AVVOCATI BOLOGNA SEPARAZIONE CONSENSUALE- AVVOCATI MATRIMONIALISTI BOLOGNA

AVVOCATI BOLOGNA SEPARAZIONE CONSENSUALE

RINUNCIA EREDITA’ COSA E’ ?QUANDO FARLA ? AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA effetti della rinuncia all eredità rinuncia successione conseguenze rinuncia eredità costi rinuncia eredità rinuncia eredità termine rinuncia eredità minorenni rinuncia eredità modulo rinuncia eredità debiti
RINUNCIA EREDITA’ COSA E’ ?QUANDO FARLA ? AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA effetti della rinuncia all eredità rinuncia successione conseguenze rinuncia eredità costi rinuncia eredità rinuncia eredità termine rinuncia eredità minorenni rinuncia eredità modulo rinuncia eredità debiti

In tema di separazione personale tra i coniugi, al fine della quantificazione dell’assegno di mantenimento, il giudice del merito deve anzitutto accertare il tenore di vita dei coniugi durante il matrimonio, per poi verificare se i mezzi economici a disposizione del coniuge gli permettano di conservarlo indipendentemente dalla percezione di detto assegno e, in caso di esito negativo di questo esame, deve procedere alla valutazione comparativa dei mezzi economici a disposizione di ciascun coniuge al momento della separazione. In quest’ambito, la valutazione delle condizioni economiche delle parti non richiede la determinazione dell’esatto importo dei redditi posseduti attraverso l’acquisizione di dati numerici, in quanto è necessaria, ma anche sufficiente, un’attendibile ricostruzione delle complessive situazioni patrimoniali e reddituali dei coniugi, in relazione alle quali sia possibile pervenire a fissare l’erogazione, in favore di quello più debole, di una somma corrispondente alle sue esigenze (cfr, tra le altre, cass n. 13592 del 2006). A questi principi i giudici di appello si sono ineccepibilmente attenuti, avendo pure tenuto conto, comparandoli, dei redditi fruiti da ciascuna delle parti, quali risultanti dalla documentazione fiscale, e dunque non solo di quelli d’indole retributiva, oltre che dell’entità dei rispettivi patrimoni immobiliari, conclusivamente, motivatamente ed attendibilmente evidenziando la minore consistenza delle condizioni economiche della B. rispetto a quelle del coniuge e l’insufficienza delle stesse a consentirle di mantenere, in termini evidentemente tendenziali, l’emerso, agiato tenore della pregressa vita coniugale.

 

n particolare, il riferimento agli incrementi reddituali dell’obbligato è conforme all’orientamento espresso al riguardo da questa Corte, che ha ripetutamente affermato il principio che l’accertamento del diritto all’assegno di divorzio va effettuato verificando l’inadeguatezza dei mezzi (o l’impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive), raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio, o che poteva legittimamente e ragionevolmente fondarsi su aspettative maturate nel corso del matrimonio, fissate al momento del divorzio. Nella individuazione di tali aspettative, deve tenersi conto unicamente delle prospettive di miglioramenti economici maturate nel corso del matrimonio che trovino radice nell’attività all’epoca svolta e/o nel tipo di qualificazione professionale e/o nella collocazione sociale dell’onerato, e cioè solo di quegli incrementi delle condizioni patrimoniali dell’ex-coniuge che, come nella specie, si configurino come ragionevole sviluppo di situazioni e aspettative presenti al momento del divorzio (Cass., 19 novembre 2010, n. 23508; Cass. 4 ottobre 2010, n. 20582; Cass., 26 settembre 2007, n. 20204).

 

econdo quanto affermato nella sentenza n. 2059/012, richiamata dalla stessa ricorrente, in tema di addebito della separazione personale l’inosservanza dell’obbligo di fedelta’ coniugale rappresenta una violazione particolarmente grave la quale, determinando normalmente l’intollerabilita’ della prosecuzione della convivenza, deve ritenersi, di regola, circostanza sufficiente a giustificare l’addebito della separazione al coniuge responsabile, mentre i fatti che escludono il nesso di causalita’ tra la violazione accertata e l’intollerabilita’ della prosecuzione della convivenza, ove non emergano dagli atti del processo, devono essere allegati e provati dalla parte che resiste alla domanda di addebito.

AS15

Sia in sede di separazione che di divorzio – gli artt. 155 quater c.c. (applicabile alla fattispecie concreta ratione temporis) e 6, co. 6, della L. n. 898 del 1970, come modificato dall’art. 11 della L. n. 74 del 1987, consentono al giudice di assegnare l’abitazione al coniuge non titolare di un diritto di godimento (reale o personale) sull’immobile, solo se a lui risultino affidati figli minori, ovvero con lui risultino conviventi figli maggiorenni non autosufficienti. Tale ‘ratio’ protettiva, che tutela l’interesse dei figli a permanere nell’ambiente domestico in cui sono cresciuti, non è configurabile, invece, in presenza di figli economicamente autosufficienti, sebbene ancora conviventi, verso i quali non sussiste, invero, proprio in ragione della loro acquisita autonomia ed indipendenza economica, esigenza alcuna di spedale protezione (cfr., ex plurimis, Cass. 5857/2002; 25010/2007; 21334/2013). Devesi – per il vero – considerare, in proposito, che l’assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario risponde all’esigenza di tutela degli interessi dei figli, con particolare riferimento alla conservazione del loro ‘habitat’ domestico inteso come centro della vita e degli affetti dei medesimi, con la conseguenza che detta assegnazione non ha più ragion d’essere soltanto se, per vicende sopravvenute, la casa non sia più idonea a svolgere tale essenziale funzione. (Cass. 6706/2000).

1.4.2. Come per tutti i provvedimenti conseguenti alla pronuncia di separazione o di divorzio, dunque, anche per l’assegnazione della casa familiare vale il principio generale della modificabilità in ogni tempo per fatti sopravvenuti. E tuttavia, tale intrinseca provvisorietà dei provvedimenti in parola non incide sulla natura e sulla funzione della misura, posta ad esclusiva tutela della prole, con la conseguenza che anche in sede di revisione – come in qualsiasi altra sede nella quale, come nel presente giudizio, sia in discussione il permanere delle condizioni che avevano giustificato l’originaria assegnazione – resta imprescindibile il requisito dell’affidamento di figli minori o della convivenza con figli maggiorenni non autosufficienti.

Ne discende che, se è vero che la concessione del beneficio ha anche riflessi economici, particolarmente valorizzati dall’art. 6, co. 6, della legge sul divorzio, nondimeno l’assegnazione in questione non può essere disposta al fine di sopperire alle esigenze economiche del coniuge più debole, a garanzia delle quali è unicamente destinato l’assegno di divorzio (Cass. 13736/2003; 10994/2007; 18440/2013).

1.4.3. Ebbene, non può revocarsi in dubbio che i principi di diritto suesposti debbano costituire le linee guida per risolvere anche il caso – ricorrente nella specie – in cui (a casa adibita a residenza coniugale sia stata alienata, dopo l’assegnazione all’altro coniuge (affidatario di figli minori o convivente con figli maggiorenni non auto-sufficienti), dal coniuge proprietario dell’immobile.

1.4.3.1. Ed invero, ai sensi dell’art. 6, co. 6, della legge n. 898 del 1970 (nel testo sostituito dall’art. 11 della l. n. 74 del 1987), applicabile anche in tema di separazione personale, il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile, ancorché non trascritto, al terzo acquirente in data successiva per nove anni dalla data dell’assegnazione, ovvero – ma solo ove il titolo sia stato in precedenza trascritto – anche oltre i nove anni.

Tale opponibilità conserva, beninteso, il suo valore finché perduri l’efficacia della pronuncia giudiziale, costituente il titolo in forza del quale il coniuge, che non sia titolare di un diritto reale o personale di godimento dell’immobile, acquisisce il diritto di occuparlo, in quanto affidatario di figli minori o convivente con figli maggiorenni non economicamente autosufficienti (cfr. Cass. S.U. 11096/2002, in motivazione; Cass. 5067/2003; 9181/2004; 12296/2005; 4719/2006). È fin troppo evidente, infatti, che il perdurare sine die dell’occupazione dell’immobile – perfino quando ne siano venuti meno i presupposti, per essere i figli divenuti ormai autonomi economicamente – si risolverebbe in un ingiustificato, durevole, pregiudizio al diritto del proprietario terzo di godere e disporre del bene, ai sensi degli artt. 42 Cost. e 832 c.c. Una siffatta lettura delle succitate norme che regolano l’assegnazione della casa coniugale (v. ora l’art. 337 sexies c.c.), del resto, presterebbe certamente il fianco a facili censure di incostituzionalità.

1.4.3.2. Ciò posto, va rilevato che l’efficacia della pronuncia giudiziale del provvedimento di assegnazione in parola può essere messa in discussione tra i coniugi, circa il perdurare dell’interesse dei figli, nelle forme del procedimento di revisione previsto all’art. 9 della L. n. 898 del 1970, attraverso la richiesta di revoca del provvedimento di assegnazione, per il sopravvenuto venir meno dei presupposti che ne avevano giustificato l’emissione.

Per converso, deve ritenersi che il terzo acquirente – non legittimato ad attivare il procedimento suindicato – non possa che proporre, instaurando un ordinario giudizio di cognizione, una domanda di accertamento dell’insussistenza delle condizioni per il mantenimento del diritto personale di godimento a favore del coniuge assegnatario della casa coniugale, per essere venuta meno la presenza di figli minorenni o di figli maggiorenni non economicamente autosufficienti, con il medesimo conviventi. E ciò al fine di conseguire una declaratoria di inefficacia del titolo che legittima l’occupazione della casa coniugale da parte del coniuge assegnatario, a tutela della pienezza delle facoltà connesse al diritto dominicale acquisito, non più recessive rispetto alle esigenze di tutela dei figli della coppia separata o divorziata (cfr. Cass. 18440/2013, secondo cui ogni questione relativa al diritto di proprietà della casa coniugale o al diritto di abitazione sull’immobile esula dalla competenza funzionale del giudice della separazione o del divorzio, e va proposta con il giudizio di cognizione ordinaria). In mancanza, il terzo – non potendo attivare il procedimento, riservato ai coniugi, di cui all’art. 9 della legge sul divorzio – resterebbe, per il vero, del tutto privo di tutela, in violazione del disposto dell’art. 24 Cost..

 

abusi edilizi abusivismo aggravanti appalto appalto pubblico appello assegno di mantenimento e divorzile Assicurazione avvocato bancarotta cartella esattoriale codice degli appalti compenso avvocato compravendita condominio confisca D.Lgs. n. 74 del 2000 D.Lgs. n. 163 del 2006 D.lgs n. 74/2000 danno biologico Decreto legislativo 74 del 2000 diffamazione diritto bancario diritto tributario diritto urbanistico distanze fallimento furto guida in stato di ebbrezza immissioni incidente stradale infortunio sul lavoro ingiuria insidia e trabochetto IVA lavoro subordinato lesioni licenziamento locazione minori misure cautelari misure cautelari personali misure cautelari reali Notaio notifiche omicidio colposo patteggiamento peculato preliminare prescrizione responsabilità datore lavoro responsabilità ex art. 2043 c.c. responsabilità ex art. 2051 c.c. responsabilità medica risarcimento danni risoluzione separazione coniugi sequestro Sequestro preventivo servitù straniero stupefacenti tributario truffa Violazione delle norme sulla circolazione stradale violenza

Avvocati Anzola Dell’emilia Avvocati Anzola Emilia Avvocati Argelato Avvocati B0logna Avvocati Baricella Avvocati Bazzano Avvocati molinella Avvocati Bentivolgio Avvocati Bolgona Avvocati Bologan Avvocati Bologna Avvocati Budrio Avvocati Calcara Avvocati Calderara Di Reno Avvocati Camugnano Avvocati Casalacchio Di Reno Avvocati Casalecchio Di Reno Avvocati Casalfiumanese Avvocati Castel Guelfo Avvocati Castel Maggiore Avvocati Castel S. Pietro Avvocati Castel S. Pietro Terme Avvocati Castel San Pietro Avvocati Castel San Pietro T. Avvocati Castel San Pietro Terme Avvocati Castello D’ Argile Avvocati Castello D’argile Avvocati Castello Di Serravalle Avvocati Castelmaggiore Avvocati Castenaso Avvocati Castiglione Dei Pepoli Avvocati Cento Avvocati Ceretolo (casalecchio) Avvocati Crespellano Avvocati Crevalcore Avvocati Crevalcore – Avvocati De Fabbri – Minerbio Avvocati Dei Pepoli – Lagaro Avvocati Dozza Avvocati Ferrara Avvocati Funo – Argelato Avvocati Funo Di Argelato Avvocati Galliera Avvocati Granarolo Dell’ Emilia Avvocati Granarolo Dell’emilia Avvocati Granarolo Emilia Avvocati Grizzana Morandi Avvocati Imola Avvocati Loiano Avvocati Malalbergo Avvocati Marzabotto Avvocati Medicina Avvocati Minerbio Avvocati Modena Avvocati Molinella Avvocati Molinella – Loc Alberino Avvocati Molinella Loc. Alberino Avvocati Monte San Pietro Avvocati Monterenzio Avvocati Monteveglio Avvocati Osteria Grande Avvocati Ozzano Dell’emilia Avvocati Ozzano Emilia Avvocati Pian Del Voglio Avvocati Pian Di Macina Avvocati Pianoro Avvocati Pianoro Loc. Rastignano Avvocati Pianoro Vecchio Avvocati Pieve Di Cento Avvocati Porretta Terme Avvocati Rastignano Avvocati Rastignano – Pianoro Avvocati Rastignano (pianoro) Avvocati Rastignano Di Pianoro Avvocati Reggio Emilia Avvocati Riale Di Zola Predosa Avvocati S. Agata Bolognese Avvocati S. Giorgio Di Piano Avvocati S. Giovanni In Persiceto Avvocati S. Lazzaro Di Savena Avvocati S. Pietro In Casale Avvocati S.giorgio Di Piano Avvocati S.lazzaro Di Savena Avvocati Sala Bolognese Avvocati San Giorgio Di Piano Avvocati San Giovanni In Persiceto Avvocati San Lazzaro Di Savena Avvocati San Matteo Della Decima Avvocati San Pietro In Casale Avvocati Sant’agata Bolognese Avvocati Sasso Marconi Avvocati Toscanella Di Dozza Avvocati Urbino Avvocati Vergato Avvocati Villanova Di Castenaso Avvocati Zola Predosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *