi e nelle forme di legge alla valutazione di detti beni, detratte le passività e computate le attività, con ordine agli attori di esibire il rendiconto su quanto prelevato dalla eredità de quo e di procedere alla divisione dei beni in comunione ereditaria; con vittoria di spese.

Si costituivano tutti gli appellati, chiedendo il rigetto del gravame.

La Corte d’appello di Genova, con la sentenza n. 632 del 2006, rigettava la domanda degli appellanti, confermando integralmente la sentenza n. 4343 del 2002 del Tribunale di Genova. In applicazione del principio della soccombenza, gli appellanti, totalmente soccombenti, venivano condannati, tra loro in solido, alla rifusione delle spese del giudizio di appello agli appellati.

Per la cassazione di detta sentenza hanno proposto ricorso, sulla base di tre motivi, P.E., B.P., B.A. e B.M..

Hanno resistito, con separati controricorsi, i sigg.ri C.E., B.A.M., R.N. e Bo.Ed.; la sig.ra B.M.R., in qualità di procuratrice di L.I. S.; il sig. L.P., in proprio e nella qualità di erede di L.G., tutti chiedendo il rigetto del ricorso.

Non hanno svolto attività difensiva gli intimati L.M. e Br.Ma..

 

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Il primo motivo di ricorso ha ad oggetto la validità (dichiarata dal Tribunale di Genova e confermata dalla Corte d’appello) della scrittura privata datata 18 gennaio 1944, con la quale il coerede Bi.Ma. abbandonava la comunione ereditaria formatasi al decesso del padre, B.P..

1.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti deducono violazione o falsa applicazione degli artt. 1419, 1420, 1111, 1116, 757 e 758 c.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte d’appello erroneamente applicato le disposizioni in materia di contratti plurilaterali, scioglimento della comunione e divisione ereditaria.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 ibis c.p.c.: “Dica la Corte se non sia incorsa in violazione di legge la Corte d’appello genovese allorchè non ha ritenuto che lo scioglimento della partecipazione alla comunione ereditaria di un solo partecipante non richieda la partecipazione essenziale di tutti gli altri partecipanti alla comunione e ciò con riferimento all’art. 1420 c.c., ultima parte, artt. 1419, 1111, 1116, e 757 c.c. e ss.”.

1.2. I ricorrenti denunciano poi difetto di motivazione, o quantomeno insufficiente motivazione, su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, per una asserita carenza motivazionale della sentenza sulla non essenzialità della sottoscrizione della scrittura privata de quo da parte di tutti i coeredi. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa in vizio di insufficiente motivazione allorchè, nel deliberare se doveva ritenersi necessaria o meno la partecipazione di tutti i partecipanti alla comunione ereditaria al negozio con cui era prevista l’esclusione del coerede Bi.Ma., si è limitata ad affermare la diversità tra la fattispecie “divisione ereditaria” e la fattispecie “scioglimento della comunione limitatamente ad un solo partecipante”, affermando non essere emerso alcun elemento che, dal punto di vista soggettivo, potesse far inferire che i fratelli rimasti in comunione costituissero un’unica parte complessa e non ha affrontato, senza motivare, il tema delle conseguenze della mancata partecipazione al negozio di alcuni eredi”.

1.3. I ricorrenti denunciano altresì difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, dolendosi del fatto che la Corte d’appello abbia ritenuto pacifica, ma in modo apodittico, l’avvenuta esecuzione della scrittura privata. In conclusione, si chiede alla Corte di Cassazione “se la motivazione della Corte d’appello genovese non sia viziata da difetto o insufficiente motivazione nel punto in cui ha affermato pacifico, senza alcuna ulteriore spiegazione, che la scrittura del 28/01/1944 avrebbe avuto pacifica esecuzione tra i coeredi”.

1.4. Ulteriormente, i ricorrenti lamentano difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia, per avere la Corte d’appello affermato che il trascorrere del tempo avrebbe consolidato, per effetto di intervenuta usucapione, gli assetti proprietari sui beni parte dell’eredità de quo. In conclusione, si chiede di accertare “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè ha affermato consolidato l’assetto proprietario dei beni caduti nell’asse ereditario di B. P., in mancanza di domande specifiche delle parti sull’intervenuta usucapione”.

1.5. Ed ancora, i ricorrenti deducono il vizio di contraddittorietà della motivazione su un punto essenziale della controversia, relativamente alle affermazioni circa l’interpretazione del ruolo dei coeredi quali parti del contratto di liquidazione della quota ereditaria spettante a Bi.Ma. (la scrittura privata 18 gennaio 1944). In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato di contraddittorietà della motivazione allorchè, da un lato, afferma che la volontà comune delle parti era diretta al conseguimento dello scopo di liquidare la quota di Bi.Ma. escludendolo dalla comunione e, dall’altro lato, afferma non risultare la volontà delle parti di considerarsi un’unica parte complessa cosicchè l’esecuzione del negozio presupponesse la partecipazione unitaria e globale di tutti i fratelli”.

2. Il primo motivo di ricorso, che può essere esaminato complessivamente stante la unitarietà delle questioni proposte, non è fondato.

2.1. La Corte d’appello è giunta a confermare la validità e l’efficacia della scrittura privata del 28 gennaio 1944, sulla base di un ragionamento coerente e corretto, tanto da un punto di vista logico, quanto da un punto di vista giuridico.

La Corte d’appello ha, invero, ritenuto che l’autonomia contrattuale riconosciuta dall’ordinamento ai singoli consente di procedere in via negoziale, in alternativa alla via giudiziale, alla regolazione dei rapporti della comunione tra i coeredi, ivi compreso lo scioglimento della comunione limitatamente ad uno solo dei coeredi; sicchè, se le parti ritengano di regolare contrattualmente lo scioglimento della comunione nei confronti di uno solo dei coeredi, non è necessario che al contratto partecipino tutti i coeredi, dal momento che ciò che è necessario ove si proceda in via giudiziale, non lo è laddove le parti procedano in via negoziale. Del resto, l’unica parte a potersi, eventualmente, dolere della mancata sottoscrizione del contratto di scioglimento è proprio il coerede che non abbia sottoscritto, più che colui a beneficio del quale è stato convenuto lo scioglimento della divisione.

In tal modo, la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio affermato da questa Corte, secondo cui “nel caso di comproprietà di beni su cui gravi un diritto di usufrutto (nella specie, comunione ereditaria con quota di usufrutto ex lege in favore del coniuge superstite, in base alla disciplina previgente alla riforma del diritto di famiglia), la partecipazione del titolare di detto usufrutto si rende necessaria nell’ipotesi di divisione giudiziale, spettando al medesimo la qualità di litisconsorte, non anche in quella di divisione contrattuale, dovendo ritenersi consentito ai comproprietari, nell’esercizio della loro autonomia negoziale, di pattuire fra di essi lo scioglimento, salva restando l’inopponibilità del relativo contratto all’usufruttuario, ove implichi una lesione delle sue ragioni” (Cass. n. 1337 del 1987).

La Corte d’appello ha poi chiarito che la scrittura privata del 28 gennaio 1944 rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma., ferma restando la situazione di comunione tra gli altri eredi del comune dante causa B. P.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

La differenza principale che intercorre tra i contratti plurilaterali e i contratti di scambio, infatti, è l’assenza del sinallagma nei primi, a differenza dei secondi. Se nei contratti plurilaterali “la prestazione di ciascuna delle parti è diretta al perseguimento di uno scopo comune, per modo che il contratto realizza la costituzione e l’organizzazione di un comune interesse”, nei contratti di scambio a prestazioni corrispettive “la prestazione di ciascuna parte è rivolta soltanto al soddisfacimento dell’interesse dell’altra” (Cass., S.U., 2830 del 1966; Cass. n. 4715 del 1978).

La Corte d’appello ha chiarito che la scrittura privata de quo rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

E trattandosi di contratto plurilaterale non era necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, giacchè lo scopo comune perseguito dai sottoscrittori era lo scioglimento della comunione solo rispetto ad uno dei coeredi, mantenendo la comunione in vita rispetto agli eredi rimanenti.

Appare, quindi, inconferente il richiamo svolto da parte ricorrente alle disposizioni in materia di divisione ereditaria e di scioglimento della comunione in generale, considerato che a seguito della scrittura privata de quo, la comunione ereditaria è rimasta attiva ed è stata poi sciolta solo col giudizio di divisione instaurato nel 1987.

Trattasi di affermazioni che trovano conforto nel principio, affermato da questa Corte e condiviso dal Collegio, secondo cui “il contratto con cui alcuni degli eredi fissano le modalità di ripartizione del patrimonio ereditario fra tutti i partecipanti alla comunione ereditaria (quomodo dividendum sit) ed assegnano a ciascuno la porzione spettantegli, vincolandosi all’osservanza del concordato assetto d’interessi, è valido in quanto, non determinando direttamente lo scioglimento della comunione, non configura una vera e propria divisione ereditaria, per la cui validità soltanto è richiesta la partecipazione di tutti i coeredi alla sua conclusione.

In tale ipotesi si ha un contratto perfetto in tutti i suoi elementi essenziali, immediatamente vincolante ed efficace fra le parti contraenti e destinato a conseguire il suo effetto definitivo, consistente nello scioglimento della comunione ereditaria, mediante la successiva adesione dei coeredi assenti, senza che occorra alcun ulteriore accordo o un provvedimento giudiziale sostitutivo, perchè l’attribuzione dei beni ereditari abbia luogo in conformità delle pattuizioni negoziali. Siffatta adesione – ove i contraenti non abbiano diversamente disposto – può essere utilmente manifestata fino a quando il vincolo obbligatorio derivante dal contratto non sia stato sciolto per effetto di un contrario comune accordo dei contraenti o non sia intervenuto un provvedimento giudiziale di divisione che, essendo incompatibile con la ripartizione consensuale dei beni in esso prevista, ne renda impossibile l’estensione agli altri soggetti della comunione ereditaria” (Cass. n. 3529 del 1982).

Pertanto, esclusa la invalidità e la inefficacia della scrittura del 1944, deve solo rilevarsi che nel controricorso di B.M. R. si è evidenziato che gli eredi di Bi.Ma. avevano impostato la propria linea difensiva proprio sulla esistenza ed efficacia della citata scrittura, formulando anche una richiesta di prova testimoniale sul punto; e tale deduzione è rimasta priva di controdeduzioni da parte dei ricorrenti.

2.2. Anche le censure rivolte alla motivazione della sentenza impugnata appaiono prive di fondamento.

I ricorrenti eccepiscono la insufficienza della motivazione, con riguardo alla decisione della Corte di non ritenere essenziale la partecipazione di B.E. alla sottoscrizione della scrittura privata, ai fini di una eventuale declaratoria di nullità, ai sensi dell’art. 1420 c.c..

La non essenzialità della partecipazione di B.E. deriva dal fatto che la Corte ha ritenuto la scrittura in esame un contratto plurilaterale rivolto allo scioglimento della comunione rispetto ad uno dei coeredi, e non un contratto di divisione ereditaria. Il punto è stato sufficientemente argomentato dalla Corte territoriale e con il motivo di ricorso sub 1.2. i ricorrenti non aggiungono profili ulteriori rispetto alle censure contenute nel motivo di cui al punto 1.1., di cui si è detto.

Le censure di cui ai punti 1.3. e 1.4. vanno rigettate perchè la motivazione della sentenza impugnata è logica e coerente.

Invero, con il motivo di cui al punto 1.3., si imputa alla Corte d’appello di avere ritenuto circostanza pacifica quella che la scrittura avesse avuto esecuzione; ma la Corte correttamente ha inferito tale conseguenza dalla interpretazione della scrittura privata de quo. Trattasi di un fatto rilevante, verso il quale non è mai stata mossa alcuna obiezione, come eccepito, sul punto, nel controricorso B.M.R..

Con il motivo di cui al punto 1.4., i ricorrenti censurano la ritenuta stabilizzazione degli assetti proprietari per usucapione, atteso il trascorrere di molti anni dalla scrittura privata in esame.

La censura è infondata perchè non riguarda un fatto controverso, ma si riferisce ad un argomento richiamato utilizzato dalla Corte territoriale nel contesto di una motivazione logica e coerente.

L’ultima censura di cui si compone il primo motivo di ricorso è quella di cui al punto 1.5. I ricorrenti censurano la sentenza impugnata per contraddittorietà della motivazione, nella parte in cui la Corte territoriale, da un lato, ha affermato che lo scopo dei coeredi era quello di liquidare la quota di Bi.Ma. e, dall’altro, ha affermato che i coeredi non dovessero esser considerati “un’unica parte complessa”, di modo che l’esecuzione del negozio implicasse la partecipazione unitaria di tutti i coeredi.

Il motivo è infondato. Affermare, come ha fatto la Corte territoriale, che lo scopo comune degli eredi B.P. era quello di sciogliere la comunione limitatamente al coerede Bi.

M. non è in contraddizione con l’affermazione secondo la quale i coeredi non costituivano “un’unica parte complessa”. E’ perfettamente logico ritenere che i coeredi rimasti in comunione abbiano agito nella loro individualità di comproprietari, per lo scopo comune di liquidare la quota del fratello Bi.Ma. e che per l’esecuzione di tale contratto non fosse necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, perchè, secondo le osservazioni ampiamente sviluppate in precedenza, essendo il contratto de quo un contratto plurilaterale, la partecipazione di B.E. non era essenziale, sicchè la sua mancata sottoscrizione del detto accordo non poteva invalidare l’intero schema contrattuale, ai sensi dell’art. 1420 c.c..

3. Il secondo motivo di ricorso riguarda il capo della sentenza impugnata relativo alla accertata prescrizione del diritto di Bi.Ma., e per esso dei suoi eredi, di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e B.C..

I ricorrenti denunziano la omessa motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello omesso di considerare la deduzione di apposito capitolo di prova sulla attività svolta da Bi.Ma. per addivenire alla divisione delle eredità dei fratelli; attività, questa, a dire dei ricorrenti, sicuramente indicativa della volontà di accettare.

3.1 Il motivo di ricorso non è fondato.

Occorre premettere che la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio per cui “l’accettazione tacita di eredità può desumersi soltanto dall’esplicazione di un’attività personale del chiamato tale da integrare gli estremi dell’atto gestorio incompatibile con la volontà di rinunziare, e non altrimenti giustificabile se non in relazione alla qualità di erede, con la conseguenza che non possono essere ritenuti atti di accettazione tacita quelli di natura meramente conservativa che il chiamato può compiere anche prima dell’accettazione, ex art. 460 c.c.. L’indagine relativa alla esistenza o meno di un comportamento qualificabile in termini di accettazione tacita, risolvendosi in un’accertamento di fatto, va condotta dal giudice di merito caso per caso (in considerazione delle peculiarità di ogni singola fattispecie, e tenendo conto di molteplici fattori, tra cui quelli della natura e dell’importanza, oltrechè della finalità, degli atti di gestione), e non è censurabile in sede di legittimità, purchè la relativa motivazione risulti immune da vizi logici o da errori di diritto” (Cass. n. 12753 del 1999). In particolare, si è affermato, “l’immissione nel possesso dei beni ereditari è atto non univoco, che, di per sè considerato, non equivale necessariamente ad accettazione tacita dell’eredità, poichè non presuppone necessariamente, in chi lo compie, la volontà di accettare e la qualità di erede, potendo anche dipendere da un mero intento conservativo del chiamato o da tolleranza da parte degli altri chiamati” (Cass. n. 12753 del 1999, cit.; Cass. n. 20868 del 2005).

Tanto premesso, i ricorrenti deducono che i giudici del gravame non avrebbero motivato la mancata ammissione di un capitolo di prova decisivo per l’accertamento della avvenuta accettazione tacita delle eredità morendo dismesse da B.C., deceduta il (OMISSIS) e da B.E., deceduto l'(OMISSIS), da parte del loro dante causa, Bi.Ma..

I ricorrenti, nonostante si mostrino edotti del fatto che nel giudizio di legittimità l’unico spazio che residua, per la censura delle statuizioni del giudice di merito sulle istanze e sulle risultanze probatorie, sia quello del vizio consistente nella omessa o arbitraria e/o illogica motivazione sulle decisioni assunte, svolgono, tuttavia, delle riflessioni dalle quali traspare l’intenzione di sollecitare una nuova valutazione degli elementi che quei capitoli di prova intendevano provare.

Invero, dopo aver illustrato la rubrica del motivo di ricorso, censurando, come detto, l’omessa motivazione sulla ammissibilità di un capitolo di prova, parte ricorrente svolge delle riflessioni sull’errore in cui sarebbe incorsa la Corte territoriale, allorchè ha confermato la decisione del Tribunale genovese nel senso di riconoscere l’intervenuta prescrizione del diritto di Bi.

M. di accettare le eredità morendo dismesse dai fratelli.

In realtà, il denunciato vizio non sussiste, atteso che nella sentenza impugnata, a pag. 25, dopo che nelle precedenti pagine sono stati illustrati gli approdi della giurisprudenza di legittimità in materia di accettazione tacita dell’eredità, e si sono evidenziate le condotte che, secondo gli appellanti, avrebbero dovuto indurre a ritenere che il loro dante causa Bi.Ma. aveva tacitamente accettato le eredità di B.C. ed E., si afferma che “difettano totalmente atti incompatibili con la volontà di rinunciare o concludenti e significativi della volontà di accettare le eredità in questione e che le circostanze offerte a prova per testi, quand’anche dimostrate, non varrebbero a fondare l’instata riforma della gravata decisione”.

Ed è noto che “il vizio di motivazione per omessa ammissione della prova testimoniale ovvero per omesso esame di un documento può essere denunciato per cassazione solo nel caso in cui determini l’omissione di motivazione su un punto decisivo della controversia e, quindi, quando la prova non ammessa ovvero non esaminata sia in concreto idonea a dimostrare circostanze tali da invalidare, con un giudizio di certezza e non di mera probabilità, l’efficacia delle altre risultanze istruttorie che hanno determinato il convincimento del giudice di merito, di modo che la ratio decidendi venga a trovarsi priva di fondamento” (Cass. n. 3075 del 2006; Cass. n. 11457 del 2007; Cass. n. 5377 del 2011).

Nel caso in esame, dalla sentenza impugnata risulta chiaramente quale sia stato l’iter seguito dalla Corte territoriale per giustificare il rigetto del gravame degli appellanti in ordine alla ritenuta prescrizione del diritto di accettare l’eredità da parte del loro dante causa. Nel ragionamento della Corte territoriale non risultano omissioni o aporie tali da determinare la cassazione della sentenza sul punto denunziato dagli odierni ricorrenti. Si può solo aggiungere che, come rilevato dalla controricorrente B.M. R. (pag. 19), già nella sentenza di primo grado si era affermato che il capitolo di prova per testi, la cui mancata ammissione non sarebbe stata adeguatamente motivata dalla Corte d’appello, non era stato ammesso perchè generico e privo di precisi riferimenti di tempo, e perciò non utile a superare l’eccezione formulata ex art. 480 c.c..

4. Il terzo motivo di ricorso riguarda la validità dei testamenti pubblici di B.N.V. e B.E. e si articola in varie censure.

4.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti denunciano omessa o insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello affermato che i ricorrenti non avrebbero contestato i testamenti de guibus con la querela di falso nonostante questi fossero stati prodotti in giudizio, poichè in giudizio sarebbero state prodotte solo delle trascrizioni e non delle copie dei testamenti. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè non ha motivato il perchè ha ritenuto prodotti in giudizio i testamenti integrali di B.E. e N.V. benchè nella realtà risultassero prodotte solo copie non portanti le firme”.

4.2. Sotto altro profilo, i ricorrenti lamentano violazione degli artt. 2699, 2700, 2702 e 2715 c.c., in relazione agli artt. 215 e 221 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte territoriale ritenuto non contestati i testamenti de quibus, nonostante non fosse stata prodotta in giudizio copia degli stessi tale da consentire, agli odierni ricorrenti, adeguata contestazione.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di violazione degli articoli di legge denunciati allorchè ha ritenuto non contestate le scritture testamentarie prodotte – e, quindi, legalmente riconosciute – ed ha dichiarato non proposta tempestivamente la querela di falso malgrado che nel giudizio non fossero mai stati prodotti i documenti contenenti le firme dei testatori”.

4.3. Da ultimo, i ricorrenti denunciano il vizio di omessa motivazione su un punto essenziale della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, perchè la Corte territoriale non avrebbe svolto alcuna motivazione in ordine al testamento di B.N. V.. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di omessa motivazione, allorchè non si è pronunciata sull’istanza di parte appellante perchè venisse ordinata in giudizio l’esibizione della scheda testamentaria originale di B.N.V.”.

5. Il motivo è in parte inammissibile e in parte infondato.

5.1. E’ innanzitutto inammissibile nella parte in cui le censure vengono svolte anche con riferimento al testamento di B. E..

Invero, nel corso dei giudizi di merito sono stati contestati dagli odierni ricorrenti i testamenti pubblici dei coeredi B.R. A. e B.N.V..

Con il presente ricorso, gli odierni ricorrenti, nel mentre nulla eccepiscono in merito alle statuizioni della Corte d’appello sulla validità del testamento pubblico di B.R.A., sulle quali, ai sensi dell’art. 329 c.p.c., si è, quindi, formato giudicato, svolgono le proprie censure con riferimento sia al testamento di B.N.V., sia a quello di B. E., impugnando taluni passi della sentenza della Corte genovese che si riferiscono al testamento di quest’ultimo.

Deve rilevarsi che i punti in cui la sentenza impugnata disquisisce sul testamento di B.E. sono affetti da errore materiale, in quanto chiaramente i giudici del gravame intendevano argomentare sul testamento di B.N.V., come dimostrano il contenuto di quelle proposizioni, chiaramente riferito al testamento di quest’ultimo; gli altri passi della sentenza, riferiti a B. N.V.; l’atto di appello che aveva investito la Corte genovese delle domande concernenti la validità dei testamenti di B.R.A. e B.N.V.. Parte ricorrente dimostra di non essersi avveduta di questo manifesto errore materiale e svolge le proprie censure come se realmente la Corte territoriale avesse inteso pronunziare sul testamento di B.E..

Orbene, il motivo di ricorso in esame, nella parte in cui si riferisce al testamento di B.E., è inammissibile perchè assolutamente inconferente con il reale contenuto delle statuizioni della sentenza impugnata riferite, per errore materiale, ad altro soggetto rispetto a quello inteso da parte ricorrente. In ogni caso, si deve rilevare che la censura sarebbe stata parimenti inammissibile laddove si fosse trattato non di errore materiale, ma di effettiva ultrapetizione, poichè, secondo l’orientamento di questa Corte sia la omessa pronunzia su una domanda o un’eccezione, che la pronunzia su questione non devoluta mediante domanda proposta dalle parti (come la pronunzia sul testamento di un erede, il cui accertamento non era mai stato oggetto di domande, nè eccezioni) cagionano la nullità del procedimento impugnabile ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4; censura questa non proposta nè desumibile dal contenuto del motivo.

5.2. Cosi dovendosi interpretare il contenuto della sentenza impugnata risulta all’evidenza infondata la censura di vizio di motivazione concernente i rilievi relativi al testamento di B. N.V., atteso che le considerazioni svolte dalla Corte d’appello in riferimento al testamento di B.E., del quale mai si è discusso nei precedenti gradi di giudizio e che certamente non aveva formato oggetto dei motivi di gravame, devono in realtà essere riferite al testamento di B.N.V..

5.3. Per la parte in cui il motivo non è inammissibile, e cioè nella parte in cui viene censurata la sentenza impugnata relativamente alle statuizioni adottate con riferimento alle questioni concernenti il testamento di B.N.V., il terzo motivo di ricorso è infondato.

Si deve innanzitutto rilevare che il testamento per cui si discute, quello di B.N.V., era stato redatto nella forma dell’atto pubblico. Dunque, ai sensi dell’art. 2700 c.c., esso fa piena prova fino a querela di falso. La querela di falso costituisce “lo strumento imprescindibile per neutralizzare il valore probatorio del documento prodotto” e il relativo onere incombe sulla parte che intenda “contestare la piena efficacia probatoria, circa quanto avvenuto o compiuto alla presenza o con l’intervento del pubblico ufficiale rogante, di un atto pubblico o di una copia dello stesso prodotta dall’avversario” (Cass. n. 5411 del 1984).

In conformità alla lettera degli artt. 2699 e 2700 c.c., la querela di falso costituisce, quindi, l’unico mezzo che l’ordinamento offre alla parte che intenda contrastare la fede privilegiata degli atti pubblici.

Ciò premesso, il Tribunale prima e la Corte d’appello poi hanno correttamente posto a carico degli odierni ricorrenti le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela poichè, effettivamente, i ricorrenti non l’hanno proposta e, quindi, vi è stata, da parte della Corte territoriale, una corretta e lineare applicazione degli artt. 2699 e 2700 c.c..

La asserita impossibilità di proporre la querela di falso fonda su un assunto non desumibile dalla sentenza impugnata nè dagli atti del presente giudizio di legittimità.

Parte ricorrente si duole perchè in giudizio non sarebbe stato prodotto nè l’originale, nè una copia idonea per la proposizione della querela ai sensi dell’art. 2715 c.c., sicchè le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela sarebbero state arbitrariamente ed illegittimamente poste a loro carico dalla Corte territoriale.

Premessa l’indefettibile necessità della querela per contrastare la pubblica fede del testamento de quo, l’assunto di partenza dei ricorrenti muove da una premessa non risultante – ed anzi smentita – dalla sentenza impugnata, nella quale si afferma che il testamento in esame era stato prodotto in causa, seppure in copia (v. pag. 29 della sentenza impugnata: “i testamenti pubblici in questione sono stati prodotti in copia autentica nel grado pregresso da B.M. R.”).

5.3. I ricorrenti si dolgono perchè la copia prodotta sarebbe stata priva di sottoscrizione e quindi inidonea a produrre gli effetti che le copie, ai sensi dell’art. 2715 c.c., sono destinate a produrre.

Tra tutti, quello di consentire, alla parte avversaria, di proporre querela di falso.

Il motivo è infondato. In disparte il rilievo che nella sentenza impugnata si da atto – come già rilevato dell’avvenuta produzione nel grado pregresso in copia autentica dei testamenti pubblici in questione – e quindi anche di quello di B.V. -, da parte di B.M.R., i ricorrenti omettono di considerare che, nel caso di specie, si trattava di testamenti pubblici, e cioè di documenti redatti da notaio, rispetto ai quali l’unico rimedio esperibile era la querela di falso, a prescindere dalla produzione dell’originale in giudizio, essendo a tal fine sufficiente la produzione della copia, non tempestivamente disconosciuta, come nel caso di specie.

6. In conclusione, il ricorso deve essere rigettato, con conseguente condanna dei ricorrenti, in solido tra loro, in applicazione del principio della soccombenza, alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo, in favore di ciascuna parte controricorrente.

 

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida, per ciascuna parte controricorrente, in complessivi Euro 5.000,00 per compensi, oltre ad Euro 200,00 per esborsi e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 15 marzo 2013.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2013

DIVISIONE EREDITARIA ,AVVOCATO PER DIVISIONE EREDITARIA, ASSISTENZA LEGALE EREDI

  1. La divisione ereditaria annovera tre modalità: contrattuale, giudiziale o per testamento.
  2. Nel caso di divisione contrattuale, essa consegue all’accordo dei coeredi.
  3. Per tale accordo quando abbia ad oggetto beni immobili è prevista la forma scritta ad substantiam (articolo 1350, n. 11 del codice civile)
  4. 4.      e la trascrizione nei registri immobiliari (articolo 2646 del codice civile)

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II

SENTENZA 4 LUGLIO 2014, N. 15396 

 

Ritenuto in fatto

Con citazione notificata in data 27.10.1978 C.M.G., CO.Pr. , C.D.C. ed C.E. , evocavano in giudizio il loro fratello C.P. , chiedendo l’assegnazione congiunta dei beni ereditari loro pervenuti, salvo conguaglio in favore di quest’ultimo, di un piccolo complesso immobiliare relitto ab intestato dalla madre G.M.
C.P. , nel costituirsi instava per la divisione pro quota dei beni ereditari e, nel caso di ritenuta indivisibilità di essi, chiedeva l’assegnazione dell’intero immobile in natura, salvo conguaglio a favore degli altri coeredi e la condanna delle attrici al rimborso di somme utilizzate per estinguere debiti materni e di spese anticipate per lavori.
L’adito tribunale di Brescia, con sentenza del 18 luglio 2003, riteneva che le quote di proprietà del bene dovevano determinarsi per 2/5 intestate a C.M.G., per 1/5 ad C.E. , per 2/5 a C.P. . Dichiarava l’immobile non comodamente divisibile ed aderendo alla richiesta di assegnazione congiunta del compendio proposta dalle sorelle, titolari insieme di una quota ideale maggiore di quella del fratello Pierino, assegnava alle medesime l’immobile in discorso, e le condannava in solido al pagamento in favore del fratello, di un conguaglio in denaro pari ad Euro 28.921,59, con interessi legali dalla sentenza.
La sentenza veniva appellata da C.P. sulla base di 2 motivi, contestando il giudizio di non comoda divisibilità del bene ereditario espresso dal primo giudice e rilevando che il tribunale aveva assegnato l’intero alla sorelle, trascurando che egli aveva sempre abitato in quell’immobile fin dalla nascita, per cui il migliore interesse sarebbe stato per le sorelle conseguire il prezzo e per esso appellante rimanere nella casa in questione.
L’adita Corte d’Appello di Brescia n. 686/06 depositata in data 20.7.2006, rigettava l’impugnazione, confermando la sentenza impugnata, rivalutando il credito da conguaglio in Euro 32945,69. La corte distrettuale confermava la non comoda divisibilità del bene in quanto, attese le caratteristiche del cespite, la sua divisione avrebbe comportato una perdita più che proporzionale rispetto al suo valore economico. Rilevava altresì che il giudice, per disattendere la domanda dell’erede che deteneva la quota maggiore di un bene divisibile, doveva trovarsi di fronte ad un grave motivo connesso ad un interesse comune a tutti i condividenti e non – come nella fattispecie – all’interesse di uno solo di essi (C.P. ).
Avverso tale sentenza, C.S. e M.L. nonché V.I. quali eredi di C.P. nelle more deceduto, hanno proposto ricorso per cassazione articolato su 2 mezzi, Resistono con controricorso To.Gu. e G. quali eredi di C.M.G. ed C.E. .
Con ordinanza pronunciata all’udienza del 26 ott.2009, la Corte ha disposto il rinnovo della notifica del ricorso a Co.Pr. .
Gli altri intimati non hanno svolto difese.

Motivi della decisione

1 – In ordine alla questione della tardività del ricorso per cassazione di cui alla relazione del Consigliere delegato ex art. 380 bis c.p.c., rileva i Collegio che la stessa non appare fondata, tenuto conto che nella fattispecie – in conseguenza della morte di C.P avvenuta in data (…) e quindi oltre 6 mesi dalla data di pubblicazione della sentenza in data 20.07.2006) – trova applicazione l’art. 328, 3 comma c.p.c. che ha prorogato di mesi 6 il termine di cui all’art. 327 c.p.c., termine che è stato rispettato ai fini dell’impugnazione, (tenuto conto della sospensione feriale) in quanto il ricorso è stato notificato in data 10.1.2008.

Circa la prova del rapporto di successione, può ritenersi sufficiente la documentazione prodotta costituita dall’atto notorio notaio G. Cirillo n. 21304 del 18.1.2008 in cui si attestava la qualità di eredi dei ricorrenti del defunto C.P. ed il certificato di morte di quest’ultimo (Cass. n. 10022 del 14.10.1997; Cass. n. 26893 del 5.12.2006). Peraltro va sottolineato che la qualità di eredi degli esponenti non era stato oggetto di contestazione alcuna dalle controparti.

2 – Passando all’esame del ricorso, con il 1 motivo gli esponenti denunciano il vizio di motivazione e la violazione e falsa applicazione dell’art. 720 c.c. in ordine al concetto di comoda divisibilità del bene ereditario e in specie, sulla scelta del giudice di merito di attribuire l’immobile alle sorelle di C.P. . Gli esponenti lamentano che la sentenza si sia discostata dal giudizio di divisibilità espresso dal c.t.u. e censura adeguatezza della motivazione sulla non comoda divisibilità.

il motivo è infondato. La motivazione della sentenza su tale specifico punto del concetto di ‘non comoda divisibilità’ dell’immobile deve ritenersi congrua e logica (v. pag. 5 – 6), ciò che esclude la violazione dell’art. 720 c.c.; d’altra parte le contestazioni al riguardo sono alquanto generiche e prive di rilevo, risolvendosi in mere inammissibili censure alle valutazione del giudice delle emergenze istruttorie.

3 – Con il 2 motivo gli esponenti denunciano la violazione e falsa applicazione dell’art. 720 c.c. circa la scelta della corte di attribuire l’intero immobile alle sorelle e non a lui che vi abitava. Denuncia che la sentenza impugnata non si sia discostata dal criterio di attribuzione dell’intero bene ai titolari della maggioranza delle quote che ne avevano fatto richiesta congiunta, nonostante egli abitasse da anni nell’immobile mentre le sue sorelle fruivano di una diversa abitazione.

Il motivo è infondato.

Giova sottolineare che la giurisprudenza non è sempre univoca nello stabilire la natura dell’interesse dei condividenti che può determinare individuazione dell’assegnatario del bene indiviso. Secondo alcune decisioni, nella divisione, devono essere preferibilmente seguiti dal giudice i criteri di attribuzione fissati dall’art 720 c.c. salvo deroga solo per gravi motivi che riguardano l’interesse comune dei condividenti. ‘In tema di divisione di cose comuni, per il caso in cui in presenza di un immobile indivisibile o non comodamente divisibile vi sia una pluralità di richieste di assegnazione, i criteri di attribuzione fissati dall’art. 720 c.c. in base ai quali l’immobile medesimo deve essere compreso per intero (con l’addebito dell’eccedenza nella porzione del condividente avente la quota maggiore, ovvero nella porzione di più condividenti ove questi ne chiedano congiuntamente l’attribuzione), devono essere preferibilmente seguiti, nel senso che il giudice se ne può discostare solo per motivi gravi ed attinenti all’interesse comune dei condividenti (Cass. Sez. 2, n. 7588 del 11/07/1995).

Secondo l’altro contrario, ma prevalente indirizzo (che sembra senz’altro condivisibile), il giudice ha il potere discrezionale di derogare dal criterio, indicato nell’art. 720 c.c., della preferenziale assegnazione al condividente titolare della quota maggiore, purché assolva all’obbligo di fornire adeguata e logica motivazione della diversa valutazione di opportunità adottata, che si risolve in un tipico accertamento di fatto, sottratto come tale al sindacato di legittimità ove adeguatamente motivato (Cass. n.11641 del 13.05.2010; Cass. n. 22857 del 28/10/2009; Cass. n. 21319 del 15/10/2010; Cass. n. 24053 del 25/09/2008: in tal caso la Corte ha confermato la sentenza del giudice di secondo grado con riguardo all’attribuzione dell’immobile non divisibile assumendo come criterio discriminante quello dell’interesse personale prevalente dell’assegnatario, privo di un’unità immobiliare da destinare a casa familiare, rispetto al titolare della quota maggiore che disponeva di altra abitazione).

Ciò posto, nel caso in esame la motivazione delle scelta dei condividenti appare in ogni caso adeguata e logica tenuto conto dell’ampio potere discrezionale attribuito al giudicante; ma va osservato che il convenuto C.P. è venuto a mancare, per cui non potrebbe sopravvivergli l’interesse all’assegnazione dalla sua risalente abitazione nell’immobile in esame.

Conclusivamente il ricorso dev’essere rigettato; per il principio della soccombenza le spese processuali sono poste a carico dei ricorrenti.

P.Q.M.

rigetta il ricorso e condanna i ricorrenti al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 3.700,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre accessori di legge.

       1. Anzola dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

2. Argelato  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

3. Baricella  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

4. Bentivoglio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

5. BOLOGNA  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

6. Borgo Tossignano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

7. Budrio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

8. Calderara di Reno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

9. Camugnano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

10. Casalecchio di Reno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

11. Casalfiumanese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

12. Castel d’Aiano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

13. Castel del Rio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

14. Castel di Casio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

15. Castel Guelfo di B.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

16. Castel Maggiore  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

17. Castel San Pietro Terme  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

18. Castello d’Argile  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

19. Castenaso  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

20. Castiglione dei Pepoli  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

21. Crevalcore  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

22. Dozza  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

23. Fontanelice  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

24. Gaggio Montano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

25. Galliera  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

26. Granaglione  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

27. Granarolo dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

28. Grizzana Morandi  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

29. Imola  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

30. Lizzano in Belvedere  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

31. Loiano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

32. Malalbergo  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

33. Marzabotto  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

34. Medicina  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

35. Minerbio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

36. Molinella  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

37. Monghidoro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

38. Monte San Pietro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

39. Monterenzio  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

40. Monzuno  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

41. Mordano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

42. Ozzano dell’Emilia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

43. Pianoro  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

44. Pieve di Cento  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

45. Porretta Terme  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

46. Sala Bolognese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

47. San Benedetto Val di S.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

48. San Giorgio di Piano  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

49. San Giovanni in P.  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

50. San Lazzaro di Savena  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

51. San Pietro in Casale  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

52. Sant’Agata Bolognese  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

53. Sasso Marconi  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

54. Valsamoggia  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

55. Vergato  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

56. Zola Predosa  erede testamento premortotestamento erede universale

eredità testamentoeredità testamento olografo

testamento erede universale moglie,eredità testamento legittimatestamento erede mortoeredità testamento nipoti

testamento erede universale coniuge

testamento erede universale legittima erede testamento premorto,testamento erede universale,eredità testamento

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

eredità testamento nipoti,testamento erede universale coniuge,testamento erede universale legittimaeredità assenza testamento,eredita senza testamento a chi spetta,eredita con testamento a chi spetta,testamento erede universale azione di riduzione, testamento a erede universale

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

testamento eredi collaterali, eredità con testamento quote testamento erede deceduto erede defunto testamento

erede da testamento

eredità da testamento olografo

 

 

 

Codice civile – Delle successioni

 

Titolo IV: Della divisione
Capo I: Disposizioni generali

Art. 713 Facoltà di domandare la divisione
I coeredi possono sempre domandare la divisione (715 e seguenti, 1111 e seguenti, 2646; Cod. Proc. Civ. 784 e seguenti).
Quando però tutti gli eredi istituiti o alcuni di essi sono minori di età, il testatore può disporre che la divisione non abbia luogo prima che sia trascorso un anno dalla maggiore età dell’ultimo nato. Egli può anche disporre che la divisione dell’eredità o di alcuni beni di essa non abbia luogo prima che sia trascorso dalla sua morte un termine non eccedente il quinquennio.
Tuttavia in ambedue i casi l’autorità giudiziaria, qualora gravi circostanze lo richiedano, può, su istanza di uno o più coeredi, consentire che la divisione si effettui senza indugio o dopo un termine minore di quello stabilito dal testatore.

Art. 714 Godimento separato di parte dei beni
Può domandarsi la divisione anche quando uno o più coeredi hanno goduto separatamente parte dei beni ereditari, salvo che si sia verificata l’usucapione per effetto di possesso esclusivo (1102, 1158 e seguenti).

Art. 715 Casi d’impedimento alla divisione
Se tra i chiamati alla successione vi è un concepito (462), la divisione non può aver luogo prima della nascita del medesimo. Parimenti la divisione non può aver luogo durante la pendenza di un giudizio sulla legittimità (244 e seguenti) o sulla filiazione naturale (263 e seguenti) di colui che, in caso di esito favorevole del giudizio, sarebbe chiamato a succedere, né può aver luogo durante lo svolgimento della procedura amministrativa per l’ammissione del riconoscimento previsto dal quarto comma dell’Art. 252 o per il riconoscimento dell’ente istituito erede (600).
L’autorità giudiziaria può tuttavia autorizzare la divisione, fissando le opportune cautele.
La disposizione del comma precedente si applica anche se tra i chiamati alla successione vi sono nascituri non concepiti (462).
Se i nascituri non concepiti sono istituiti senza determinazione di quote, l’autorità giudiziaria può attribuire agli altri coeredi tutti i beni ereditari o parte di essi, secondo le circostanze, disponendo le opportune cautele nell’interesse dei nascituri.

Art. 716 (abrogato)

Art. 717 Sospensione della divisione per ordine del giudice
L’autorità giudiziaria, su istanza di uno dei coeredi, può sospendere, per un periodo di tempo non eccedente i cinque anni, la divisione dell’eredità o di alcuni beni, qualora l’immediata sua esecuzione possa recare notevole pregiudizio al patrimonio ereditario

Art. 718 Diritto ai beni in natura
Ciascun coerede può chiedere la sua parte in natura dei beni mobili e immobili dell’eredità, salve le disposizioni degli articoli seguenti (1114).

Art. 719 Vendita dei beni per il pagamento dei debiti ereditari
Se i coeredi aventi diritto a più della metà dell’asse concordano nella necessità della vendita per il pagamento dei debiti e pesi ereditari (752 e seguenti), si procede (Cod. Proc. Civ. 747 e seguenti) alla vendita all’incanto dei beni mobili e, se occorre, di quei beni immobili la cui alienazione rechi minor pregiudizio agli interessi dei condividenti (2646).
Quando occorre il consenso di tutte le parti, la vendita può seguire tra i soli condividenti e senza pubblicità, salvo che vi sia opposizione dei legatari o dei creditori (721, 723).

Art. 720 Immobili non divisibili
Se nell’eredità vi sono immobili non comodamente divisibili, o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia o dell’igiene, e la divisione dell’intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell’eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l’attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all’incanto (2646; Cod. Proc. Civ. 748).

Art. 721 Vendita degli immobili
I patti e le condizioni della vendita degli immobili, qualora non siano concordati dai condividenti, sono stabiliti dall’autorità giudiziaria.

Art. 722 Beni indivisibili nell’interesse della produzione nazionale
In quanto non sia diversamente disposto dalle leggi speciali, le disposizioni dei due articoli precedenti si applicano anche nel caso in cui nell’eredità vi sono beni che la legge dichiara indivisibili nell’interesse della produzione nazionale (846 e seguenti).

Art. 723 Resa dei conti
Dopo la vendita, se ha avuto luogo, dei mobili e degli immobili si procede ai conti che i condividenti si devono rendere, alla formazione dello stato attivo e passivo dell’eredità e alla determinazione delle porzioni ereditarie e dei conguagli o rimborsi che si devono tra loro i condividenti.

Art. 724 Collazione e imputazione
I coeredi tenuti a collazione, a norma del Capo II di questo Titolo (737 e seguenti), conferiscono tutto ciò che è stato loro donato.
Ciascun erede deve imputare alla sua quota le somme di cui era debitore verso il defunto e quelle di cui è debitore verso i coeredi in dipendenza dei rapporti di comunione.

Art. 725 Prelevamenti
Se i beni donati non sono conferiti in natura (746, 750), o se vi sono debiti da imputare alla quota di un erede a norma del secondo comma dell’articolo precedente, gli altri eredi prelevano dalla massa ereditaria beni in proporzione delle loro rispettive quote (1113).
I prelevamenti, per quanto è possibile, si formano con oggetti della stessa natura e qualità di quelli che non sono stati conferiti in natura.

Art. 726 Stima e formazione delle parti
Fatti i prelevamenti, si provvede alla stima di ciò che rimane nella massa, secondo il valore venale dei singoli oggetti.
Eseguita la stima, si procede alla formazione di tante porzioni quanti sono gli eredi o le stirpi condividenti in proporzione delle quote.

Art. 727 Norme per la formazione delle porzioni
Salvo quanto è disposto dagli artt. 720 e 722, le porzioni devono essere formate, previa stima dei beni, comprendendo una quantità di mobili, immobili e crediti di eguale natura e qualità, in proporzione dell’entità di ciascuna quota (1114).
Si deve tuttavia evitare per quanto è possibile, il frazionamento delle biblioteche, gallerie e collezioni che hanno un’importanza storica, scientifica o artistica.

Art. 728 Conguagli in danaro
L’ineguaglianza in natura nelle quote ereditarie si compensa con un equivalente in danaro (2817, n. 2).

Art. 729 Assegnazione o attribuzione delle porzioni
L’assegnazione delle porzioni eguali e fatta mediante estrazione a sorte. Per le porzioni diseguali si procede mediante attribuzione. Tuttavia, rispetto a beni costituenti frazioni eguali di quote diseguali, si può procedere per estrazione a sorte (2646, 2685).

Art. 730 Deferimento delle operazioni a un notaio
Le operazioni indicate negli articoli precedenti possono essere, col consenso di tutti i coeredi, deferite a un notaio. La nomina di questo, in mancanza di accordo, è fatta con decreto dal pretore del luogo dell’aperta successione (456).
Qualora sorgano contestazioni nel corso delle operazioni, esse sono riservate e rimesse tutte insieme alla cognizione dell’autorità giudiziaria competente, che provvede con unica sentenza.

Art. 731 Suddivisione tra stirpi
Le norme sulla divisione dell’intero asse si osservano anche nelle suddivisioni tra i componenti di ciascuna stirpe.

Art. 732 Diritto di prelazione
Il coerede, che vuole alienare (1542 e seguenti) a un estraneo la sua quota o parte di essa, deve notificare la proposta di alienazione, indicandone il prezzo, agli altri coeredi, i quali hanno diritto di prelazione. Questo diritto deve essere esercitato nel termine (2964) di due mesi dall’ultima delle notificazioni. In mancanza della notificazione, i coeredi hanno diritto di riscattare la quota dall’acquirente e da ogni successivo avente causa, finché dura lo stato di comunione ereditaria (1502).
Se i coeredi che intendono esercitare il diritto di riscatto sono più, la quota è assegnata a tutti in parti uguali.

Art. 733 Norme date dal testatore per la divisione
Quando il testatore ha stabilito particolari norme per formare le porzioni, queste norme sono vincolanti per gli eredi, salvo che l’effettivo valore dei beni non corrisponda alle quote stabilite dal testatore.
Il testatore può disporre che la divisione si effettui secondo la stima di persona da lui designata che non sia erede o legatario (706): la divisione proposta da questa persona non vincola gli eredi, se l’autorità giudiziaria, su istanza di taluno di essi, la riconosce contraria alla volontà del testatore o manifestamente iniqua.

Art. 734 Divisione fatta dal testatore
Il testatore può dividere i suoi beni tra gli eredi comprendendo nella divisione anche la parte non disponibile (536 e seguenti).
Se nella divisione fatta dal testatore non sono compresi tutti i beni lasciati al tempo della morte, i beni in essa non compresi sono attribuiti conformemente alla legge (566 e seguenti), se non risulta una diversa volontà del testatore.

Art. 735 Preterizione di eredi e lesione di legittima
La divisione nella quale il testatore non abbia compreso qualcuno dei legittimari (536) o degli eredi istituiti è nulla.
Il coerede che è stato leso nella quota di riserva può esercitare l’azione di riduzione contro gli altri coeredi (553 e seguenti).

Art. 736 Consegna dei documenti
Compiuta la divisione, si devono rimettere a ciascuno dei condividenti i documenti relativi ai beni e diritti particolarmente loro assegnati.
I documenti di una proprietà che è stata divisa rimangono a quello che ne ha la parte maggiore, con l’obbligo di comunicarli agli altri condividenti che vi hanno interesse, ogni qualvolta se ne faccia richiesta. Gli stessi documenti, se la proprietà è divisa in parti eguali, e quelli comuni all’intera eredità si consegnano alla persona scelta a tal fine da tutti gli interessati, la quale ha obbligo di comunicarli a ciascuno di essi, a ogni loro domanda. Se vi è contrasto nella scelta, la persona è determinata con decreto dal pretore del luogo dell’aperta successione (456), su ricorso di alcuno degli interessati, sentiti gli altri.

Capo II: Della collazione

Art. 737 Soggetti tenuti alla collazione
I figli legittimi e naturali e i loro discendenti legittimi e naturali ed il coniuge che concorrono alla successione devono conferire ai coeredi tutto ciò che hanno ricevuto dal defunto per donazione direttamente o indirettamente, salvo che il defunto non li abbia da ciò dispensati.
La dispensa da collazione non produce effetto se non nei limiti della quota disponibile (556).

Art. 738 Limiti della collazione per il coniuge
Non sono soggetti a collazione le donazioni di modico valore fatte al coniuge.

Art. 739 Donazioni ai discendenti o al coniuge dell’erede. Donazioni a coniugi
L’erede non è tenuto a conferire le donazioni fatte ai suoi discendenti o al coniuge, ancorché succedendo a costoro ne abbia conseguito il vantaggio.
Se le donazioni sono state fatte congiuntamente a coniugi di cui uno è discendente del donante, la sola porzione a questo donata è soggetta a collazione.

Art. 740 Donazioni fatte all’ascendente dell’erede
Il discendente che succede per rappresentazione (467) deve conferire ciò che è stato donato all’ascendente anche nel caso in cui abbia rinunziato all’eredità di questo.

Art. 741 Collazione di assegnazioni varie
E’ soggetto a collazione ciò che il defunto ha speso a favore dei suoi discendenti per assegnazioni fatte a causa di matrimonio, per avviarli all’esercizio di un’attività produttiva o professionale, per soddisfare premi relativi a contratti di assicurazione sulla vita a loro favore o per pagare i loro debiti.

Art. 742 Spese non soggette a collazione
Non sono soggette a collazione le spese di mantenimento e di educazione e quelle sostenute per malattia, ne quelle ordinarie fatte per abbigliamento o per nozze.
Le spese per il corredo nuziale e quelle per l’istruzione artistica o professionale sono soggette a collazione solo per quanto eccedono notevolmente la misura ordinaria, tenuto conto delle condizioni economiche del defunto (809).
Non sono soggette a collazione le liberalità previste dal secondo comma dell’Art. 770.

Art. 743 Società contratta con l’erede
Non è dovuta collazione di ciò che si è conseguito per effetto di società contratta senza frode tra il defunto e alcuno dei suoi eredi, se le condizioni sono state regolate con atto di data certa (2704).

Art. 744 Perimento della cosa donata
Non è soggetta a collazione la cosa perita per causa non imputabile al donatario (1256).

Art. 745 Frutti e interessi
I frutti (820) delle cose e gli interessi sulle somme soggette a collazione non sono dovuti che dal giorno in cui si è aperta la successione (456).

Art. 746 Collazione d’immobili
La collazione di un bene immobile si fa o col rendere il bene in natura o con l’imputarne il valore alla propria porzione, a scelta di chi conferisce.
Se l’immobile è stato alienato o ipotecato, la collazione si fa soltanto con l’imputazione.

Art. 747 Collazione per l’imputazione
La collazione per imputazione si fa avuto riguardo al valore dell’immobile al tempo dell’aperta successione (456).

Art. 748 Miglioramenti, spese e deterioramenti
In tutti i casi, si deve dedurre a favore del donatario il valore delle migliorie apportate al fondo nei limiti del loro valore al tempo dell’aperta successione (456, 1150).
Devono anche computarsi a favore del donatario le spese straordinarie da lui sostenute per la conservazione della cosa, non cagionate da sua colpa.
Il donatario dal suo canto è obbligato per i deterioramenti che, per sua colpa, hanno diminuito il valore dell’immobile.
Il coerede che conferisce un immobile in natura può ritenerne il possesso sino all’effettivo rimborso delle somme che gli sono dovute per spese e miglioramenti (1152).

Art. 749 Miglioramenti e deterioramenti dell’immobile alienato
Nel caso in cui l’immobile è stato alienato dal donatario, i miglioramenti e i deterioramenti fatti dall’acquirente devono essere computati a norma dell’articolo precedente.

Art. 750 Collazione di mobili
La collazione dei mobili si fa soltanto per imputazione, sulla base del valore che essi avevano al tempo dell’aperta successione (456, att. 1353).
Se si tratta di cose delle quali non si può far uso senza consumarle, e il donatario le ha già consumate, si determina il valore che avrebbero avuto secondo il prezzo corrente (1474) al tempo dell’aperta successione.
Se si tratta di cose che con l’uso si deteriorano, il loro valore al tempo dell’aperta successione è stabilito con riguardo allo stato in cui si trovano.
La determinazione del valore dei titoli dello Stato, degli altri titoli di credito quotati in borsa e delle derrate e delle merci il cui prezzo corrente è stabilito dalle mercuriali, si fa in base ai listini di borsa e alle mercuriali del tempo dell’aperta successione.

Art. 751 Collazione del danaro
La collazione del danaro donato (1923) si fa prendendo una minore quantità del danaro che si trova nell’eredità, secondo il valore legale della specie donata o di quella ad essa legalmente sostituita all’epoca dell’aperta successione (1277 e seguenti).
Quando tale danaro non basta e il donatario non vuole conferire altro danaro o titoli dello Stato, sono prelevati mobili o immobili ereditari, in proporzione delle rispettive quote.

Capo III: Del pagamento dei debiti

Art. 752 Ripartizione dei debiti ereditari tra gli eredi
I coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie, salvo che il testatore abbia altrimenti disposto (1295, 1315).

Art. 753 Immobili gravati da rendita redimibile
Ogni coerede, quando i beni immobili dell’eredità sono gravati con ipoteca da una prestazione di rendita redimibile (1865 e seguenti), può chiedere che gli immobili ne siano affrancati e resi liberi prima che si proceda alla formazione delle quote ereditarie. Se uno dei coeredi si oppone, decide l’autorità giudiziaria.
Se i coeredi dividono l’eredità nello stato in cui si trova, l’immobile gravato deve stimarsi con gli stessi criteri con cui si stimano gli altri beni immobili, detratto dal valore di esso il capitale corrispondente alla prestazione, secondo le norme relative al riscatto della rendita (1866), salvo che esista un patto speciale intorno al capitale da corrispondersi per l’affrancazione.
Alla prestazione della rendita è tenuto solo l’erede, nella cui quota cade detto immobile, con l’obbligo di garantire (1119) i coeredi.

Art. 754 Pagamento dei debiti e rivalsa
Gli eredi sono tenuti verso i creditori al pagamento dei debiti e pesi ereditari personalmente in proporzione della loro quota ereditaria (1295, 1315 e seguenti) e ipotecariamente per l’intero (2809). Il coerede che ha pagato oltre la parte a lui incombente può ripetere dagli altri coeredi soltanto la parte per cui essi devono contribuire a norma dell’Art. 752, quantunque si sia fatto surrogare nei diritti dei creditori (1201 e seguenti).
Il coerede conserva la facoltà di chiedere il pagamento del credito a lui personale e garantito da ipoteca, non diversamente da ogni altro creditore, detratta la parte che deve sopportare come coerede.

Art. 755 Quota di debito ipotecario non pagata da un coerede
In caso d’insolvenza di un coerede, la sua quota di debito ipotecario è ripartita in proporzione tra tutti gli altri coeredi.

Art. 756 Esenzione del legatario dal pagamento dei debiti
Il legatario non è tenuto a pagare i debiti ereditari, salvo ai creditori l’azione ipotecaria sul fondo legato (2858 e seguenti) e l’esercizio del diritto di separazione (512 e seguenti); ma il legatario che ha estinto il debito di cui era gravato il fondo legato subentra nelle ragioni del creditore contro gli eredi (1203, 2866).

Capo IV: Degli effetti della divisione e della garanzia delle quote

Art. 757 Diritto dell’erede sulla propria quota
Ogni coerede è reputato solo e immediato successore in tutti i beni componenti la sua quota o a lui pervenuti dalla successione, anche per acquisto all’incanto (719, 720), e si considera come se non avesse mai avuto la proprietà degli altri beni ereditari (2646, 2825).

Art. 758 Garanzie tra coeredi
I coeredi si devono vicendevole garanzia per le sole molestie ed evizioni derivanti da causa anteriore alla divisione (1483 e seguenti).
La garanzia non ha luogo, se è stata esclusa con clausola espressa nell’atto di divisione, o se il coerede soffre l’evizione per propria colpa.

Art. 759 Evizione subita da un coerede
Se alcuno dei coeredi subisce evizione (1483), il valore del bene evitto, calcolato al momento dell’evizione, deve essere ripartito tra tutti i coeredi ai fini della garanzia stabilita dall’articolo precedente, in proporzione del valore che i beni attribuiti a ciascuno di essi hanno al tempo dell’evizione e tenuto conto dello stato in cui si trovano al tempo della divisione (att. 140).
Se uno dei coeredi è insolvente, la parte per cui è obbligato deve essere egualmente ripartita tra l’erede che ha sofferto l’evizione e tutti gli eredi solventi.

Art. 760 Inesigibilità di crediti
Non è dovuta garanzia per l’insolvenza del debitore di un credito assegnato a uno dei coeredi, se l’insolvenza è sopravvenuta soltanto dopo che è stata fatta la divisione (1267).
La garanzia della solvenza del debitore di una rendita (1864) è dovuta per i cinque anni successivi alla divisione.

Capo V: Dell’annullamento e della rescissione in materia di divisione

Art. 761 Annullamento per violenza o dolo
La divisione può essere annullata quando è l’effetto di violenza o di dolo (1434 e seguenti). L’azione si prescrive (2941 e seguente) in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o in cui il dolo è stato scoperto (1442).

Art. 762 Omissione di beni ereditari
L’omissione di uno o più beni dell’eredità non dà luogo a nullità della divisione, ma soltanto a un supplemento della divisione stessa.

Art. 763 Rescissione per lesione
La divisione può essere rescissa quando taluno dei coeredi prova di essere stato leso oltre il quarto (1448 e seguenti).
La rescissione è ammessa anche nel caso di divisione fatta dal testatore (734 e seguente), quando il valore dei beni assegnati ad alcuno dei coeredi è inferiore di oltre un quarto all’entità della quota ad esso spettante.
L’azione si prescrive (2941 e seguente) in due anni dalla divisione.

Art. 764 Atti diversi dalla divisione
L’azione di rescissione è anche ammessa contro ogni altro atto che abbia per effetto di far cessare tra i coeredi la comunione dei beni ereditari.
L’azione non è ammessa contro la transazione (1965 e seguenti) con la quale si è posto fine alle questioni insorte a causa della divisione o dell’atto fatto in luogo della medesima, ancorché non fosse al riguardo incominciata alcuna lite.

Art. 765 Vendita del diritto ereditario fatta al coerede
L’azione di rescissione non è ammessa contro la vendita del diritto ereditario (477, 1542 e seguenti) fatta senza frode a uno dei coeredi, a suo rischio e pericolo, da parte degli altri coeredi o di uno di essi (14484).

Art. 766 Stima dei beni
Per conoscere se vi è lesione si procede alla stima dei beni secondo il loro stato e valore al tempo della divisione.

Art. 767 Facoltà del coerede di dare il supplemento
Il coerede contro il quale è promossa l’azione di rescissione può troncarne il corso e impedire una nuova divisione, dando il supplemento della porzione ereditaria, in danaro o in natura, all’attore e agli altri coeredi che si sono a lui associati (1450).

Art. 768 Alienazione della porzione ereditaria
Il coerede che ha alienato la sua porzione o una parte di essa non è più ammesso a impugnare la divisione per dolo o violenza, se l’alienazione è seguita quando il dolo era stato scoperto o la violenza cessata.
Il coerede non perde il diritto di proporre l’impugnazione, se la vendita è limitata a oggetti di facile deterioramento o di valore minimo in rapporto alla quota.

divisione ereditaria Bologna quote

divisione ereditaria Bologna  giudiziale

divisione ereditaria citazione

scrittura privata divisione ereditaria

divisione ereditaria Bologna consensuale

mediazione divisione ereditaria

 

 

 

divisione ereditaria atto di citazione, divisione ereditaria per testamento, divisione ereditaria per legge, divisione ereditaria vendita, divisione ereditaria vendita immobile, divisione ereditaria somme di denaro, divisione ereditaria spese a carico della massa, divisione ereditaria per scrittura privata, divisione ereditaria valore catastale, divisione ereditaria per stirpi, divisione ereditaria per legge, divisione ereditaria stima immobili, divisione ereditaria stragiudiziale, divisione ereditaria quote diseguali, divisione ereditaria richiesta assegnazione, divisione ereditaria tra cugini,divisione ereditaria tra fratelli, divisione ereditaria testamentaria, divisione ereditaria lesione di legittima, divisione ereditaria come si fa, divisione ereditaria accordo, divisione ereditaria amichevole forma,divisione ereditaria somme ,divisione ereditaria conti correnti, divisione ereditaria di un immobile, divisione ereditaria giudiziale, quote eredi nipoti, quote eredi successione di morte, quote eredi successione di morte, tabella quote eredi legittimi, quote eredi legittimi senza testamento, quote eredi moglie e tre figli, quote eredi successione di morte, quote degli eredi legittimi,eredi e quota, quote eredi in successione, quote eredi moglie e figli, polizza vita eredi legittimi quote, quote eredi legittimi tabella quote eredi legittimi

cause civili eredi
cause di lavoro eredi
cause tra eredi

 

divisione ereditaria Bologna quote

divisione ereditaria Bologna  giudiziale

divisione ereditaria citazione

scrittura privata divisione ereditaria

divisione ereditaria Bologna consensuale

mediazione divisione ereditaria

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *