Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?

Cerchi un avvocato per separazione a Imola?

Chiama L’avvocato Sergio Armaroli avvocato separazioni e divorzi Imola!!

Avvocato per separazione e divorzi Imola chiama il numero 051 6447838 e prendi un appuntamento

Avvocato per separazione e divorzi Imola ha studio a Bologna in via Solferino 30 a cento metri dal Tribunale di Bologna competente per cause separazioni  e divorzi di Imola

Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?

Cerchi un avvocato per separazione a Imola?

RINUNCIA EREDITA’ COSA E’ ?QUANDO FARLA ? AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA effetti della rinuncia all eredità rinuncia successione conseguenze rinuncia eredità costi rinuncia eredità rinuncia eredità termine rinuncia eredità minorenni rinuncia eredità modulo rinuncia eredità debiti

RINUNCIA EREDITA’ COSA E’ ?QUANDO FARLA ? AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA effetti della rinuncia all eredità rinuncia successione conseguenze rinuncia eredità costi rinuncia eredità rinuncia eredità termine rinuncia eredità minorenni rinuncia eredità modulo rinuncia eredità debiti

·      successione
·      successione legittima
·      successione ereditaria
·      testamento olografo
·      eredità legittima
·      dichiarazione di successione
·      eredi legittimi
·      eredità
·      rinuncia eredità
·      divorzio
·      rinuncia all eredità
·      successione di morte
·      tassa di successione
·      denuncia di successione
·      successione testamentaria
·      quote successione
·      legittima
·      pubblicazione testamento
·BOLOGNA  legittima eredità
·      imposte di successione
·      eredita legittima
·BOLOGNA esempio di testamento olografo
·      esempio testamento olografo
·      quote ereditarie
·BOLOGNAdiritto di successione
·BOLOGNAquota legittima
·BOLOGNAdiritti di successione
·BOLOGNAatto notorio per successione
·BOLOGNApubblicazione testamento olografo
·      BOLOGNA successione legittima quoteSEPARARSI? Credimi per quanto tu possa leggere e pensare non è una cosaSemplice non lo è affatto!!Il diritto di famiglia è una delle tematiche più delicate della giurisprudenza poichè deve tener conto anche degli aspetti morali, oltre che di quelli giudiziali, sia in caso di separazioni e divorzi che in cause per l’affidamento dei figli minori .Questo non vuol dire che la separazione marito mogliesia  impossibile ma occorre veramente un impegno da parte di entrambi i coniugi per risolvere una separazione in modo particolare quando vi sono figli!!Quando si intende avviare una pratica per la separazione coniugale, è bene tener presente le molteplici implicazioni di carattere personale e patrimoniale che occorre affrontare.Se la coppia ha figli, occorrerà prevederne il regime di affidamento e la collocazione, regolamentare i rapporti con entrambi i genitori e stabilire l’entità dell’assegno di contributo al mantenimento. Misure che dovranno privilegiare l’interesse dei minori, affinché sui figli non ricada in modo traumatico il peso della separazione.  Chi deve affrontare  una separazione ha bisogno di un supporto cotante di un avvocato che spieghi i vari passi i vari diritti e i doveri!!Doveri nella separazione, sono molti, in modo particolare verso i figli, e se il coniuge non è autosufficente verso lo stesso coniuge!! Con la separazione e il divorzio viene spazzata via una vita insieme!! Già con  la separazione il coniuge puo’ avere altre relazioni, (oddio anche prima ) ma avere altra relazione quando si è separati non costituisce violazione ai doveri coniugali, che hanno al loro interno il cd dovere di fedelta’,  anche se oggi è molto attenuato, tanto che vi sono proposte in tal senso.Diritto di famigliaSeparazioni, divorzi, negoziazione assistita e divorzio breve, modifica delle condizioni di separazione e divorzio, regolamentazione rapporti tra conviventi, affido condiviso, contratti di convivenza, recupero assegni di mantenimento, azioni di riconoscimento e disconoscimento di paternità, tutela dei nonni, risarcimento del danno endofamiliare, ordine di protezione contro gli abusi familiari e allontanamento, etcseparazione divorzioseparazione divorzio  Nonostante la figura dell’avvocato matrimonialista sia sovente associata ai casi di separazione coniugale e divorzio, in realtà egli è un esperto di diritto di famiglia e diritto dei minori che presta la propria assistenza in una vasta varietà di casi riconducibili a specifiche problematiche della vita matrimoniale.In particolare, l’avvocato matrimonialista si occupa di:avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi mediazione familiare
avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi consulenza in tema di regime patrimoniale all’interno del matrimonio
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi unioni civili
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi adozioni
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi negoziazione assistita
  • Avvocato matrimonialista Bologna per La determinazione dell’assegno di mantenimento per il coniuge
  • Avvocato matrimonialista Bologna per determinazione dell’assegno di mantenimento per i figli
  • Avvocato matrimonialista Bologna per accordi relativi all’affidamento dei figli
  • Avvocato matrimonialista Bologna per dell’abitazione precedentemente adibita a casa coniugale
  • Avvocato matrimonialista Bologna per dei beni mobili e immobili in regime di comunione o separazione
  • Avvocato matrimonialista Bologna per revisione delle condizioni di separazione e divorzio

Chi è l’Avvocato divorzista, matrimonialista o familista?Ad occuparsi di diritto di famiglia con particolare attenzione alla fine dei matrimoni sono diverse figure note ai più come avvocati matrimonialisti o avvocati divorzisti,  Ma chi è l’Avvocato matrimonialista? L’Avvocato matrimonialista (o divorzista) è un Legale specializzato in diritto di famiglia che si occupa di illustrare a uno dei due coniugi o a entrambi i coniugi i rispettivi diritti e doveri, eventualmente prospettando loro le possibili soluzioni legali nel caso in cui la coppia decida di porre fine all’unione matrimoniale.• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi consulenza sui diritti e doveri dei coniugi
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi consulenza per separazioni consensuali e giudiziali
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi modifica delle condizioni di separazione
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi assistenza legale per divorzi consensuali e giudiziali
• avvocato matrimonialista Bologna separazioni e divorzi accordi di convivenza       

Dal mio matrimonio speravo di ricavare amore, calore, affetto e comprensione. Invece è stata una relazione basata sulla freddezza e sull’indifferenza. MARILIN MONROE

[Dichiarazione in tribunale durante la causa di divorzio da Joe DiMaggio, 27 ottobre 1954]

 

Divorziare soltanto perché non ami un uomo è sciocco quasi quanto sposarsi perché lo ami. ZSA ZSA GABOR

SEPARAZIONE E DIVORZI E FIGLI DOMANDE E RISPOSTE

1)DOMANDA 

Che differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

 

RISPOSTA

Con la separazione consensuale che è molto piu’ agevole economica e veloce i coniugi trovano un accordo sulla separazione, cioè preparano un ricorso congiunto con lo stesso avvocato che contiene le condizioni di separazione quali la casa coniugale a chi va, i figli come vengono affidati e i beni come vanno divisi, e infine circa l’assegno di mantenimento .

La separazione giudiziale è una causa ordinaria e si fa quando i coniugi non trovano l’accordo puo’ durar eanni e spesso è assai costosa .

2)DOMANDA   Dopo quanto tempo dalla separazione si può chiedere il divorzio?

 

RISPOSTA: Il termine di un anno (o di sei mesi in caso di separazione consensuale) di ininterrotta separazione a far tempo dalla comparizione dei coniugi davanti al presidente del tribunale, previsto dall’ articolo 3 n. 2 lett. b), legge n. 898 del 1970, per la proponibilità della domanda di divorzio, decorre dall’udienza presidenziale

 

 

3)DOMANDA Che cosa comporta la dichiarazione di addebito?

RISPOSTA: La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n. 13431 del 2008 ha stabilito che “la dichiarazione di addebito della separazione richiede la prova che la irreversibilità della crisi coniugale sia collegabile al comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, sussistendo un nesso di causalità fra di esso e il determinarsi dell’intollerabilità della convivenza”.

Con la dichiarazione di addebito il coniuge non puo’ chiedere l’assegno di mantenimento .

  1. Nella separazione giudiziale, la dichiarazione di addebito implica la prova che l’irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente al comportamento volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, ovverosia che sussista un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati ed il determinarsi dell’intollerabilità dell’ulteriore convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai predetti doveri tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa efficiente del fallimento della convivenza, legittimamente viene pronunciata la separazione senza
  2. ai fini dell’addebitabilità della separazione il Giudice di merito deve accertare se la frattura del rapporto coniugale sia stata provocata dal comportamento oggettivamente trasgressivo di uno o di entrambi i coniugi, e quindi se sussista un rapporto di causalità tra detto comportamento ed il verificarsi dell’intollerabilità dell’ulteriore convivenza, o se piuttosto la violazione dei doveri che l’ 143 c.c.pone a carico dei coniugi sia avvenuta quando era già maturata una situazione di crisi del vincolo coniugale, o per effetto di essa» (Cass. 2012 n. 8862; Cass. 2012 n. 8873; Cass. Sez. I, 2010, n. 21245; Cass. 2001, n. 12130; Cass. Sez. I, 1999, n 7566).

 

4)DOMANDA E’ possibile secondo la legge abbandonare la casa familiare, senza aver fatto la separazione legale?

RISPOSTA No Nella fase iniziale della crisi di coppia, ovvero quando il rapporto culmina in una rottura insanabile del menage familiare, desta particolare preoccupazione l’allontanamento della casa coniugale con i figli minori, appunto, prima della separazione da parte del padre o della madre. 

Secondo la giurisprudenza, il comportamento “astrattamente” colpevole di uno dei coniugi può dar luogo all’addebito solo se è esso stesso causa della rottura e non piuttosto la conseguenza di una crisi già in atto.

Così, ad esempio, anche il tradimento è stato considerato perdonabile laddove la coppia abbia ormai smesso di avere rapporti e sia ormai divisa oltre che fisicamente anche moralmente. l coniuge che abbandona il tetto coniugale senza una “giusta causa” viola i doveri coniugali ex art. 143 c.c.esponendosi, così, al rischio di vedersi addebitare la separazione, con tutte le conseguenze del caso (si pensi alla perdita del diritto all’assegno di mantenimento).

 

 

 

5)DOMANDA 
Una volta iniziata la separazione giudiziale, è possibile trasformarla in consensuale?

RISPOSTA

Assolutamente si in ogni momento, anzi capita molto spesso che in corso di causa i clienti trovino un accordo e trasformino la giudiziale in consensuale

 

6)DOMANDA  successivamente  la sentenza di separazione giudiziale o l’omologa della separazione consensuale, posso chiedere la modifica delle condizioni di separazione?

 

RISPOSTA: L’art. 155 ter c.c. stabilisce che “i genitori hanno il diritto di chiedere in ogni tempo la revisione delle disposizioni concernenti l’affidamento dei figli, l’attribuzione dell’esercizio della potestà su di essi e delle eventuali disposizioni relative alla misura e alla modalità dell’assegno di mantenimento”. Quindi è possibile chieder ela modifica se ricorrono i presupposti

 

7)DOMANDA come si stabilisce l’affidamento dei figli all’uno o all’altro genitore?

RISPOSTA secondo l’interesse del minore, tenendo presente che se molto piccoli quasi sempre vanno affidati alla madre

 

8)DOMANDA Che cosa prevede la legge per il mantenimento dei figli?

RISPOSTA: Sia il padre che la madre secondo le loro possibilità dovranno continuare a provvedere all’educazione e istruzione dei figli: perciò il genitore a cui non sono stati affidati dovrà contribuire economicamente, dando un assegno determinato da suo reddito

afotoseparazione

 

 

  • DIVORZIO CONSENSUALE ) l’affidamento congiunto dei figli ad entrambi i genitori – previsto dalla legge sul divorzio, art. 6 (1 dicembre 1970, n. 898, come sostituito dalla L. 6 marzo 1987, n. 74, art. 11), analogicamente applicabile anche alla separazione personale dei coniugi

 

 

 

 

  • un anno dal giorno in cui i coniugi sono comparsi personalmente davanti al presidente del tribunale nella causa di separazione giudiziale;
  • sei mesi dal giorno in cui i coniugi sono comparsi personalmente davanti al presidente del tribunale nel procedimento di separazione consensuale (anche se il procedimento è iniziato come giudiziale e si è trasformato in consensuale);
  • sei mesi dalla data certificata nell’accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita da avvocati;
  • sei mesi dalla data dell’atto contenente l’accordo di separazione concluso davanti all’ufficiale dello stato civile.
  • Mentre per la separazione personale non è descritto analiticamente il contenuto della domanda, l’art. 4 della legge n. 898/1970 indica espressamente gli elementi essenziali ai fini della validità del ricorso stesso; devono essere specificate, in particolare, le condizioni inerenti alla prole e ai rapporti economici tra i coniugi.
  • A questo proposito emerge con chiarezza il ruolo più incisivo del giudice: il Tribunale, in camera di consiglio, dovrà verificare che le condizioni medesime non siano contrarie all’interesse dei figli. Qualora non riscontri siffatta contrarietà, il tribunale, verificata l’esistenza degli elementi soggettivi e oggettivi esaminati poc’anzi in tema di controlli, pronuncerà il divorzio con sentenza.
  • Il Tribunale di pertinenza a cui rivolgersi sarà quello del comune di residenza di almeno uno dei due coniugi. I documenti da allegare al ricorso per il divorzio che andrà poi depositato in Tribunale sono:
  • L’atto di matrimonio rilasciato dal comune dove le nozze hanno avuto luogo
  • Lo stato di famiglia per entrambi i coniugi
  • Il certificato di residenza di entrambi i coniugi
  • La copia autentica della separazione consensuale accompagnata dal decreto di omologa
  • La nota di iscrizione al ruolo

 

impugnazione testamento avvocati Bologna-impugnazione testamento avvocati ravenna-impugnazione testamento avvocati Rovigo

impugnazione testamento avvocati Bologna-impugnazione testamento avvocati ravenna-impugnazione testamento avvocati BOLOGNA

 

  • È stato poi precisato che l’assegno disposto in favore del genitore presso il quale la prole è prevalentemente collocata non contrasta con il contenuto dell’art. 155 cod. civ., che fornisce alcune indicazioni sui presupposti e caratteri dell’assegno, introducendo il principio generale, già elaborato dalla giurisprudenza , per cui ciascun genitore provvede al mantenimento dei figli in misura proporzionale al proprio reddito.

 

  • DIVORZIO CONSENSUALE CONGIUNTO CON FIGLI E ASSEGNO MANTENIMENTO

  • L’ulteriore previsione che il giudice possa disporre, ove necessario, la corresponsione di un assegno periodico, al fine di realizzare tale principio di ‘proporzionalità’, esclude che la Corte territoriale abbia violato detta disposizione, in quanto la previsione di un assegno si rivela quantomeno opportuna, se non necessaria, quando, come nella specie, l’affidamento condiviso preveda un collocamento prevalente presso uno dei genitori: assegno da porsi a carico del genitore non collocatario. Del resto il ricordato art. 155 c.c., fornisce indicazioni specifiche sulla determinazione dell’assegno, considerando, tra l’altro, ‘i tempi di permanenza presso ciascun genitore’.

 

  • DIVORZIO CONGIUNTO CON FIGLI E TRASFERIMENTO BENI

 

  • Secondo la giurisprudenza le pattuizioni intervenute tra coniugi, che abbiano in corso una separazione consensuale, con cui si obblighino a trasferire determinati beni facenti parte della comunione legale, successivamente od in vista dell’omologazione della loro separazione personale consensuale ed al dichiarato fine della integrativa regolamentazione del relativo regime patrimoniale, non configura una convenzione matrimoniale ex art. 162 c.c., postulante il normale svolgimento della convivenza coniugale ed avente riferimento ad una generalità di beni anche di futura acquisizione, nè un contratto di donazione, avente come causa tipici ed esclusivi scopi di liberalità (e non l’esigenza di assetto dei rapporti personali e patrimoniali dei coniugi separati), bensì un diverso contratto atipico, con propri presupposti e finalità (Cass. 11 maggio 1984 n. 2887; Cass. 23 dicembre 1988 n. 2887; Cass. 12 settembre 1997 n. 9034).

 

 

 

 

  • Invero in base all’impianto complessivo dell’art. 711 c.p.c., (in combinato disposto con l’art. 158 c.c., comma 1), il procedimento in detta norma descritto da vita ad una fattispecie complessa nella quale il contenuto del regolamento concordato tra i coniugi, se trova la sua fonte nel relativo accordo, acquista però efficacia giuridica soltanto in seguito al provvedimento di omologazione, cui compete l’essenziale funzione di controllare che i patti intervenuti tra i coniugi siano conformi agli interessi superiori della famiglia (Cass. 5 gennaio 1984 n. 14). Nel caso in cui, nell’ambito di un accordo destinato a disciplinare una separazione consensuale, sia inserita anche una convenzione avente una sua autonomia, in quanto non immediatamente riferibile nè collegata al contenuto necessario del regime di separazione, si tratta di compiere una indagine ermeneutica, nel quadro dei principi di cui all’art. 1362 c.c., e segg., diretta a stabilire se a quella convenzione possa essere riconosciuta autonoma validità ed efficacia, infatti, alle pattuizioni convenute dai coniugi prima del decreto di omologazione e non trasfuse nell’accordo omologato, può riconoscersi validità solo quando assicurino una maggiore vantaggiosità all’interesse protetto dalla norma (ad esempio concordando un assegno di mantenimento in misura superiore a quella sottoposta ad omologazione), o quando concernano un aspetto non preso in considerazione dall’accordo omologato e sicuramente compatibile con questo in quanto non modificativo della sua sostanza e dei suoi equilibri, o quando costituiscano clausole meramente specificative dell’accordo stesso, non essendo altrimenti consentito ai coniugi incidere sull’accordo omologato con soluzioni alternative di cui non sia certa a priori la uguale o migliore rispondenza all’interesse tutelato attraverso il controllo giudiziario di cui all’art. 158 c.c., (Cass. 24 febbraio 1993 n. 2270; Cass. 20 ottobre 2005 n. 20290).

 

AVVOCATI BOLOGNA- AVVOCATO PENALISTA – STUDIO LEGALE BOLOGNA

Avvocati Anzola Dell’emilia

Avvocati Anzola Emilia

Avvocati Argelato

Avvocati B0logna

Avvocati Baricella

Avvocati Bazzano

Avvocati molinella

Avvocati Bentivolgio

Avvocati Bolgona

Avvocati Bologan

Avvocati Bologna

Avvocati Budrio

Avvocati Calcara

Avvocati Calderara Di Reno

Avvocati Camugnano

Avvocati Casalacchio Di Reno

Avvocati Casalecchio Di Reno

Avvocati Casalfiumanese

Avvocati Castel Guelfo

Avvocati Castel Maggiore

Avvocati Castel S. Pietro

Avvocati Castel S. Pietro Terme

Avvocati Castel San Pietro

Avvocati Castel San Pietro T.

Avvocati Castel San Pietro Terme

Avvocati Castello D’ Argile

Avvocati Castello D’argile

Avvocati Castello Di Serravalle

Avvocati Castelmaggiore

Avvocati Castenaso

Avvocati Castiglione Dei Pepoli

Avvocati Cento

Avvocati Ceretolo (casalecchio)

Avvocati Crespellano

Avvocati Crevalcore

Avvocati Crevalcore – Bevilacqua

– Lagaro

Avvocati Dozza

Avvocati Ferrara

Avvocati Funo – Argelato

Avvocati Funo Di Argelato

Avvocati Galliera

Avvocati Granarolo Dell’ Emilia

Avvocati Granarolo Dell’emilia

Avvocati Granarolo Emilia

Avvocati Grizzana Morandi

Avvocati Imola

Avvocati Loiano

Avvocati Malalbergo

Avvocati Marzabotto

Avvocati Medicina

Avvocati Minerbio

Avvocati Modena

Avvocati Molinella

Avvocati Molinella – Loc Alberino

Avvocati Molinella Loc. Alberino

Avvocati Monte San Pietro

Avvocati Monterenzio

Avvocati Monteveglio

Avvocati Osteria Grande

Avvocati Ozzano Dell’emilia

Avvocati Ozzano Emilia

Avvocati Pian Del Voglio

Avvocati Pian Di Macina

Avvocati Pianoro

Avvocati Pianoro Loc. Rastignano

Avvocati Pianoro Vecchio

Avvocati Pieve Di Cento

Avvocati Porretta Terme

Avvocati Rastignano

Avvocati Rastignano – Pianoro

Avvocati Rastignano (pianoro)

Avvocati Rastignano Di Pianoro

Avvocati Reggio Emilia

Avvocati Riale Di Zola Predosa

Avvocati S. Agata Bolognese

Avvocati S. Giorgio Di Piano

Avvocati S. Giovanni In Persiceto

Avvocati S. Lazzaro Di Savena

Avvocati S. Pietro In Casale

Avvocati S.giorgio Di Piano

Avvocati S.lazzaro Di Savena

Avvocati Sala Bolognese

Avvocati San Giorgio Di Piano

Avvocati San Giovanni In Persiceto

Avvocati San Lazzaro Di Savena

Avvocati San Matteo Della Decima

Avvocati San Pietro In Casale

Avvocati Sant’agata Bolognese

Avvocati Sasso Marconi

Avvocati Toscanella Di Dozza

Avvocati Urbino

Avvocati Vergato

Avvocati Villanova Di Castenaso

Avvocati Zola

Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?

Cerchi un avvocato per separazione a Imola?

Chiama L’avvocato Sergio Armaroli avvocato separazioni e divorzi Imola!!

 

Avvocato per separazione e divorzi Imola chiama il numero 051 6447838 e prendi un appuntamento

Avvocato per separazione e divorzi Imola ha studio a Bologna in via Solferino 30 a cento metri dal Tribunale di Bologna competente per cause separazioni  e divorzi di Imola

Cerchi un avvocato per divorzio a Imola?

Cerchi un avvocato per separazione a Imola?

chiama adesso PREMI